29

gennaio

2001

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, affiliata alla Confederazione unitaria di base

via Bignone 89, Pinerolo

tel/fax/segreteria 0121-321729

e.mail alpcub@tiscalinet.it

sito web: geocities.com/alpcub

libero mercato:vocabolario

214. IRAQ 2001

Nella notte tra il 16 ed il 17 gennaio di 10 anni fa un mare di bombe, di fuoco, di distruzione si riversò sull'Iraq e sul Kuwait. Due mesi dopo, alla fine di febbraio, la guerra guerreggiata era terminata ma ne iniziava un'altra, a "bassa intensità" fatta di embargo, fame, malattia e periodici ulteriori bombardamenti. Questa guerra non è mai finita. La retorica della guerra "umanitaria", sperimentata con indubbia efficacia nel recente conflitto in Kosovo non si applica all'Iraq, dove l'ingerenza trova la propria "giustificazione" come operazione di polizia internazionale.

10 anni orsono la guerra guerreggiata fece duecentomila vittime, negli anni successivi, la denutrizione e la mancanza di medicinali hanno mietuto altri ottocentomila morti tra la popolazione civile. Questi morti non sono un "casuale" effetto secondario di una guerra che aveva ed ha altri obiettivi: questi morti sono uno degli scopi principali del perdurare dell'embargo e dei bombardamenti. Questo è un mondo in cui le tre persone più ricche hanno tanta ricchezza quanta, messi insieme, i 43 paesi più poveri del mondo (quasi tutti in Africa); dove un quinto dell'umanità gode dei quattro quinti dell'intero reddito mondiale, e quattro quinti godono del restante 17%; e un quinto della popolazione mondiale, un miliardo di persone, hanno un reddito medio di meno di un dollaro al giorno.

In questo mondo i gendarmi del Nord, Stati Uniti in prima fila, hanno bisogno di uno spettacolo di terrore e morte come quello iracheno, hanno bisogno dei bimbi morti di leucemia, di una popolazione affamata e stremata. Che Saddam resti pure al suo posto, gli USA a dittature come la sua si appoggiano in tutto il terzo e quarto mondo. Invece le sofferenze dei civili rappresentano un costante monito verso i quattro quinti del pianeta perché non alzino la testa, perché non provino a rivendicare quei diritti universali assenti elle convenzioni internazionali.

brevi dalle fabbriche

>>>uranio impoverito

>>>Biella la strage continua

>>>SKF: Il Giudice di Pinerolo respinge il ricorso della Fiom sul referendum alla SKF.

E' una decisione gravissima perché sancisce che i lavoratori non hanno diritto di esprimersi su una decisione che altri hanno preso per loro. E' inoltre scandaloso che i sindacati e le RSU che hanno deciso di firmare l'accordo non permettano ai lavoratori di esprimere il loro parere. Noi pensiamo che ogni accordo che diventa "Erga ommnes" cioè che valga per tutti, debba essere sempre sottoposto a giudizio dei soggetti a cui viene applicato.

SKFVillar: Sciopero dichiarato dalle Rsu dell’Alp al Taglio barre sull'ambiente, ottima riuscita. Su questo e altri temi sta crescendo la partecipazione e l’interesse dei lavoratori.

>>>Merlo Tebaldini: dopo l'intervento dell'ALP la Direzione revoca la sospensione alla lavoratrice sottoposta a visita di idoneità.

Nell' incontro la Direzione ha confermato che intende trasformare il contratto da metalmeccanico ad imprese di pulizia. Staremo attenti e preparati ad intervenire ai livelli a noi possibili, intanto chiediamo ai lavoratori di essere attenti agli accordi che saranno proposti.

Scuola: Mercoledì 31 gennaio assemblea degli iscritti.

>>>Poste Assemblea venerdì 2 febbraio per organizzare il NO al contratto nazionale.

>>>Luzenac Val Chisone

Novità della settimana è l’arrivo di una dozzina di polacchi che dopo le visite mediche saranno assunti per integrare il personale della miniera. La ditta offre loro i piccoli container di Pomeifrè: speriamo che resti una sistemazione provvisoria.

>>>Assemblea generale sabato 24 febbraio.

il Direttivo di ALP ha deciso che dopo l'Assemblea generale ci sarà un momento di festa per i nostri primi 5 anni e per festeggiare i diritti conquistati in SKF e il buon risultato nella Scuola. Ma ci sono molte fabbriche e luoghi di lavoro nei quali i diritti vengono dimenticati es. PMT ex Beloit da 5 anni senza RSU. Sachs- ex Boge 3 anni senza RSU. Casa Turina da 2 anni la Cgil impedisce le elezioni.

Che cosa dice ALP/CUB

In SKF ( e ovunque) solo i rapporti di forza e l’unità dei lavoratori permettono di difendersi dai soprusi.

 

Ritorna alla pagina principale

Ritorna ad archivio