index

10 gennaio 2005

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, aderente alla Confederazione unitaria di base

- via Bignone 89, Pinerolo- tel/fax/segreteria 0121-321729

- e.mail alpcub@tiscalinet.it --- sito web: www.alpcub.com

LIBERO MERCATO

407. Serve un'altra Europa

Attualmente è in esame al Consiglio e al Parlamento Europeo la Direttiva Bolkestein, in teoria un provvedimento per "diminuire la burocrazia ed i vincoli alla competitività nei servizi per il mercato interno", ma in pratica un attacco allo stato sociale e ai diritti del lavoro nell'Unione Europea.

Perché vuole la libera concorrenza e la privatizzazione di servizi come l'istruzione, la sanità e i servizi sociali.

Perché rafforza le politiche liberiste dell'Unione Europea.

Perché introduce il "principio del paese d'origine", per cui un prestatore di servizi sarà sottoposto solo alla legge del paese dove ha sede legale e non più alla legge del paese dove fornisce il servizio. Così si punta ad una concorrenza al ribasso verso i paesi a più alta protezione sociale e del lavoro, affinché riducano le proprie garanzie in nome della competitività. Inoltre è un incitamento legale a spostare le sedi delle imprese verso i paesi a più debole protezione sociale e del lavoro.

Perché si riducono drasticamente il valore del contratto di lavoro e le possibilità d'intervento sindacale, e si precarizza totalmente la prestazione di lavoro.

La Direttiva Bolkestein è il colpo di grazia a quel che resta del "modello sociale europeo" dopo le privatizzazioni di questi anni e la continua messa in discussione dei diritti sociali e del lavoro.

Ma opporsi è possibile. La CUB aderisce alla campagna europea del movimento antiliberista per il ritiro della Direttiva Bolkestein, con manifestazione europea il 19 marzo 2005 a Bruxelles.

notizie dalle fabbriche

>>>Ufficio vertenze alpcub: Martedì ore 18 - 19.

>>> Manifattura Perosa: Manifestazione a Milano il 21 gennaio. Treno da Pinerolo. Appuntamento ore 6,45 davanti alla Stazione.

>>>Contratto metalmeccanici: forse in questi giorni FIM-FIOM-UILM troveranno un accordo su quanti soldi chiedere in piattaforma, ma le cifre che si sentono sono lontane dal recupero del potere d’acquisto.

>>>Tessile: il settore tessile in Italia (43 miliardi di euro di fatturato e 570mila addetti), già minacciato dalla concorrenza cinese, rischia il peggioramento della crisi con l’abolizione delle quote d’importazione decisa a Bruxelles. Per difendere il settore ci vogliono ricerca e innovazione.

>>>Fiat-GM: rinviato l’incontro del 12. Intanto gli operai entrano in fabbrica ma è prevista altra cassa integrazione. Che ne sarà dell’auto italiana? Si parla anche di un intervento dello stato nel capitale Fiat, ma questo dovrebbe essere finalizzato a un vero piano di rilancio puntando su ricerca e nuovi modelli.

>>>Inflazione 2004: secondo l’ISTAT a dicembre aumenta dello 0,2% e si attesta al 2%. È il dato più basso dal ’99, ma è principalmente dovuto alla mancata crescita dell’economia italiana e al calo dei consumi. Inoltre gli economisti prevedono un aumento di mezzo punto nel 2005.

 

Cosa dice ALP

Tragedia del Sud Est Asiatico

Un appello per dare continuità e concretezza agli aiuti, per l’efficacia politica ed economica degli interventi, per non strumentalizzare i poveri e la povertà. ALP invita le iscritte e gli iscritti ad aderire e prossimamente daremo altre indicazioni.

(dal Manifesto del 6 gennaio 2005)

per aderire: carta@carta.org