2 febbraio 2004

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, aderente alla Confederazione unitaria di base

- via Bignone 89, Pinerolo- tel/fax/segreteria 0121-321729

- e.mail alpcub@tiscalinet.it --- sito web: www.alpcub.com

LIBERO MERCATO


363. CHI SPENDE E CHI NO
In Italia sono 1.614.386 le famiglie che spendono più di 4.132 euro al mese. Il dato - elaborato da una ricerca dell'Istituto consumatori-utenti (che sarà resa pubblica tra breve), i cui esperti hanno corretto i dati Istat per escludere i fitti figurativi e inserirvi quelli reali e i mutui - si riferisce al 2001, anno nel quale la spesa complessiva per consumi delle famiglie italiane cominciava a decelerare, per poi prendere il segno negativo, con l'esplosione della crisi di fiducia, nel 2002. Anche mettendoci dentro il mutuo o l'affitto, 4.132 € al mese fa una bella cifra. Secondo lo stesso Istituto, sono un po' più di due milioni - il 10% del totale - le famiglie che spendono meno di 516 € al mese. Tra i due lati estremi della forbice - le famiglie, per più della metà fatte di pensionati, che spendono meno di un milione di vecchie lire al mese e quelle, per la gran parte con «capofamiglia dirigente», che superano gli 8 milioni - c'è oltre alla differenza visibile nel tenore di vita un'altra non piccola differenza: ai piani bassi si spende tutto il proprio reddito (e anche più: quella che gli economisti chiamano «propensione al risparmio» è negativa, in altre parole ci si indebita. Secondo l'ultima indagine di Bankitalia, le famiglie che guadagnano meno di 10.000 € all'anno spendono il 125% del reddito), a quelli alti - oltre i 40.000 - si spende il 57% del reddito. (r. c.)manifesto

NOTIZIE DALLA FABBRICHE 

>>>Ufficio vertenze alpcub Martedì dalle ore 18 alle ore 19

>>>SACHS-ZF: lettera della RSU ALP alla Direzione per un incontro di verifica sui lavoratori a zero ore che si vogliono addestrare per lasciare l’azienda e non invece riqualificare per il rientro come noi richiediamo.

>>>Poste: Nelle assemblee in preparazione dello sciopero del 9 febbraio emerge da tutti una grande necessità di riprendere dignità e diritti nei luoghi di lavoro, di arrestare il comportamento arrogante della Direzione e vengono denunciate intimidazioni in molti uffici su possibili trasferimenti per quelli che intendono aderire allo sciopero ( in particolare sulle donne).    

>>>Vertenze. 3 febbraio: udienza in Tribunale per provvedimento disciplinare a RSU Alp/Cub Poste.

Licenziamento Asilo Valdese:

10 febbraio: Commissione di Conciliazione per il licenziamento di una lavoratrice invalida all’Asilo Valdese di Luserna.  In una lettera ai lavoratori si mette in evidenza che ci saremmo aspettati da una ONLUS un altro atteggiamento nei confronti di una lavoratrice invalida che ha sempre dimostrato disponibilità nel lavoro anche dopo la malattia.

 ASSEMBLEA GENERALE ALP/CUB:

sabato 21 febbraio ore 14 nella sede dell’ARCI.

 

>>>Autoferrotranvieri- sciopero del 30/1: buona riuscita complessiva. I Sindacati di Base continuano la lotta contro il “contratto bidone” firmato da CGIL-CISL e UIL e per riaprire la trattativa.

>>>Sciopero Mc Donald’s: in sciopero dall’11 marzo 2003 i dipendenti del Mc Donald’s di Strasbourg-Saint Denis (Parigi). La lotta è contro le dure condizioni di lavoro, la forte repressione antisindacale e il ricorso sistematico al licenziamento in caso di conflitto. Gli scioperanti hanno occupato il posto di lavoro e il tribunale a cui la Mc Donald’s si è rivolta ha riconosciuto la legittimità dell’occupazione.