il voto nel Pinerolese- tabelle eco del chisone

votoECOC0813Pagina_003.pdf

votoECOC0813Pagina_004.pdf

votoECOC0813Pagina_005.pdf      

   

In Italia le fabbriche non si occupano e le piazze non si riempiono.

In Italia la linea è andare a votare Grillo, il Prozac delle
rivoluzioni operaie.

Lo Stato è senza governo in carica, la Chiesa è senza monarca in
carica, gli operai potrebbero alzare enormemente la voce
approfittando dei buchi dei padroni.

Ma in Italia è meglio votare il Prozac antioperaio.

 


UNA DIVERSA GOVERNABILITA' - A.Serafino - il dopo voto -

UN COMPROMESSO A 5 STELLE - governabilità e rinnovamento -

PD,PDL E LEGA: 1 MILIONE IN MENO - Piemonte - voto 2008-2013

UN BUONO CON FACCIA CATTIVA? - pro e contro Grillo - M5S e governo

ART. 67 E SALTI DELLA QUAGLIA - costituzione e parlamento -

CARPE DIEM, ITALIA ! - Pino Ippolito Armino - politica & governo

http://www.rassegna.it/articoli/2013/03/06/97747/governo-ecco-gli-otto-punti-proposti-da-bersani

VIGNETTE


voti persi in Italia

camera

Netto il segnale di distacco verso i partiti tradizionali

Record delle astensioni
Il Pd è il vero sconfitto

La partecipazione alle urne la più bassa dal 1946

Malgrado, nel momento in cui scriviamo, molti dati siano ancora provvisori, sono relativamente chiari alcuni aspetti caratterizzanti questa elezione.

1) La sensibile diminuzione della partecipazione. Che risulta essere stata la più bassa di tutta la storia repubblicana, dal 1946 ad oggi. Come si è già accennato, ciò è dovuto in parte al progressivo invecchiamento della popolazione, ma, soprattutto, alla disaffezione dell’elettorato. Nel 2006 il 57% dichiarava di essersi interessato alla campagna elettorale. Nel 2008 era il 55%. Oggi siamo sotto il 52%.
Malgrado tutte le novità dello scenario politico, sempre meno gente lo segue. Un segnale importante di cui, nei primi commenti, non si è sembrato tenere sufficientemente conto.

 

 
2) Il grande successo del M5S di Grillo, che in diverse regioni, e forse in Italia, risulta essere il primo partito in assoluto. Anche questo fenomeno dipende in larga misura dal distacco—ma più spesso dal disprezzo — verso i partiti tradizionali e l’azione che essi hanno condotto sin qui. Ancora nell’ultimo anno, l’incapacità delle forze politiche di realizzare alcuni obiettivi minimi (tra quelli più attesi dalla popolazione, vi erano soprattutto il taglio del numero dei parlamentari e dei costi della politica, ma anche riforme come quella elettorale) che pure avevano promesso di effettuare ha certo contato. Ma ha avuto un ruolo importante anche il succedersi degli scandali e l’evidenziarsi di vere e proprie malversazioni operate da questo o quel personaggio politico. Di qui la decisione di circa un italiano su quattro di scegliere la strada più semplice: quella della protesta sintetizzata dal «vaffa». Non sempre propositiva, ma efficace. È anche stato importante il fatto che Grillo abbia utilizzato, meglio di tutti gli altri, la comunicazione in rete. Più di un italiano su tre, infatti, dichiara di avere attinto dal web dati utili alla decisione di voto. L’elettorato di Grillo è costituito in larga misura da giovani, ma si estende in misura significativa anche nelle altri classi di età, con l’esclusione degli ultra 65. Si tratta in buona misura di persone con titolo di studio medio-alto e provenienti da tutto l’arco politico, con una accentuazione però tra chi rifiuta del tutto di collocarsi sul continuum sinistra-destra e chi, in precedenza, ha votato per il centrosinistra.

 

3) Quest’ultimo, in particolare il Pd, sembrerebbe, sulla base dei primi dati, subire un arretramento rispetto alle aspettative maturate in questi mesi. Ciò potrebbe essere dovuto anche ad una campagna elettorale condotta manifestando sempre la certezza della vittoria (e per questo talvolta poco propositiva), ma, specialmente, a causa dell’erosione nei confronti di Grillo, anche da parte di una quota dei votanti per Renzi alle primarie. Il partito di Bersani potrebbe cioè essere in una certa misura stato assimilato agli altri partiti («sono tutti uguali» ci ha detto un intervistato ex-pd) anche un segmento del suo elettorato tradizionale. Che, spinto dall’esasperazione e dalla protesta, ha finito con l’optare per Grillo. Col risultato che il Pd è, assieme a Monti, il vero sconfitto politico di queste elezioni.

4) Il Pdl pare avere ottenuto più voti (ma, per quel che riguarda il Senato, specialmente più regioni decisive) di quanto non fosse previsto. Da questo punto di vista la campagna elettorale e, in particolare, la promessa di rimborso dell’Imu è stata certo efficace. Ma occorre ricordare al tempo stesso che i consensi per il partito di Berlusconi sono comunque assai meno di quanti ottenne alle ultime politiche nel 2008. Segno, in ogni caso, di una crisi di consenso che, in parte, si estende anche alla Lega.

