"No ai licenziamenti" - liberazione 30/05/01

Arneg di Padova, da 9 giorni in lotta

Da nove giorni gli operai della Arneg di Padova sono in sciopero per solidarietà con il loro collega licenziato, Carlo Basso. I 500 dipendenti della fabbrica che produce banchi frigo per supermercati hanno espresso così la loro solidarietà al collega che, per ironia della sorte, è stato mandato a casa proprio il giorno dello sciopero nazionale dei metalmeccanici. La sua colpa? Quella di avere superato il tetto di giorni di malattia previsti dal contratto. Ma la cosa più grave è che, tre giorni prima, l’operaio aveva chiesto alla direzione del personale una verifica della sua situazione; e gli era stato risposto di non preoccuparsi. Così la Rsu si era riunita di urgenza e aveva convocato l’assemblea in sala mensa. A quel punto i lavoratori hanno deciso di dichiarare lo sciopero a tempo indeterminato e l’assemblea permanente fino al ritiro del licenziamento. Un operaio del circolo di fabbrica, di Rifondazione, che era in testa al corteo, è stato minacciato di licenziamento. Le altre richieste dei lavoratori sono: l’allontanamento del direttore del personale, considerato responsabile di quanto è accaduto e il pagamento delle ore di sciopero. L’intenzione dei lavoratori è quella di proseguire lo sciopero fino alla riassunzione del compagno e chiedere contestualmente l’apertura della trattativa per il rinnovo del contratto aziendale.