1 aprile marzo 2003

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, aderente alla Confederazione unitaria di base

- via Bignone 89, Pinerolo- tel/fax/segreteria 0121-321729

- e.mail alpcub@tiscalinet.it --- sito web: www.alpcub.com

LIBERO MERCATO

 

322. MERCOLEDI’ 2 APRILE 2003

SCIOPERO GENERALE

CONTRO LA GUERRA

di 8 ore indetto da tutti i sindacati di base. Lo Sciopero Generale è un’arma molto importante in mano ai lavoratori e deve essere usata per fermare questa guerra folle e contro il Governo che ha portato l’Italia in guerra contro la Costituzione.

La Commissione di Garanzia cerca di boicottare e intimorire i lavoratori dei settori dove si applica la 146 ( sanità, scuola, poste, ferrovie) ma lo sciopero è per noi legittimo.

Recita il comma 7 art. 2 della Legge 146: " Le disposizioni del presente articolo in tema di preavviso….non si applicano nei casi di astensione dal lavoro in difesa dell’ordine costituzionale ….

Non facciamoci intimorire.

Fermiamoci per fermare la guerra.

Prendiamoci le nostre responsabilità per fermare la guerra.

I sindacati di base in ogni caso sono pronti per difendere i lavoratori da eventuali provvedimenti illegittimi. (multe).

 

Bollette più care: c’è la guerra!

Sulle famiglie cominciano a farsi sentire i primi effetti della guerra in Iraq.

Aumentano luce e gas, a seguito del forte aumento del prezzo del petrolio.

Scendono le economie di tutti i paesi.

Scendiamo in piazza anche noi:

SCIOPERO GENERALE CONTRO LA GUERRA - 2 APRILE 2003

 

NOTIZIE DALLA FABBRICHE

>>>Ufficio vertenze: mercoledì dalle 18 alle 19.

>>> il 730 parte : dal 28 aprile al 30 maggio.

E’ in distribuzione il foglio per le istruzioni

>>>Comitato per il "SI’" all’art.18: assemblea lunedì 7 aprile per l’avvio della campagna del "SI’" al referendum per la difesa dell’art. 18. Partecipano Paolo Ferrero, Giorgio Gardiol, Giorgio Airaudo (Fiom). Previsto l’intervento di militanti dell’ALP della SKF e TNT.

>>> Poste: Assemblea dell’ALP per ribadire che occorre una lotta seria per intervenire sulle condizioni di lavoro sempre più pesanti. dal 1998 al 2002 si sono persi 117 posti nella Filiale di Pinerolo. Si è proposto lo Sciopero Regionale.

>>>Continua il PRESIDIO CONTRO la GUERRA tutti i giorni dalle 16 alle 19 (anche al mattino nei giorni di mercato) sotto i portici di c.so Torino a Pinerolo.

ALP presidia il MARTEDI’. E’ un’occasione importante per parlare con altre persone, confrontare le idee, preparare le prossime iniziative contro la guerra. Vi invitiamo tutti.

 

Cosa dice ALP…

Lo sciopero generale contro la guerra

è una scelta importante ma difficile. A fronte della crescita di grandi manifestazioni in tutto il mondo notiamo una difficoltà, nel pinerolese, alla mobilitazione nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro. Abbiamo la sensazione che i lavoratori non abbiano ben chiaro come la guerra, e questa in particolare, sia dannosa per loro. E’ una guerra per consolidare un modello liberista, che aumenterà la povertà nel mondo e da noi la precarietà del lavoro. Taglierà le spese sociali per fare armi, bombe e per pagare le missioni "Umanitarie".

Nel clima di guerra si restringono gli spazi di democrazia, si riducono i diritti.

Come si può pensare a fare un buon Contratto, difendersi dai licenziamenti, allargare l’art.18 a tutti i lavoratori con questo clima di guerra?

Il Governo e i padroni avranno sempre una scusa per dirci di no, che la situazione è pesante, che non ci sono soldi per noi….