storia internazionale del  sindacato e delle donne- cronologie

 

  fonti- STORIA INTERNAZIONALE DEL SINDACATO  - ripreso e integrato da http://www.fpcgil.it/internaz/intstor3.htm

in corsivo gli aggiornamenti

- Accanto alla storia sindacale uno spazio particolare ha la storia delle donne- cronologia-pdf tratta da una ricerca di Maria Chinigò-     http://www.provincia.rimini.it/informa/statistiche/altre/2003_genere/allegati/storia.PDF qui inserita in rosso


1351 Inghilterra

Lo Statuto dei lavoratori del 1351 (una legge confermata dal re su proposta del parlamento) obbliga le persone a rimanere nei loro villaggi e a lavorare per il salario che verrà deciso dal datore di lavoro. Mendicare e vagabondare è proibito fuorché per i i vecchi e gli inabili al lavoro. Per la prima volta viene operata la distinzione tra povero meritevole (vecchio, disabile, vedova e bambini) e povero non meritevole (adulti abili ma disoccupati). Per tutta risposta si cominciano a creare le prime associazioni di braccianti.

1345-1378 TUMULTO DEI CIOMPI
 
(giugno-agosto 1378). Sommossa dei lavoratori salariati dell'arte della lana (ciompi) scoppiata a Firenze per rivendicare il diritto di libera associazione e rappresentanza politica, e quindi la costituzione di una corporazione autonoma che ne tutelasse gli interessi. Uno dei primi tumulti popolari con finalità politiche, fu originato dalla generale crisi economica e dalla crescente svalutazione della moneta di rame con cui venivano pagati i già bassi salari. Nel mese di giugno la fazione più avanzata del popolo grasso, capeggiata da Silvestro de' Medici, per rovesciare l'oligarchia al potere si alleò con le forze del popolo minuto e magro (appunto i ciompi e gli elementi del mondo artigiano più povero, farsettai e tintori) sulla base di un programma che prevedeva la formazione di nuove arti e consistenti aumenti di retribuzione. Il movimento, che aveva rivendicato un terzo delle magistrature e la carica di gonfaloniere di giustizia, cui venne chiamato Michele di Lando, ebbe inizialmente successo. Ma l'atteggiamento prima di moderazione, poi addirittura di repressione, di Michele di Lando, lo spostamento politico degli artigiani e la forza dell'oligarchia riportarono in breve tempo (agosto) al governo il popolo grasso e medio e all'esclusione dei ciompi da ogni forma di rappresentanza politica.
1359 Primo sciopero dei minatori sardi.  Lavoratori della Zecca di Villa di Chiesa (Iglesias) La controversia si protrasse per quattro anni con la vittoria dei lavoratori.
1650 G.B.: appaiono le prime associazioni operaie che presto si associano nelle Trade Unions. Evoluzione delle società di mutuo soccorso in occasione delle lotte (operai qualificati: sellai, tipografi, sarti, ecc.)
1781 G.B.: brevetto della macchina motrice di Watt: si passa dalla manifattura alla fabbrica (rivoluzione industriale)
1790-1817 G.B.: luddismo (distruzione delle macchine):i ribelli firmano le loro petizioni e minaccie col nome di Ned Ludd immaginario liberatore (canzone dei tessitori di Nottingham)

 

1790

Jean Antoine Condorcet in «Sur l’admission des femmes au droit de cité» affronta il problema dell’esclusione delle donne dal diritto di cittadinanza;

·        Madame de Genlis, pedagogista e scrittrice, pubblica un trattato sulla soppressione dei conventi, utilizzati all’epoca come vere e proprie carceri femminili;

·        la scrittrice americana Judith Sergent, rappresentante della dissidenza religiosa, difende nei suoi scritti le potenzialità intellettuali delle donne, creando un nuovo modello di donna americana che chiama Penelope, pragmatica, indipendente, che non costruisce la propria personalità in funzione del matrimonio;

 