Le difficoltà di sondaggi e proiezioni. Occorre dire che i metodi seguiti in Italia sono, nella maggior parte dei casi, altrettanto rigorosi di quelli adottati nel resto d’Europa e negli Usa. Il problema si pone quando (era già successo nel 1994 con la discesa in campo di Berlusconi) cambia completamente il quadro politico. Non a caso, alla richiesta «quando ha deciso cosa votare?» la percentuale di chi dice «da sempre», segno della stabilità del voto, è crollata dal 53% del 2008 al 35% di oggi. E si è accresciuta moltissimo la percentuale dei voti «last minute», decisi l’ultima settimana, passata dal 20% al 35%. Questo radicale mutamento potrebbe avere reso, ad esempio, più problematica la formazione dei campioni delle proiezioni, che si basano sul voto passato e gli algoritmi utilizzati per pesare le risposte che pure utilizzano quest’ultimo. Per la verità, alcune ricerche effettuate gli ultimi giorni si sono molto avvicinate al risultato. Ma resta il fatto che, sulla base anche di questa esperienza, molte metodologie vadano seriamente riesaminate.


SBILANCIAMOCI.IT

Per chi suona l'emergenza

Il voto consegna uno scenario mutato e una governabilità difficile. Eppure una svolta è necessaria, in uno scenario profondamente mutato. Ma che ancor più di prima chiede all'Italia terapie d'urgenza per cambiare rotta, e all'Europa di creare spazio per un intervento anticongiunturale non effimero. Solo allentando i vincoli dell'austerità l'Ue può aiutare l'Italia e se stessa
di Claudio Gnesutta

Io mi Sbilancio! E Grillo?

No F35, no Tav, si asili nido e ricerca... 118 candidati al parlamento avevano aderito all'appello di Sbilanciamoci per una nuova politica italiana. Dopo la scossa del voto, qualcuno riprenderà in mano l'agenda Sbilanciamoci?
di Redazione

Mettete del reddito nelle tasche dei cittadini

Il voto ha dato una scossa alla politica, adesso bisogna trarne le conseguenze con una scossa all'economia. Il reddito di cittadinanza proposto dal M5S, se declinato in forma efficace ed equilibrata, può essere parte di una nuova spinta alla domanda. Insieme al risanamento della politica
di Fibonacci

L'agenda spazzata via e quella da riscrivere

In soffitta Monti, nell'angolo la sinistra che non si è smarcata dalla sua austerity. Ma nel nuovo, difficile scenario occorre ripartire da quel che c'è e quel che può esserci. Cominciando con l'aggredire conflitto di interessi e corruzione: il contrario delle "larghe intese"
di Felice Roberto Pizzuti

Diamo un'occhiata all'economia a 5 stelle

Dall'acqua pubblica al no alle grandi opere come la Tav, dalle ricette per la Rai al reddito-sussidio garantito, dai grandi temi alle micro-questioni. Cosa c'è e cosa non c'è nel programma dei vincitori delle elezioni
di Gerardo Marletto

L'instabilità deprime i mercati. O li eccita?

Dopo il terremoto del voto del 24 e 25 febbraio, è iniziato il rally delle borse e dello spread. Ma il problema non è che l'instabilità politica rischia di allontanare gli investimenti finanziari. Il problema è che rischia di attrarli
di Andrea Baranes

Finanza tossica: per una vera tassa antispeculazione

I derivati italiani valgono più di 5 volte il nostro Pil, e sono cresciuti del 13% in un anno. È tempo della Tobin Tax: ma proprio come Tobin la pensò, non nella versione light del governo Monti
di Alessandro Messina

Disuguaglianze e salute al tempo della crisi

I determinanti sociali della salute nel quadro generale delle dimensioni del benessere; una cornice concettuale per l’analisi delle disuguaglianze e per conoscere gli effetti della crisi sulle comunità e sulle persone
di Nicola Caranci

Un appello-manifesto per la democrazia economica

Le cose da fare per introdurre la democrazia nell'economia: gestione comunitaria dei beni comuni, controllo e cogestione dei servizi pubblici, partecipazione dei lavoratori alle scelte sulle strategie d'impresa
di Vincenzo Comito ed Enrico Grazzini

Quattro problemi, tre soluzioni. Che cosa si può fare dopo il voto

Quattro fatti: il successo del M5S, la tenuta di Berlusconi, la battuta d’arresto del centro sinistra e l’incapacità dei movimenti di intercettare la protesta. Tre soluzioni: riscoprire che succede nel paese, concordare le politiche del cambiamento, fare un governo con l’accordo tra Pd, Sel e M5S
di Giulio Marcon, Mario Pianta

Dopo il voto, un’agenda per cambiare

Le lezioni emerse dalle urne e l’esigenza di un accordo tra Pd, Sel e M5S su un programma di cambiamento. Per sfuggire alla stretta tra governissimo dell’austerità e sfascio politico
di Annaflavia Bianchi, Paolo Pini

Democrazia diretta, occasione a Cinque stelle

Alcuni temi dei movimenti, la protesta e le richieste di democrazia partecipativa si ritrovano nell’agenda del Movimento Cinque Stelle. C’è uno spazio per un’altra politica?
di Donatella Della Porta

Fuori o dentro? La politica a Cinque stelle in Sicilia

Cosa insegna l’esperienza del Movimento Cinque Stelle in Sicilia? Conta la voglia di punire i politici, la liberazione dalle clientele e i buoni comportamenti dei consiglieri grillini
di Margherita Billeri, Mario Centorrino, Pietro David

Obbligata e difficile. La politica industriale

La rotta d'Italia. Tutti riparlano di politica industriale, ma la confusione è ancora elevata. Serve ripartire da ricerca, conoscenza, tecnologie, ma anche dai valori che vogliamo affermare. Una replica a Fabrizio Barca
di Sergio Ferrari

La triste parabola dell’informatica in Italia

Come cambia l’informatica con reti, comunicazioni mobili e cloud computing. Come far sopravvivere produzioni e lavoro in un’Italia che ha perduto l’Olivetti e quasi tutte le buone occasioni
di Mario Bolognani