usa-FOTO DI MINORI IN MINIERA - LEWIS HINE

http://it.wikipedia.org/wiki/Lewis_Hine

 

 

The History of Child Labor During the American Industrial Revolution

by Jennifer Wagner
October 2002


Child labor, the practice of employing young children in factories and in other industries, was a widespread means of providing mass labor at little expense to employers during the American Industrial Revolution. The employers forced young workers into dangerous labor-intensive jobs that caused "severe and permanent physical, psychological, intellectual, and social damage" (Greene 10). The United States experienced a boom in child labor during the Industrial Revolution. The American Industrial Revolution, which was at its peak between the late 19th century and early 20th century, fostered the employment of children. By 1900 over two million children, mostly immigrant children under the age of sixteen, were employed. Many young immigrants to the United States lived in abject poverty in tenement houses located in urban areas. The immigrant children worked in inhumane conditions in textile mills, coalmines, flourmills, machine shops, garment factories, tobacco factories, shoe factories, and carpet plants, in order to provide a source of income for their families. In numerous industries children labored around unsafe machinery. Children labored for many hours, but received wages that were much lower than those received by adult laborers for comparable work. Each and every industry that emerged during the Industrial Revolution contributed to the impairment of the health and social well being of its young workers.

Coalmining was a prominent industry throughout eastern Pennsylvania, northern Maryland, and Wyoming. In 1885, legislation was passed in order to restrict the working age of miners. Breaker boys, who worked aboveground to sort slate, rocks, and other debris from the coal, were required to be at least twelve years of age. Underground miners were required to be at least fourteen years of age. Boys' parents often presented a fake birth certificate with an altered date of birth in order to have their children, who were often as young as five or six years of age, work in the mines. Breaker boys, the youngest of the miners, were subjected to large quantities of coal dust while they sat on the edges of trough-like chutes in order to handpick debris from the coal. Employers did not allow the breaker boys to wear gloves for fear that they would inhibit the agility of the boys' hands. If a boy were caught wearing gloves, the boss would beat him. A skin condition that miners termed "red tips" was brought about by prolonged contact with sulfur from the coal. Breaker boys' fingers often became cracked, bloody, and swollen from sorting. Breaker boys also suffered from chronic throat trouble and respiratory illnesses that were caused by inhaling coal dust. Aboveground machinery, particularly coal crushers, was dangerously loud. If a breaker boy worked long hours around the coal crusher he often suffered from hearing loss. After working for very long hours, as long as twelve hours a day, a breaker boy would become exhausted and careless around the machinery. Exhausted boys ran the risk of serious injury from the machinery. Fingers were often caught in coal conveyers, causing either severe maiming of the hand or the loss of fingers. Occasionally a boy fell into the coal crusher and was ground to pieces. Working conditions were significantly more dangerous in the underground mining operations. The daily chances of severe injury or death were much greater than aboveground. Poisonous gases, especially methane, which was released naturally by the process of coalmining, were always present underground. A buildup of methane and carbon monoxide usually led to an explosion that killed many of the miners. Mining tunnels often collapsed, either paralyzing or crushing the workers to death. Sometimes a young miner would be crushed to the ground so severely that his body would have to be scraped from the floor of the mine with a shovel. Underground fires, a precursor or aftermath of an explosion, would trap workers underground with no means of escape. Miners defecated in the mines due to lack of proper sanitation facilities. Rat infestation was a common problem that led to the spread of disease. Nippers, boys who opened doors for incoming mining cars filled with up to four tons of coal, were often run over and killed when they carelessly forgot to open the passageway in order to allow the car to continue through. Spraggers were boys who kept the mining cars in motion by using long sticks in order to keep the wheels turning. Many spraggers got an arm or a leg entangled in and cut off by the spokes of one of the wheels. Both aboveground or underground child miners attempted strikes in order to protest against the merciless working conditions. However, the strikes usually failed; employers would beat and whip the young workers until they reluctantly returned to work.

The machinery in textile mills was just as dangerous as the machinery in the mines. Spinner girls watched numerous rows of bobbins spin at a rapid pace. Their job was to tie threads together that had snapped on the bobbins. Spinners did this monotonous, menial task for as long as seventy hours each week. A spinner, who worked the night shift at a textile mill in North Carolina in the early 20th century, commented on her job; "My eyes hurt always from watching the threads at night. Sometimes the threads seem to be cutting into my eyes" (Saller 14). Doffer boys had the simple, mundane task of replacing empty bobbins. Both spinners and doffers ran the risk of loosing fingers or a hand in the machinery that rapidly spun the bobbins. Nerve strain and eyestrain were very common among young textile workers. Textile mills were located in close quarters with poor ventilation. The humid lint-filled air promoted the spread of bronchitis and tuberculosis among the workers.

