index

 

 flash2

Manifestazione: sabato 2 aprile, alle 16-         foto   new

Piazza Fontana, a Pinerolo, davanti al Teatro Sociale,  
"Noi diciamo NO alla guerra"
"NON ESISTONO GUERRE UMANITARIE"
"La guerra si può solo ABOLIRE

Aderiscono: Associazione Stranamore, Emergency, Arci, Amnesty, Libera, Qui Equo, Unione Sindacale di Base, Cobas, Associazione Lavoratori Pinerolesi, Sinistra Critica, Federazione della Sinistra, Sinistra e Libertà di Pinerolo, Comunità di San Domenico, Associazione Il Raggio, Associazione Viottoli, sezione AVIS di Pinerolo, Gruppo Uomini in Cammino

--------------------------------

 

 

 

SCIOPERO GENERALE IL 15 APRILE

dichiarato da una parte di sindacato di base: CUB, Cobas, Comitato immigrati.

Le motivazioni sono giuste e condivisibili, ma resta un errore che i sindacati di base non decidano almeno per lo sciopero generale di farlo in modo unitario

 

8 aprile

New Cocot: Non si riesce a trovare un imprenditore che sia interessato allo stabilimento di Perosa nemmeno a fronte di consistenti impegni della Fin Piemonte. Come dire, non si trova un padrone nemmeno a pagarlo....ALP/Cub ribadisce che in ogni caso la cosa importante è non spaccare le persone, ma tenerle tutte insieme chiedendo la cassa integrazione per tutti. Se arriva del lavoro dividerlo il più possibile fra tutti e pensare ad altre iniziative produttive

---------------------

anteprima /locandina 675: Abbiamo un territorio che si impoverisce sempre più. Non ci sono iniziative produttive innovative. Le aziende chiedono e ricattano: se le istituzioni pubbliche non tirano fuori soldi o possibilità di farne ( speculazioni immobiliari) minacciano di andarsene via, o addirittura nessuno è interessato anche quando dalla Regione vengono offerte cifre importanti come alla New Cocot. Non siamo stati in grado di intervenire sul territorio e ora alla prima pioggia si bloccano le strade come a Prali mandando in fumo una stagione che poteva essere importante.

L'unico settore che è in crescita è quello delle armi che ovviamente producono molti profitti ma poi producono guerre. Vendiamo armi alla Libia poi la bombardiamo e ci da fastidio se poi arrivano persone che scappano dalla guerra. Non sappiamo più reagire, lo facciamo al massimo per noi o per la "nostra famiglia".

Sabato alla manifestazione contro la guerra eravamo poche centinaia e il 15 aprile ci sarà lo sciopero generale indetto dalla Cub ma non vedo molta attenzione. Gli argomenti per fare lo sciopero sono tanti e la Cub li sta sostenendo: dal salario alla precarietà ai dirittti per tutti immigrati compresi. Ma tante dichiarazioni di scioperi generali, USB, CUB e il 6 maggio la Cgil rischiano di non avere efficacia e di confondere quei lavoratori ancora disponibili a spendersi e lottare.

Nella nostra assemblea generale, che decideremo in questi giorni, dovremmo affrontare questo problema e magari inviare un documento a Tiboni della Cub e Leonardi dell'Usb le nostre perplessità.

Per il 15 di aprile lo sciopero è stato dichiarato e quindi "TUTTI" possono farlo. Pensiamo di non dichiararlo alla New Cocot in quanto hanno già fatto due giornate di sciopero. (E.L.)


 



il manifesto 23 aprile 2011