1791 Francia: 14 giugno, decreto Le Chapelier che vieta, per tutti i mestieri, qualunque forma di organizzazione collettiva, specie delle associazioni operaie e dell'azione collettiva (riconfermato poi nel codice napoleonico). Ai lavoratori era proibito associarsi, perché si riteneva che la formazione di "coalizioni" per migliorare il prezzo del lavoro (il salario) o per ridurre la durata della giornata lavorativa violasse il diritto del proprietario di contrattare liberamente e di stabilire a suo piacimento le condizioni di lavoro nella propria industria.
1791

dichiarazione dei diritti della donna e della cittadina» in cui rivendica l’estensione alle donne della Dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1789; 

·        nasce a Parigi il club femminile «Société Patriotique et de Bienfaisance des amies de la verité» fondato da Etta Palm d’Aelders, che si occupa dell’educazione delle bambine povere, battendosi anche per il divorzio e per la concessione alle donne dei diritti politici;

·        in Francia la Costituzione di settembre definisce «in modo identico per uomini e donne l’accesso alla maggiore età civile»; la donna può inoltre testimoniare in atti di stato civile e contrarre liberamente obbligazioni;

·        il codice penale francese stabilisce 20 anni di carcere in caso di procurato aborto;

·        l’inglese Hunter pratica la prima inseminazione umana tra due coniugi;

 

1792

viene pubblicata l’opera «Vindication of the Rights of Woman» di Mary Wollstonecraft che fa eco a O. de Gouges e a Condorcet, e nella quale principale obiettivo è il far riconoscere la responsabilità delle donne all’interno della nazione;

·        vengono emanate in Francia le leggi sullo stato civile e sul divorzio che introducono, specialmente in caso di divorzio consensuale, il principio di uguaglianza tra coniugi e portano «all’avvento della donna civica» ;

·        il 6 marzo Pauline Léon legge alla tribuna dell’Assemblea legislativa francese una petizione firmata da oltre 300 donne di Parigi in cui si reclama il diritto naturale di organizzarsi in guardia nazionale;

 

1792-1799 GB: London Corresponding Society (Club di dibattito) promosse da artigiani e operai per diffondere principi democratico-radicali ispirati alla tradizione rivoluzionaria dei levellers (i livellatori) egualitari della rivoluzione inglese del XVII secolo ed affini a quelli dei giacobini francesi
1793 il deputato montagnardo Guyomar, nella requisitoria «Le partisan de l’égalité politique entre les individus ou problème très important de l’égalité en droits et de l’illégalité en fait», dà luogo alla riflessione più approfondita e più moderna sulla necessaria integrazione delle donne nella democrazia;
1797 Francia: fallisce la Conspiration des Egaux (la congiura degli Eguali) di François Noel BABEUF (1760-1797) che si propone di instaurare uina società egualitaria dal terreno giuridico a quello economico attraverso la dittatura e l'esproprio "vivere e morire eguali"
1795

nei disordini della primavera termidoriana le donne francesi «assumono il ruolo di eccitatrici alle sommosse, di micce incendiarie» : scendono in strada, formano capannelli, incitano gli uomini all’azione;

·        nasce in Francia l’appellativo di tricoteuses per le donne che, piazzate nelle tribune, influenzano i legislatori riuniti in assemblea;

1799 G.B.: Workmen's Combination Acts che dichiaravano illegali tutte le organizzazioni aventi lo scopo di ottenere una contrattazione collettiva delle condizioni di lavoro. Vengono soppresse le Corresponding Society e il diritto di associazione - Violente manifestazioni.

muore la matematica italiana Maria Gaetana Agnesi, la più grande figura femminile negli studi matematici del XVIII secolo, la prima a cui viene assegnata una cattedra universitaria. Autrice delle «Istituzioni analitiche ad uso della gioventù italiana» (1748), è protagonista nell’opera di diffusione del Calcolo infinitesimale;

1802 G.B.: prima legge sul lavoro infantile su progetto di Robert Peel (inapplicata)

la poetessa Diodata Saluzzo Roero (1774-1780) è la prima donna a essere ammessa all’Accademia delle scienze di Torino;

