12. VOLKSWAGEN - da operaicontro

Rompere il muro del silenzio: inchiesta sulla salute in fabbrica. La situazione alla Volkswagen in Belgio.Riportiamo i dati di una inchiesta medica fatta ultimamente agli operai della VW in Belgio. Sono stati distribuiti 3800 questionari. Per vari motivi, sono stati restituiti 603 questionari. Ciò vuol dire che un operaio su dieci presente in fabbrica ha riconsegnato il questionario rispondendo alle domande.

Riportiamo i dati più interessanti dell’inchiesta

Hanno risposto al questionario: il 96 % di operai e il 4 % di operaie. L’età media era di 35 anni.

L’89,6 % degli intervistati ha un contratto a tempo indeterminato; Il 7,3 % è temporaneo. Mentre gli altri hanno contratti particolari.

Il 42 % degli intervistati lavora nella fabbrica da 10 a 20 anni; Il 26 % lavora da 0 a 5 anni; l’11% da 5 a 10 anni mentre 21 % lavora alla VW da più di 20 anni.

IL 73 % degli operai intervistati lavora alla catena di montaggio, mentre il restante 27% lavora in altri reparti.

Alla domanda se hanno già subito incidenti sul lavoro la risposta è stata:

Incidenti leggeri : 52%; Incidenti gravi : 11%; Nessun incidenti: 41% .

Alla domanda su quali sono i sintomi che si manifestano a causa del lavoro la risposta è stata: problemi allo stomaco : 32%; Insonnia: 29%; Allergie: 10%;

Mal di testa: 31 %; Torcicollo: 31%; Tremori : 11%; Depressione: 26%; Problemi cardiaci: 8%; Problemi respiratori: 21%; Fatica continua: 49%; Male alla schiena: 59%; Sovratensione: 21%; Nessuno: 4%.

Il 57% degli operai menziona 3 o più sintomi; Il 21% menziona 5 o più sintomi.

Alla domanda se prendono frequentemente medicinali, la risposta è stata:

Sì : 50% ; No: 50%.

Gli operai che prendono medicine utilizzano soprattutto antidolorifici (63%); Vitamine (30%); antidepressivi (5%)

Alla domanda su quanto è il carico di lavoro, la risposta è stata :

Sopportabile/Buono: 26%; Insopportabile: 14%; Troppo veloce: 37%; Variabile secondo la domanda: 20%; Altro: 4% Nel 55% degli intervistati si evidenziava che il tema considerato più problematico era quello dei carichi di lavoro. Alla domanda su quali fossero le rivendicazioni per la quale le delegazioni sindacali si devono battere, la risposta è stata così articolata: Molto sentito è il problema dei carichi di lavoro. Molti operai hanno proposto di aumentare le pause di lavoro, maggiore libertà di potere accedere e usufruire ai congedi, orari e postazioni di lavoro adatti agli operai più anziani, più rotazioni nei settori e la riduzione dell’orario di lavoro (32 ore mantenendo lo stesso salario).

Gli operai ponevano l’accento sulla necessità di una maggiore solidarietà tra operai.

Altre rivendicazioni: aumenti salariali; servizi medici al servizio degli operai; prepensionamenti. Gli operai hanno scritto: " Non possiamo accettare tanti sacrifici per una fabbrica che si arricchisce".

Traduzione da ‘Solidaire’- Marzo 2001