11 dicembre

2000

Ciclostilato ALP/CUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, affiliata alla Confederazione unitaria di base

via Bignone 89, Pinerolo

tel/fax/segreteria 0121-321729

e.mail alpcub@tiscalinet.it

sito web: geocities.com/alpcub

libero mercato:vocabolario

208. Carta del regresso sociale

La conferenza intergovernativa di Nizza ha firmato in cinque minuti senza discuterlo e migliorarlo il testo della Carta dei diritti fondamentali e non l’ha messa agli atti di Nizza. In genere i diritti sono al di sotto dei trattati attuali. Il diritto di sciopero e di essere organizzati Ŕ previsto - ma aveva suscitato molte discussioni. I diritti sociali elementari si fermano alle parole: ad esempio "il diritto di lavorare" e non il ‘diritto a un posto di lavoro’. L’Unione dice che "rispetta la protezione sociale e l’aiuto all’alloggio " ma non c’Ŕ il diritto alla protezione sociale e all’alloggio, niente sulle pensioni e salario minimo. I 62 milioni di poveri e i 18 milioni di disoccupati ringraziano. Non c’Ŕ il divieto di licenziare ma ‘ a essere protetti contro i licenziamenti abusivi". Questa carta Ŕ fatta sulla schiena dei popoli e giustamente tutte le organizzazioni presenti a Nizza portavano delle rivendicazioni da inserire sperando in un accordo. Ma come visto non si Ŕ discusso. Tanto per ricordare si fanno passi indietro rispetto alle leggi di vari paesi, al Patto del 1966 dell’ONU, alla Carta sociale rivista dal Consiglio d’Europa, a convenzioni della Organizzazione internazionale del lavoro -Oil.

Vedi comunicato di Attac 10/12

brevi dalle fabbriche

>>>ICI scadenza 20 dicembre, ritirare il modulo in sede.

>>>PMT-exBeloit Primo sciopero interno di un’ora con assemblea.

>>>SKF Villar. Martedý si sono svolte le assemblee con le nuove RSU. Alp ha rilanciato il referendum contro l’accordo, dopo lo sciopero di protesta, raccogliendo l’adesione della maggioranza. La direzione ha convocato le RSU per martedý 12 (situazione azienda e varie).

>>>Scuola sciopero il 7 dicembre dichiarato da tutte le organizzazioni, riuscito al 60% in Italia e in zona a macchia di leopardo.

>>>Luzenac Si attende la convocazione di un incontro in Regione per chiedere alla Direzione di assumersi le responsabilitÓ di gestire in proprio la coltivazione del talco.

>>>Poste L’11 sciopero alle Poste con manifestazione a Torino. Da 1100 giorni il settore Ŕ senza contratto, buona parte Ŕ per˛ giÓ stata decisa. Il Collettivo Alp/Cub rilancia la lotta su obiettivi salariali, assunzioni e carichi di lavoro.

>>>Disoccupati Riunione venerdý 15 alle 20.30 ad Alp.

>>>Cimiteri I lavoratori inviano una lettera a Sindaco e amministratori per rivendicare il contratto di categoria.

>>>Nizza Una dozzina di lavoratori di ALP e Rifondazione hanno partecipato alla manifestazione di Nizza del 6, con centomila persone e la presenza di sindacati e organizzazioni politiche di tutta Europa. Il giorno dopo i gruppi di base, le associazioni, i centri sociali hanno avuto problemi e ci sono stati scontri, fermato un treno speciale dall’Italia a Ventimiglia. Le due manifestazioni sono state messe in contrapposizione dai governi che hanno criticato i violenti... (vedi comunicato Attac). Il consiglio d’Eropa si Ŕ svolto con discussioni accese e non molte convergenze.

Che cosa dice ALP

NO al regalo di Natale

Di fronte alla volontÓ della direzione di attuare l’appalto della coltivazione del talco al Crosetto, Fulc ed Alp sono unite nel condannare la terziarizzazione selvaggia, nel rivendicare il diritto al lavoro per i minatori Luzenac contro un prevedibile futuro di allargamento dell’appalto, nella difesa dei diritti e della tutela acquisiti.

Prepariamo lo sciopero divalle.

 

Ritorna alla pagina principale

Ritorna ad archivio