29 luglio 2002

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, aderente alla Confederazione unitaria di base

- via Bignone 89, Pinerolo- tel/fax/segreteria 0121-321729

- e.mail alpcub@tiscalinet.it --- sito web: www.alpcub.com

LIBERO MERCATO

291. PMT Si chiude con l’accordo del 10 luglio2002 una lunga e complicata crisi che a partire dalla fine degli anni ‘90 ha visto precipitare la situazione della Holding americana con una procedura fallimentare, la messa in vendita dell’intero Gruppo Beloit, la liquidazione della Beloit Italia che nel novembre del 1999 licenziava tutti i dipendenti.

Questa grande e faticosa lotta ha coinvolto non solo le lavoratrici e i lavoratori della Beloit ma tutta la popolazione, le istituzioni, le associazioni, le chiese, le forze politiche e sociali.

Lo Sciopero Generale del Pinerolese del 17 dicembre 1999 ha segnato il punto più alto della lotta che ha portato il 17 gennaio 2000 all’accordo in Prefettura e al 25, presso la Regione, al ritiro dei licenziamenti, alla richiesta della cigs, alla mobilità finalizzata alla pensione, e all’impegno per ricercare nuovi soggetti interessati a mantenere in vita l’attività produttiva.

Nel luglio del 2000 la Nugo Romano S.p.A. acquisiva la Beloit e siglava un accordo con forti impegni di investimento destinati al rilancio dell’azienda, con una previsione di occupazione finale di 205 addetti e un conseguente esubero di personale di 125 unità.

L’accordo appena siglato prevede la messa in mobilità finalizzata alla pensione e volontaria di 47 persone oltre a cambio di mansioni e part time per adeguarsi alla nuova situazione organizzativa.

Gli impegni sugli investimenti sono stati rispettati, l’occupazione è più alta di quella prevista dall’accordo e alla fine della mobilità gli addetti saranno intorno ai 270.

Il nostro giudizio è quindi positivo sia sulla qualità dell’accordo, sia sulla conclusione di una crisi che molti "profeti" dei tempi passati davano per non superabile….


Dopo lo sciopero generale, ricostruiamo il controllo dal basso sull’operato sindacale!

DIFENDI I DIRITTI DEI LAVORATORI, NO ALLA CANCELLAZIONE DELL’ART.18 DELLO STATUTO!! NO all’attacco su lavoro, fisco, pensioni

nuovi lavoratori = stessi diritti; uguale lavoro uguale salario


brevi dalle fabbriche

>>>Ufficio vertenze ogni mercoledì ore18-19

>>>SACHS-ZF Aumenta il controllo sui tempi di lavoro, si spinge la produzione. Intanto si attende per settembre la presentazione di un nuovo piano e la temuta ricaduta occupazionale.

>>>SKF Villar Non è ancora tempo di bilanci, ma possiamo dire che fino a questo momento la situazione è stata accettabile, anche se l’avremmo preferita più vicino alle esigenze dei lavoratori. INACCETTABILE è invece il continuo richiamo fatto ai lavoratori ed ai loro rappresentanti, circa IL CAMBIAMENTO DEGLI ORARI, consistente nel fatto che passando a lavorare da lunedì al sabato, sarà più facile il reinserimento verso altre realtà produttive SKF o OMVP. Ribadiamo che l’accordo sul personale in esubero degli SLOTS non prevede nulla di tutto ciò.

>>>Luzenac Val Chisone. Diffuso in miniera un opuscolo interno alpcub con appunti sul lavoro a Rodoretto. E’ un contributo costruttivo, si segnalano dei problemi dovuti più che alle persone a logiche aziendali e alle caratteristiche della miniera. C’è chi dice : ‘tempi di vacche magre’…. In stabilimento verrà distribuito con alcune prime modifiche suggerite dai lettori.

>>>FIAT La FIOM non firma l’intesa con la Fiat ritenendo che il piano presentato sia solo un calendario per smantellare l’azienda.

>>>CISL-UIL firmano da sole un accordo sul sommerso col governo. La CGIL ritiene ‘l’avviso comune’ sull’emersione del lavoro nero non innovativo.

>>>BAYER E’ Indagata per la diffusione del farmaco ‘Lipobay’ ritirato dal mercato nel 2001. Ora sono giunti 5 avvisi di garanzia per 5 dirigenti ( ipotizzato il reato di disastro doloso).

>>>ARMA I vertici dei carabinieri hanno deciso di rimuovere il comandante della compagnia di Tolentino. Aveva ordinato di acquisire gli elenchi degli iscritti ai sindacati di quattro aziende del maceratese. Dopo le vigorose proteste viene definita ‘un’iniziativa locale’.

Saluti: ultima locandina, segue pausa ferie. Ciao.

Alla ripresa ci sarà un ricambio redazionale.

 

Che cosa dice ALPCUB Vengono al pettine i guasti del liberismo economico imperante. Il modello americano pur essendo sottoposto a continui scossoni non sembra in grado per ora di darsi delle regole. Ci si rifugia nello ‘stato di guerra’ come fanno gli struzzi….