Alle strutture territoriali

RdB P.I. settore Sanità

Alla Segreteria Nazionale F.A.S.E

Alla Segreteria Nazionale CONF.A.I.L.

LE NOSTRE PROPOSTE RIAPRONO I GIOCHI

La nostra proposta rivendicativa per il rinnovo del biennio economico contrattuale (2000-2001) del comparto sanità, ha prodotto i primi, sostanziali risultati.

Grazie alla capillare opera di contro-informazione le RdB sono riuscite a rimettere in campo gli elementi indispensabili per una vera "vertenza Sanità", ne è riprova la "mutata" piattaforma rivendicativa dei confederali a 24 ore dallo sciopero del 30 u.s. nella quale CGIL-CISL-UIL riscoprono l’importanza delle altre categorie dei livelli (non solo infermieri e tecnici) e degli amministrativi, osando perfino un tiepido rilancio dell’operazione Generici-Puericultrici.

Anche sul piano economico, elemento cardine per le RdB trattandosi di rinnovo del biennio economico, si intravedono importanti adeguamenti:

Dopo il divieto (politico) di sciopero per il 23 Marzo, non abbiamo ritenuto opportuno convergere sulla data del 30 continuando comunque a mantenere alto il livello di conflitto nelle Aziende, ed oggi, a ragione, sosteniamo che la nostra campagna di informazione ha prodotto i primi risultati: maggiori richieste economiche.

In considerazione di quanto detto, riteniamo opportuno sospendere lo sciopero indetto per il 20 Aprile confermando la necessità di mantenere lo stato di agitazione della categoria, anche alla luce delle nuove determinazioni del Comitato di Settore che consentiranno l’imminente riapertura del tavolo di trattativa. Qualora il Governo non tenga in giusta considerazione i bisogni e le aspettative delle lavoratrici e dei lavoratori della sanità, sarà nuovamente proclamato lo sciopero nazionale e le manifestazioni regionali.

f.to Direzione Nazionale

RdB P.I. settore Sanità