crisi greca

A FIANCO DELLE  LAVORATRICI E DEI LAVORATORI GRECI

Noi abbiamo dato, adesso fate pagare i ricchi": questo è uno degli
slogan della protesta delle lavoratrici e dei lavoratori Greci contro il
piano di austerità attraverso cui  si vuole scaricare sulle loro spalle
la crisi.

Un piano "lacrime e sangue" contro i dipendenti pubblici e privati che,
da subito, vale come "indicazione per il futuro" anche per gli altri
paesi dell'Unione Europea come il Portogallo, la Spagna, ma anche
dall'Italia naturalmente.

Le misure annunciate sono inaccettabili: blocco pressoché  totale delle
assunzioni nel pubblico impiego, aumento dell'IVA dal 19 al 21%, taglio
del 10% delle indennità, le pensioni di vecchiaia congelate, il 15% di
riduzione dei salari, l'età del pensionamento aumentata a 67 anni,
privatizzazione dei servizi pubblici .

Sosteniamo la lotta  dei lavoratori e delle lavoratrici, e dei giovani
greci che giustamente si rifiutano di pagare la crisi del sistema
capitalista

Presidio, Piazza Castello, venerdì 7 maggio 2010, ore 17,30

crisi greca domino doc

grecia pdf