10

settembre

2001

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, affiliata alla Confederazione unitaria di base

via Bignone 89, Pinerolo

tel/fax/segreteria 0121-321729

e.mail alpcub@tiscalinet.it

sito web: geocities.com/alpcub

libero mercato:vocabolario

245. TROPPO CAFFE’

Nell'era della comunicazione istantanea, quando la rivoluzione informatica ci consegna gli antipodi a domicilio, e attracca gli altri continenti alla porta accanto, la vita di milioni di persone può essere sconvolta, milioni di famiglie gettate sul lastrico, senza che noi ne sappiamo niente. E' successo quest'anno a causa del crollo mondiale dei costi del caffè che a luglio hanno raggiunto il livello più basso da 30 anni a questa parte - sfiorando i minimi storici da oltre un secolo - e che ad agosto sono restati depressi in un diagramma quasi piatto. Oggi il caffè si vende a un quarto di quel che si vendeva nel 1995 e alla metà del corso del 1999.
Ora, dopo l'olio, il caffè costituisce la seconda derrata alimentare esportata dal terzo mondo, in ordine d'importanza. Decine di milioni di persone in tutti i continenti dipendono dal caffè per la propria sopravvivenza, dagli altopiani del Kenya alle giungle del Congo, dalle pendici andine della Colombia alle colline di Sumatra, dalle fazendas brasiliane alle highlands di Papua Nuova Guinea.
Dal caffè dipendono nel mondo almeno 60 milioni di braccianti e oltre 5 milioni di piccoli proprietari agricoli. Sul caffè si basa l'economia di intere regioni, e perfino di interi stati. Nel solo Messico, che pure non è uno dei massimi produttori, la crisi attuale - scrive La Jornada - colpisce 285.000 produttori e 3 milioni di giornalieri. Nel solo Chiapas, più di 500 famiglie abbandonano ogni giorno la loro fattoria. Per il caffè, il piccolo Salvador ha perso 30.000 posti.

Secondo un rapporto di quest'anno dell'Oxfam, nella regione del Kilimanjaro della Tanzania i genitori ritirano i figli dalle scuole perché non possono più pagare la retta. A Santo Domingo le contadine non hanno più soldi per il dottore.
Non è il primo crollo del caffè nella storia, né sarà l'ultimo; ma la causa resta sempre la stessa, la sovrapproduzione

Sintesi Assemblea 2001 ALP/CUB

brevi dalle fabbriche

>>> ad Alp c’è il responsabile dell'’Ufficio Vertenze dalle 18.30 alle 19.30 del mercoledì.

Skf Incontro all’Unione industriale l’11 settembre.

>>>Cascami Seta Richiesta la convocazione del coordinamento delle RSU del gruppo Botto.

>>>G8: Giovedì 13 Settembre Assemblea Pubblica su Finanza Etica ore 20.30 Auditorium Liceo Scientifico. A ottobre il seminario ad Agape.

>>>Cassino amara Più della metà dei lavoratori Fiat nello stabilimento laziale contro l'accordo separato. Due assemblee indette dalla Fiom annunciano un autunno molto caldo
>>>CUB Venerdì 7 e sabato 8 settembre si è tenuto a Firenze il Consiglio Nazionale della CUB per trattare fra l'altro di:

1° - Ripresa della iniziativa sulle PENSIONI, T.F.R., DIRITTO di SCIOPERO, LICENZIAMENTI, LOTTA AL PRECARIATO, SALARI e STIPENDI EUROPEI

2° - Bilancio delle iniziative contro il G8.

>>>Manifattura Perosa Dopo la cassa integrazione si passa alla mobilità per chi può andare in pensione.

>>>LICENZIAMENTI L'avvocato Agnelli si schiera: licenziamenti più facili, aboliamo l'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori. Ma naturalmente il conflitto sociale va evitato: non vogliamo un autunno caldo. Differenza di opinioni con il governatore Fazio sulla ripresa economica: non sono ottimista come lui

Cgil, Cisl e Uil reagiscono duramente alle dichiarazioni di Agnelli. Cofferati: "Si vuole cancellare un diritto di civiltà. La Confindustria spinge il governo allo scontro". Anche Bertinotti e Diliberto attaccano l'avvocato. Mentre a Torino la Fiom prepara lo sciopero del gruppo Fiat

Che cosa dice ALP sui Licenziamenti facili

Abbiamo sottovalutato tutti la portata di questo disegno, come segnale di una nuova ondata di autoritarismo nei luoghi e nei rapporti di lavoro. Che può avere implicazioni sociali e sindacali enormi: ci incomberebbe una situazione anni '50-'60, con la libertà di sciopero minacciata dalla spada di Damocle sulla sicurezza del contratto, del posto, del rapporto di lavoro. Perciò si dovrebbe invece estendere l'art.18 alle piccole imprese, ai lavori a termine, a collaborazione, ecc.

La classe operaia non ha altri strumenti che quelli della difesa dei propri interessi materiali collettivi e non localistici

comunicato Genova

- manhattan

-cavalcata d'autunno del cavaliere

>>>scoop.html

>>>da ll sole24ore: 1 bilancio di una legislatura sul lavoro 2 dati istat

RDB sul contratto sanità: Volantone
Dichiarazione sciopero - manifesto sciopero sanità
Part-time diritti a metà- il manifesto 29/5
1 Zanussi ricatta- il manifesto 29/5 - 2 Zanussi -liberazione30/5
Rinascente/cooperative - il manifesto 29/5
>>>Appello ai delegati su contratto e G8
Lotta alla Arneg - Comunicato accordo Arneg
Verdetti su part-time e lavoro precario
contratti a termine - slaicobas
1Legge sulle cooperative 2 sciopero cooperativa 3 il socio - 4 Da socio lavoratore a schiavo lavoratore - 5SlaiCobas
6 convegno cooperative alp

NOTIZIE VARIE: http://web.tiscalinet.it/operaicontro

lettura critica su Seattle&C

Mucca pazza & C

Ritorna alla pagina principale

Ritorna ad archivio