Sweatshops were in-house garment factories that were located in tenement houses. They were poorly ventilated and were infested with vermin. Parents kept children home from school in order to perform tedious and repetitive tasks. Children finished seams, sewed pieces of garments such as shirtsleeves, or sewed on buttons. They handled poisonous glues and numerous chemicals that were frequently used in the garment industry. The rooms in which the children labored were locked in order to ensure that each laborer worked for his or her full ten to twelve hours each day. If there were a fire in the house, there was no means of escape; the children were trapped behind the locked doors.

Children labored on the city streets. Telegraph messengers, shoeshine boys, and newspaper delivery boys worked in the outdoors during all seasons. During the winter, exposure to extreme cold caused illness and death. Messengers and newspaper boys were on their feet for hours. Some boys had a paper route at five o'clock in the morning and another route at midnight. Standing on the concrete pavement for hours on end caused orthopedic defects. Other child laborers worked in canneries, shucking oysters with sharp knives, peeling shrimp, and peeling vegetables.

Reform of child labor during the Industrial Revolution was not an immediate success. It took several years and numerous attempts by Congress to pass a national law designed to improve working conditions and to raise the legal working age. In 1904, the National Child Labor Committee was formed. Lewis Hines, photographer for the NCLC, traveled throughout the United States from 1907 until 1918, filming and photographing children at work. His photographs were publicized in several newspapers. The public now had access to images from within the walls of factories and from the underground mines. The photographs poignantly expressed the terrible conditions in which America's children labored. The majority of the public desired reform, whereas the business community refused to acknowledge that child labor was a serious issue. After a great deal of protest from the NCLC, the first federal child labor law was passed in 1916. According to the 1916 law, only businesses involved in interstate commerce or foreign commerce were subject to abide by the raise in working age and the decrease in the number of hours that a child could work. In 1918, the Supreme Court declared the 1916 law unconstitutional. Once again, the business community was one step ahead of the public reformers. Finally after a long and frustrating legal struggle, Congress passed the Fair Labor Standards Act in 1938. "Under the Fair Labor Standards Act, children fourteen and fifteen years old were permitted to work, but only if their work did not interfere with their schooling or health. It prohibited anyone under eighteen from working in mining, manufacturing, logging, and other dangerous occupations. The law also had a minimum wage that applied equally to adults and children. The law limited the number of hours per day a child could work. Employers could no longer substitute a child worker for an adult" (Greene 68).


Child labor was a very serious social and economic issue in the United States during the Industrial Revolution. The concept of working children was so widespread that it became readily accepted by society. Intense and dangerous labor became a way of life for millions of children living in America. Lewis Hines used few words and extremely powerful images to educate the American public about the negative effects of child labor. Federal reform of child labor was brought about by the Fair Labor standards Act of 1938. It has proven to be the basis of other labor reforms throughout the past sixty-four years.

 

 

 

 

 

(traduzione google)

 

Il lavoro minorile , la pratica di impiegare bambini nelle fabbriche e in altri settori , è stato un mezzo diffuso di fornitura di lavoro di massa , con poca spesa per i datori di lavoro durante la rivoluzione industriale americana. I datori di lavoro obbligati giovani lavoratori in pericolo posti di lavoro ad alta intensità che hanno provocato " danni fisici , psicologici , intellettuali e sociali gravi e permanenti " ( Greene 10) . Gli Stati Uniti hanno registrato un boom nel lavoro minorile durante la rivoluzione industriale . La rivoluzione industriale americana, che era al suo apice tra la fine del 19 ° secolo e all'inizio del 20 ° secolo, ha favorito l'impiego di bambini . Nel 1900 oltre due milioni di bambini , bambini per lo più immigrati di età inferiore ai sedici anni , sono stati impiegati . Molti giovani immigrati negli Stati Uniti vivevano in condizioni di estrema povertà in case popolari situate in aree urbane . I bambini immigrati lavoravano in condizioni disumane in fabbriche tessili , miniere di carbone , mulini , officine meccaniche , fabbriche di abbigliamento , fabbriche di tabacco , calzaturifici , tappeti e piante , al fine di fornire una fonte di reddito per le loro famiglie . In numerose industrie bambini lavoravano intorno macchinari non sicuri . I bambini lavoravano per molte ore , ma hanno ricevuto i salari che erano molto più bassi di quelli ricevuti dai lavoratori adulti per un lavoro analogo . Ogni settore che è emerso durante la rivoluzione industriale ha contribuito al deterioramento della salute e il benessere sociale dei suoi giovani lavoratori .

