vedi anche Volantino - RSU ALP/CUB-SACHS-ZF 20/06

 

Sciopero alla Zf Sachs di Villar Perosa

- eco del chisone 20/06/02
Mezz'ora ogni giorno fino alla convocazione
Il futuro, per ora incerto, della società – Il problema degli esuberi e quello degli investimenti

VILLAR PEROSA – Da lunedì scorso, e fino a quando non ci sarà un incontro con la direzione della Zf Sachs, il personale, ogni giorno, si asterrà dal lavoro per mezz'ora.
"Da quel che mi risulta – dice Enrico Tron della Fim-Cisl – è la prima volta che viene proclamato uno sciopero di questo genere". Uno sciopero, aggiunge Tron, che "non ha niente a che vedere con la polemica nazionale sull'art. 18".
Le maestranze della società, complessivamente sono circa 300, 88 delle quali considerate eccedenti, chiedono di sapere "cosa si deve fare per dare un futuro a questa azienda".
Dal canto suo, la Cisl ha manifestato la propria disponibilità all'uso di vari strumenti come i 18 turni; in cambio, "abbiamo chiesto – dice Enrico Tron – investimenti in impianti ed in formazione. Ma al momento siamo ancora in attesa di una risposta".
In ogni caso, Tron ci tiene a far sapere che "questa dello sciopero non è un'iniziativa contro la Zf (anche perché in tal caso avremmo adottato altre iniziative), perché non vogliamo penalizzare i suoi clienti; inoltre, non vogliamo penalizzare i dipendenti".
Quel che i lavoratori non vogliono è anche continuare in questa lunga attesa: "Vogliamo avere un incontro con la proprietà – ripete Enrico Tron -; inoltre, sulla questione vogliamo coinvolgere le istituzioni, alle quali chiediamo non solo solidarietà, ma atti concreti per risolvere i problemi".


Alberto Negro