11 settembre 2000

Ciclostilato ALPCUB

Associazione lavoratrici e lavoratori Pinerolesi, affiliata alla Confederazione unitaria di base

via Bignone 89, Pinerolo

tel/fax/segreteria 0121-321729

e.mail alpcub@tiscalinet.it

sito web: geocities.com/alpcub

libero mercato:vocabolario

195. Veneto flessibile

Negli anni 90 la popolazione del Veneto (4.511.714 nel ‘99) è aumentata di 130.000 unità.

Novantamila i disoccupati iscritti. La nuova occupazione è composta da da figure impiegatizie del terziario e anche del secondario. La mobilità è sostenuta dal dato strutturale delle piccole imprese ed è aumentata dal sempre più ampio uso di rapporti di lavoro a durata predeterminata. Il contratto di formazione lavoro sta andando verso l’esaurimento,cresce quello dell’apprendistato, crescono i contratti a tempo determinato.

Il lavoro interinale ha occupato circa 25.000 persone nel ‘99,in crescita forte il part-time.

Gli extracomunitari sono sempre più importanti per l’economia veneta ( 42.000 assunti nel ‘99 pari al 10% delle assunzioni).

Che cosa dice ALP Condividiamo le parole de la ‘rivista’ del manifesto: Ciò che noi combattiamo non è il liberismo o il capitalismo selvaggio, ma il capitalismo senza aggettivi: questo è il nostro nemico, sviluppo e crescita senza senso e senza finalità comunitarie

brevi dalle fabbriche

).

>>>DIrettivo ALP giovedì 14 ore 20,30

>>>Disoccupati

Riunione 15 settembre alle 20,30.

>>>Petrolio

Caro petrolio, proteste in mezza Europa di taxisti, camionisti, marittimi.

>>>GOR

Cessione del ramo dello stampaggio alla Saturno. I confederali dicono che altrimenti si rischiava per l’occupazione a causa del calo di commesse.

>>>EURO

Il calo dell’Euro ha provocato profonde depressioni in Europa, la globalizzazione sembra mettere una pietra sulla nuova moneta. Ma l’economia USA non è così robusta come la salita del dollaro sembra far credere (fra l’altro ha un debito estero di duemila miliardi di dollari).

>>>SCUOLA

Le figure obiettivo

1. L'introduzione delle F. O. è una delle espressioni con cui si concretizza il lento - ma non troppo - passaggio alla scuola/azienda

2. In base a quanto affermato sopra, le F. O. costituiscono una evidente frattura, una divisione anche economica, all'interno del corpo omogeneo dei
lavoratori insegnanti nella scuola.

3. Al di là della contestazione fondata sul principio dell'opposizione alla scuola/azienda, le F. O. si sono già rivelate fallimentari; in molte scuole italiane l'esperienza è stata molto negativa

4. E' risultato evidente che le F. O. sono, appunto, un altra figura professionale. Fare la F. O. è un altro mestiere, un altro lavoro.

 

Ritorna alla pagina principale

Ritorna ad archivio