Ramo d’azienda o scantinato stile cinese?

Ovvero quale futuro per le ex Meccaniche di

Mirafiori, poi ex Powertrain poi …?

Oltre alla CIGO che nel mese di aprile coinvolge l’area motori, in specifico tre settimane per i lavoratori del "100 GL" e due settimane per il "Torque" in tutto 1150 lavoratori coinvolti; l’azienda ha comunicato ulteriore ricorso alla CIGO. Precisamente nei giorni 26, 27 e 30 aprile ci sarà la CIGO per tutta l’area "CAMBI", 1280 lavoratori.

E’ singolare che la Powertrain nata dall’accordo Fiat-GM quindi da considerare azienda nata da una terziarizzazione, ancora in fase di riorganizzazione, comunichi alle RSU che in data 19/02/01 costituisce al suo interno un ramo d’azienda. Il ramo d’azienda in questione è l’UTE 215 che, con un organico di 19 lavoratori ed un capo produce satelliti e planetari (particolari del cambio).

Quante UTE simili ci sono in Meccanica? Ci dobbiamo aspettare una nuova fase di terziarizzazione? E’ normale che ogni particolare prodotto in Meccanica possa essere spacciato per ramo d’azienda?

Quale futuro? Nell’incontro di febbraio con Powertrain, a parte l’esigua consistenza degli investimenti previsti per la Meccanica di Mirafiori, sembra che si navigherà a vista a parte i giochi politici di alcune Organizzazioni Sindacali vedi accordo separato a Cassino. Sopravvivranno solo gli stabilimenti con la massima flessibilità e utilizzo degli impianti o neppure quelli? La mancanza di un vero conflitto alle Meccaniche con le Organizzazioni Sindacali con posizioni sul tipo "lasciamo in pace il manovratore", dove ci porterà? La risposta è semplice: eccola.

Ultima ora. Alle ore 15:00 del 4 aprile la F.A. Powertrain Italia s.r.l. ci comunica che ha avviato la procedura di mobilità per 454 lavoratori presso lo stabilimento di Mirafiori Meccanica. 410 operai, 4 intermedi e 40 impiegati "strutturalmente eccedenti", 454 famiglie messe in strada. La Fiat delega il lavoro sporco alle terziarizzate, prima terziarizza dei rami d’azienda poi le ditte terziarizzate licenziano personale in esubero. Nessuno si è mai posto la domanda, o l’ha posta ad un magistrato, su come è possibile che una azienda come la Powertrain o qualsiasi altra terziarizzata possa continuare ad acquisire rami d’azienda e nel contempo denunciare "esuberi strutturali" o CIGO? Faranno, i sindacati confederali, un mea culpa sul capitolo terziarizzazioni, sul come non l’abbiano mai contrastato, oppure permetteranno a Fiat e terziarizzate di continuare a fare il bello ed il cattivo tempo? In attesa di risposte, prepariamoci alla strada.

R.S.U. S.In.COBAS

Powertrain

St.pr 04.04.01 Torino