Miniere di carbone è stato un settore di primo piano in tutta Pennsylvania orientale, settentrionale Maryland , e Wyoming . Nel 1885 , la legislazione è stata approvata al fine di limitare l'età di lavoro dei minatori . Breaker ragazzi , che hanno lavorato fuori terra di tipo ardesia , pietre e altri detriti dal carbone , dovevano essere almeno dodici anni di età. Minatori sotterranei dovevano essere almeno quattordici anni di età . I genitori dei ragazzi spesso hanno presentato un certificato di nascita falso con una data di alterato di nascita in modo da avere i loro figli , che erano spesso giovani come cinque o sei anni di età , il lavoro nelle miniere . Breaker ragazzi , il più giovane dei minatori , sono stati sottoposti a grandi quantità di polvere di carbone , mentre erano seduti sui bordi del scivoli depressione -come per sceglierti detriti dal carbone . I datori di lavoro non hanno permesso ai ragazzi interruttore di indossare i guanti per paura che avrebbero inibire l' agilità delle mani dei ragazzi. Se un ragazzo sono stati catturati con i guanti , il boss avrebbe picchiato . Una condizione della pelle che i minatori chiamate " punte rosse " è stata provocata da un contatto prolungato con lo zolfo dal carbone . Dita Breaker ragazzi spesso diventano incrinati , sanguinosa , e gonfi di smistamento . Breaker ragazzi anche sofferto di problemi di gola cronico e malattie respiratorie che sono stati causati da inalazione di polvere di carbone . Macchinari fuori terra , frantoi soprattutto di carbone, era pericolosamente alto. Se un ragazzo interruttore lavorato lunghe ore intorno al frantoio di carbone ha spesso sofferto di perdita dell'udito. Dopo aver lavorato per molte ore , fino a dodici ore al giorno , un ragazzo interruttore sarebbe diventato esausto e distratto intorno alla macchina. Ragazzi esausti correvano il rischio di lesioni gravi da parte della macchina . Le dita erano spesso catturati in trasportatori del carbone , causando sia una grave mutilazione della mano o la perdita delle dita . Di tanto in tanto un ragazzo caduto nel frantoio di carbone ed è stato macinato a pezzi . Le condizioni di lavoro erano significativamente più pericoloso nelle operazioni minerarie sotterranee. Le possibilità quotidiane di lesioni gravi o morte erano molto più grande di superficie. Gas velenosi , soprattutto metano , che è stato rilasciato naturalmente dal processo dell'estrazione di carbone , erano sempre presenti nel sottosuolo. Un accumulo di metano e monossido di carbonio di solito ha portato a un'esplosione che ha ucciso molti dei minatori . Gallerie minerarie spesso crollati , sia paralizzante o schiacciare i lavoratori a morte . Talvolta un giovane minatore verrebbe schiacciato al suolo così gravemente che il suo corpo dovrebbe essere raschiato dal pavimento della miniera con una pala . Fuochi sotterranei, un precursore o conseguenze di una esplosione , sarebbe intrappolare i lavoratori della metropolitana , senza possibilità di fuga . Minatori defecavano nelle miniere per mancanza di strutture sanitarie adeguate . Ratto infestazione è un problema comune che ha portato alla diffusione della malattia. Tronchesi , ragazzi che hanno aperto le porte per le auto in arrivo minerarie pieni di fino a quattro tonnellate di carbone , sono stati spesso travolto e ucciso quando incautamente dimenticato di aprire il passaggio per permettere alla vettura di continuare attraverso . Spraggers erano ragazzi che teneva le macchine minerarie in movimento con lunghi bastoni in modo da tenere le ruote di svolta . Molti spraggers ottenuto un braccio o una gamba impigliata in e tagliati fuori dai raggi di una ruota . Sia fuori terra o interrati bambini minatori cercarono scioperi per protestare contro le condizioni di lavoro spietati . Tuttavia, gli scioperi di solito non sono riusciti , i datori di lavoro avrebbero picchiato e frustare i giovani lavoratori fino a malincuore tornati a lavorare .

I macchinari in fabbriche tessili era altrettanto pericoloso come le macchine nelle miniere . Spinner ragazze guardavano numerosi filari di bobine girano ad un ritmo rapido . Il loro compito era quello di legare insieme le discussioni che si erano accese le bobine . Spinners fatto questo monotono , compito umile per tutto il tempo 70 ore alla settimana . Una filatrice , che faceva il turno di notte in una fabbrica tessile in North Carolina nel 20esimo secolo , ha commentato il suo lavoro : " I ​​miei occhi fanno male sempre di guardare i fili di notte A volte i fili sembrano essere il taglio negli occhi. " ( Saller 14) . Doffer ragazzi avevano il semplice , banale compito di sostituire bobine vuote . Entrambi i filatori e pettinatori correvano il rischio di dita che perdono o una mano nel macchinario che girava rapidamente le bobine . Tensione nervosa e l'affaticamento degli occhi erano molto comuni tra i giovani lavoratori tessili . Textile Mills si trovavano nei quarti vicini con scarsa ventilazione . L' aria umida residuo di stoffa pieno promosso la diffusione della bronchite e della tubercolosi tra i lavoratori.