·        viene introdotta in Baviera la scolarizzazione obbligatoria;

·        viene fondata a Parigi l’«Ecole gratuite de dessin pour les jeunes filles», una delle prime scuole d’arte femminili finanziate pubblicamente. Modello per scuole simili in altri paesi, dà una formazione di base in disegno e orienta gran parte dei suoi studenti verso l’artigianato;

in Gran Bretagna viene emanata una legge che proibisce l’aborto intorno al 3°- 4° mese di gravidanza;
1804 il Codice Civile Napoleonico, che influisce sulla condizione legale delle donne in tutta l’Europa napoleonica, dà corpo all’idea secondo la quale la donna è proprietà dell’uomo, e il suo compito principale è mettere al mondo figli;
1806 nel Codice Civile Italiano il divorzio può essere chiesto per colpa dell’altro coniuge, ma è anche previsto il divorzio consensuale la cui procedura è semplice e breve;
1810 il Codice Penale francese definisce l’infanticidio come l’assassinio di un neonato e lo colpisce con la pena di morte; l’articolo 317 punisce con la reclusione non solo il responsabile di un aborto, ma anche la donna, sia essa consenziente o meno;
1811-13 G.B.: Apogeo dei moti luddisti in Inghilterra

il Codice Civile Austriaco, in vigore nel Lombardo-Veneto a partire dal 1816, prevede il divorzio solo per i cristiani acattolici e per gravi motivi;

1812 G.B.: Pena capitale per i luddisti
1813 G.B.: 18 operai luddisti vengono messi a morte a York
1816 viene soppresso in Francia, per motivi religiosi, il divorzio, introdotto con la legge del 1792;
1820 in Francia e in Inghilterra nascono i circoli socialisti utopici i quali evidenziano la metamorfosi subita dal femminismo che, da movimento intellettuale si trasforma in movimento socialista. Da essi emerge un’analisi della sottomissione delle donne, soprattutto attraverso i violenti attacchi contro il matrimonio. Il loro impegno per l’eguaglianza tra i sessi è sostenuto dalla convinzione di una superiorità morale della donna;
1821-30 Belgio: movimento luddista
1824 G.B.: Autorizzate in Inghilterra le associazioni dei lavoratori. Abrogazione della Combination Acts
1825 Si comincia a passare dalle Società di mutuo soccorso alle Casse di resistenza, destinate a sovvenzionare gli associati durante i periodi di lotta.
1828 in Francia M.me Necker de Saussure, fondatrice di un istituto guidato da principi educativi innovatori, pubblica «L’education progressive», opera che «esalta una pedagogia dell’autonomia» sia per le ragazze che per i ragazzi, e insiste sulla necessità di ritardare l’età del matrimonio delle giovani donne «perché possano diventare spiriti illuminati e creature intelligenti»
1829 Primi partiti operai locali negli Stati Uniti
1830-1842 Germania: luddisti

viene messa per la prima volta in scena l’opera Silfide di cui è prima ballerina Maria Taglioni (1804-1884), la prima a danzare sulle punte;

·        dal 1830 in poi gli scritti di Ch. Fourier costituiscono la fonte di qualsiasi teoria libertaria relativa alle donne: la sua utopia è quella della libertà della donna, di emulazione dell’uomo. Ma la sua è anche un’utopia sociale in quanto il progresso e la felicità dell’umanità sono determinati dal grado di libertà della donna;

·        durante gli anni 1830-1840 le femministe si inseriscono nelle opere filantropiche del «Réveil» in Svizzera e in Olanda, che consentono alle donne delle classi medie di evadere dal loro ruolo tradizionale; negli Usa e in Inghilterra si inseriscono, agli inizi e alla metà dell’Ottocento in alcune correnti di dissidenza religiosa come le riunioni di preghiera dei quaccheri;

 

1830 Francia: sindacalismo come movimento politico (Proudhon, Blanc, Sorel, Blanqui...)
1831 Francia: sollevazione dei setaioli, artigiani, operai tessili della seta che appaltavano il lavoro dagli imprenditori, a Lione. L'esercito doma la rivolta (si ripeterà nel 1834)

in Francia una intensa campagna di petizioni sostiene il tentativo liberale in favore del divorzio;

