24 giugno 2002

Ciclostilato ALP/CUB Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, aderente alla Confederazione unitaria di base - via Bignone 89, Pinerolo- tel/fax/segreteria 0121-321729 - e.mail alpcub@tiscalinet.it sito web: www.alpcub.com

LIBERO MERCATO

286. ACCORDO SEPARATO

Ecco la proposta del governo: l'articolo 18 non sarà più applicato alle aziende che supereranno la soglia dei 15 dipendenti. Confindustria soddisfatta. Cisl e Uil: consulteremo gli iscritti. Fini: si firma il 2 luglio. Cisl e Uil vogliono infatti sentire i loro iscritti e solo al termine della consultazione, che non sarà solo sull'articolo 18, ma sull'intero pacchetto, si potrà dire il fatidico sì. In cambio il governo si dichiara disponibile a stanziare 700 milioni di euro, ovvero circa un miliardo e mezzo per gli ammortizzatori sociali. I 700 milioni di euro non appaiono comunque sufficienti per realizzare quel che si promette, ovvero l'aumento dell'indennità di disoccupazione (al 60% per i primi sei mesi, 40% e poi 30% per i due ultimi trimestri). Gli stessi sindacati avevano fatto altri calcoli. La Cisl, per esempio, parlava della necessità di 5 miliardi di euro, mentre la Cgil pensava a 10 miliardi di euro. Come si vede le cifre sono molto distanti dal "compromesso". L'altro punto dolente riguarda le mensilità che saranno garantite a un lavoratore licenziato senza più articolo 18. Il governo ha intenzione di applicare la legge 108 che prevede un rimborso da 2 a 6 mensilità.
La CGIL chiama alla lotta per fermare la trattativa sul lavoro e per ottenere risultati sulla piattaforma unitaria del 16 aprile.

Le vere intenzioni di questo governo sono di cambiare tutto il diritto del lavoro. Tutte le norme oggi vigenti (compresa la legge 300) verranno sostituite, inglobate dal nuovo Statuto dei lavori.

Dopo lo sciopero generale, ricostruiamo il controllo dal basso sull’operato sindacale!

DIFENDI I DIRITTI DEI LAVORATORI, NO ALLA CANCELLAZIONE DELL’ART.18 DELLO STATUTO!! NO all’attacco su lavoro, fisco, pensioni

nuovi lavoratori = stessi diritti; uguale lavoro uguale salario

brevi dalle fabbriche

>>> 730: A giugno restituiamo i 730 e i bollettini ICI.

.>>>il mercoledì ad Alp il responsabile dell'Ufficio Vertenze è in sede dalle 18 alle 19

>>>SKF Incontro il 20 giugno all’AMMA . IL premio per lo Stabilimento sarà di lire 3.574.000. Buone prospettive per SKF ed OMVP. L’azienda dichiara che l’OMVP non sarà più venduta. . Anche se ci sarà una caduta dell’auto l’azienda prevede di essere toccata solo per il 10% ad Airasca.

IIl 24 assemblea a Villar e Avio richiesta dalla Fiom in preparazione dello sciopero del 27 su art.18.

Collettivo SKF ad ALP il 24 ore 20,30.

>>>PMT (ex BELOIT) incontro sulla mobilità il 25 giugno. Alcuni lavoratori sono rientrati dalla CIG.

>>>SACHS-ZF Dal 17 giugno è in corso uno sciopero di mezzora al giorno per ottenere una trattativa. La FIM unisce a questa lotta la sua proposta di orari su 18 turni, poco condivisa in fabbrica. La direzione fa sapere alle RSU che l’8 luglio ci sarà un dirigente tedesco a Torino all’AMMA.

>>>Luzenac Dopo l’ultimo incontro la direzione è disponibile ad applicare la tariffa del 15% per le maggiorazioni turno su ferie e mutua. Sarebbe di 24.000 l’indennità per il ‘getto’ continuo. Ora si tratta di far decidere i minatori.

>>>CUB IL 27/28/29 congresso nazionale Cub settore privato a Milano.

>>>POSTE In Gran Bretagna mobilitazioni contro l’annuncio del taglio di oltre 15.000 posti di lavoro.

Che cosa dice ALPCUB

SACHS-ZF: Utilizziamo al meglio lo sciopero che ha fruttato la data dell’incontro prevista per l’8 luglio. ALP è contraria a parlare di 18 turni e di ulteriore flessibilità. Dopo l’incontro dell’8 luglio decideremo quali iniziative riprendere.

SCIOPERO GENERALE DEL 27:

ALP invita i collettivi ad aderire allo sciopero affinchè nessuna mediazione venga accettata sull’art.18, inoltre per impedire lo scippo del TFR, e contro la riforma fiscale iniqua e progetti di attacco alle pensioni.

Alp invita inoltre tutti i lavoratori a prescindere dalle sigle sindacali a decidere autonomamente sulle iniziative di lotta per il loro futuro.