Sweatshops erano in-house fabbriche di abbigliamento che si trovavano nelle case popolari . Erano poco ventilati ed erano infestati da parassiti . Genitori tenevano i bambini a casa da scuola , al fine di svolgere compiti noiosi e ripetitivi . Bambini finito cuciture , cucito pezzi di indumenti , come maniche di camicia , o cucito su pulsanti . Hanno gestito colle velenose e numerose sostanze chimiche che sono state frequentemente utilizzate per l'industria dell'abbigliamento. Le camere in cui i bambini lavoravano sono stati bloccati in modo da garantire che ogni lavoratore ha lavorato per il suo pieno 10-12 ore ogni giorno . Se ci fosse un incendio in casa, non c'era via di fuga , i bambini sono rimasti intrappolati dietro le porte chiuse .

I bambini lavoravano nelle strade della città . Telegraph messaggeri, lustrascarpe ragazzi, ei ragazzi di consegna giornale lavoravano all'aria aperta in tutte le stagioni . Durante l'inverno , l'esposizione alla malattia estrema causata freddo e la morte . Messaggeri e ragazzi giornali erano in piedi per ore . Alcuni ragazzi hanno avuto un percorso carta a 05:00 la mattina e un altro itinerario a mezzanotte . In piedi sul marciapiede di cemento per ore ha causato difetti ortopedici. Altri bambini lavoratori lavoravano in fabbriche di conserve , sgusciatura ostriche con coltelli affilati , peeling gamberetti , verdure e peeling .

Riforma del lavoro minorile durante la rivoluzione industriale non è stato un successo immediato . Ci sono voluti diversi anni e numerosi tentativi da parte del Congresso di approvare una legge nazionale volta a migliorare le condizioni di lavoro e di aumentare l'età minima legale per lavorare . Nel 1904 , il Comitato Nazionale di Lavoro infantile è stato formato . Lewis Hines , fotografo del National Child Labor Committee , viaggiò attraverso gli Stati Uniti dal 1907 fino al 1918 , filmare e fotografare i bambini al lavoro. Le sue fotografie sono state pubblicizzate in diversi giornali . Il pubblico ora ha avuto accesso alle immagini da dentro le mura di fabbriche e dalle miniere sotterranee . Le fotografie acutamente espresso le terribili condizioni in cui i bambini americani lavoravano . La maggior parte del pubblico riforma desiderata , mentre la comunità imprenditoriale ha rifiutato di riconoscere che il lavoro minorile è un problema serio . Dopo una grande quantità di protesta dal CCNL , la prima legge federale del lavoro minorile è stata approvata nel 1916. Secondo la legge 1916 , solo le imprese coinvolte nel commercio interstatale o estero commercio sono stati oggetto di rispettare il rilancio in età di lavoro e la diminuzione del numero di ore che un bambino potrebbe funzionare . Nel 1918 , la Corte Suprema ha dichiarato incostituzionale la legge 1916 . Ancora una volta , la comunità imprenditoriale è stato un passo avanti dei riformatori pubblici . Finalmente , dopo una battaglia legale lunga e frustrante , il Congresso approvò la Fair Labor Standards Act nel 1938 . "Sotto il Fair Labor Standards Act , i bambini quattro- anni è stato permesso di lavorare , ma solo se il loro lavoro non ha interferito con la scuola o la salute . Si vietato minori di diciotto anni di lavoro nel settore minerario, manifatturiero , la registrazione e altre pericolose occupazioni . la legge ha avuto anche un salario minimo che applica ugualmente ad adulti e bambini . la legge limita il numero di ore al giorno, un bambino potrebbe funzionare . datori di lavoro non possono più sostituire un lavoratore bambino per un adulto " ( Greene 68 ) .

Il lavoro minorile è una questione sociale ed economica molto grave negli Stati Uniti, durante la rivoluzione industriale . Il concetto di bambini che lavorano è così diffuso che è diventato prontamente accettato dalla società . Lavoro intenso e pericoloso è diventato uno stile di vita per milioni di bambini che vivono in America . Lewis Hines usato poche parole e immagini estremamente potente per educare l'opinione pubblica americana circa gli effetti negativi del lavoro minorile . Riforma federale del lavoro minorile è stato portato dalla Fair Labor Standards Act del 1938. Ha dimostrato di essere la base di altre riforme del lavoro nel corso degli ultimi 64 anni .