COMUNICATO

 

 

L’Attivo intercategoriale delle R.S.U del Pinerolese riunitosi in data odierna per esaminare la situazione dei lavoratori della "Luzenac Val Chisone" dopo lo sciopero ad oltranza (oltre 40 ore di sciopero) fatto contro il licenziamento di un minatore, valuta positivamente l’importante risultato della lotta che ha portato alla riassunzione del lavoratore ed alla riconferma di un altro lavoratore con Contratto Formazione Lavoro in scadenza.

Le R.S.U. e le Organizzazioni Sindacali intendono sviluppare e dare continuitą all’iniziativa con i seguenti obiettivi:

 

Difendere l’occupazione complessiva dell’attivitą mineraria, la qualitą della sua presenza e la prospettiva che in futuro l’occupazione nell’attivitą mineraria rappresenti un positivo sbocco di lavoro dignitoso e giustamente remunerato per i giovani della valle.

A questo scopo dovranno essere coinvolte le Amministrazioni locali per definire appositi progetti ed iniziative da portare avanti insieme nel confronto con la Luzenac.

La FULC e le R.S.U. continueranno nel confronto nel merito della riorganizzazione della miniera, dell’occupazione, degli orari di lavoro, della sicurezza e delle problematiche salariali con l’obiettivo di impedire la precarizzazione del lavoro minerario, difendere e migliorare l’insieme delle condizioni di lavoro.

 

L’Attivo delle RSU nel riconfermare la valenza generale della lotta dei minatori e nel condividere gli obiettivi dei lavoratori della Luzenac, si impegna e chiede alle Organizzazioni Sindacali del Territorio di Categoria e Confederali a dare continuitą nell’informazione e nelle iniziative sugli sviluppi della verrtenza.

Pinerolo 20.2.2001 FULC
  RSU Luzenac