Sci, amore e fantasia

Guarda la valle , è tutta un cantiere

Dalle Porte fino al Sestriere

Dei tessili in crisi chi se ne frega

Se il magico sci alla fin ci ripaga.

 

Su Poggio Oddone fervon gli scavi

Per ritrovar le ossa degli avi

Delle sfilate il rullar dei tamburi

Farà fuggire i ragni dai muri.

 

Se sulle piste c’è solo la terra

Non è di certo l’effetto serra,

ma l’incantesimo di Consolata

di Lega ambiente maga beata.

 

Gianni Sciolin bravo azzurro

Mangia carne senza burro

Ha promesso al suo papà

Che le gare vincerà

 

La morosa, tal Brunella,

gusta solo mortadella

che si deve consolare

dello scarso amoreggiare.

 

Sciolin Gianni alacremente

Per tutto l’anno farà il penitente

Ha promesso al suo papà

Che le gare vincerà.

 

Preti, pastori ed altri almanacchi

Ed i finanzieri dagli alti colbacchi:

-le Olimpiadi invernali

saran come le ghiande per i maiali-.

 

-Facciamo squadra, fiori ai balconi-

Ripeton mai stanchi i nostri tromboni,

-vil chi si attarda indietro a guardare

e le ciminiere vuol conservare-.

 

Stretta è la valle lunga la via

Si è messa in moto la gran compagnia

Sciolin Gianni è il nostro campione

Ripete Prinzio a Monsemolone.