1832

in Francia la legge del 28 aprile modifica l’articolo 331: qualsiasi atto di libidine su un bambino minore di 11 anni è punito con la reclusione, viene anche contemplato il reato di stupro;

·        in Inghilterra il Reform Bill può essere considerato quale punto di partenza del movimento suffragista;

·        viene fondato in Francia il giornale «La femme libre», «espressione del femminismo sansimoniano della classe operaia», che affronta temi educativi, di economia politica, il problema del lavoro femminile e del libero amore. «Le collaboratrici firmano con il solo nome, modo questo per restare nell’anonimato, ma anche rifiuto del cognome imposto loro dal matrimonio» ; in seguito assumerà il nome di «La tribune des femmes» e si avvicinerà alle dottrine fourieriste, conducendo importanti lotte contro la prostituzione e a favore dell’indipendenza economica delle donne;

·        nello Stato di New York 40 associazioni femminili fanno opera di vera e propria polizia sessuale, dedicandosi soprattutto alla protezione delle ragazze minacciate dalla prostituzione e dalla violenza sessuale;

1833 G.B.: In Inghilterra, prima legge che limita l'orario del lavoro infantile in fabbrica. I sindacati si rafforzano tentando di federarsi in un'unica associazione nazionale (Grand National Consolidated Trades Union). Si consolidano invece sindacati organizzati per mestieri che durano fino ad oggi.
Usa Knights of Labor

Lydia Maria Child, autrice statunitense di novelle, scrive la prima opera antischiavista americana: «An appeal behalf of that class of americans called africans» in cui si batte contro le discriminazioni verso i neri e combatte l’illegalità dei matrimoni interrazziali;

Val Pellice nasce l'industria

1834

GB. Grand Consolited Trade Union, riunisce gli appartenenti a tutti i mestieri e di tutte le regioni. Il successo fu notevole: in poche settimane il numero degli iscritti arriva a 500mila. Si scioglie nel 1835.

Fondata negli USA l'effimera Grand National Consolidated Trades Union.
G.B. Poor Law - Le workhouses (case di lavoro) subentrano ai sussidi - ospizi contro il vagabondaggio ("strumenti di tortura civile" li definisce Thomas Paine)

1835 G.B.: Il 60% dei lavoratori dell'industria cotoniera sono donne e bambini sotto i 13 anni
1836 G.B.: emigrati tedeschi fondano a Londra la Lega dei giusti (dal 1847 Lega dei Comunisti)

in Francia una legge discrezionale affida ai Comuni l’apertura di scuole femminili. I sindaci preferiscono tuttavia attenersi alla tradizione e «si accontentano delle scuole parrocchiali»

1837

in Gran Bretagna viene emanata una legge che proibisce l’aborto in qualunque fase della gravidanza;

·        negli Stati Uniti nascono le prime associazioni femministe a livello nazionale, come la «National Female Anti-Slavery Association» che porta alla luce le rivendicazioni femministe, e che serve da modello per le prime organizzatrici delle operaie del settore tessile;

·        si tiene a New York il primo Congresso antischiavistico femminile;

 

1838 G.B.: in Gran Bretagna il movimento della People's Charter rivendica i diritti politici tramite manifestazioni, petizioni parlamentari (1839, 1842,1848) e scioperi generali

negli Usa Sarah Grimké pubblica le «Letters on the equality of the sexes and the condition of woman», il primo manifesto del femminismo protestante contemporaneo

1840 le riviste femminili di moda diventano nel decennio 1840-50 una vera e propria forza culturale: negli Usa il «Ladies Book» di Godey, edito da Sarah Josepha Hale ha 40.000 abbonati nel 1849;
1841 G.B.: la metà degli occupati nelle industrie inglesi rimangono senza lavoro

nasce ad opera di George Sand «La Revue Indépendente» che risente delle idee democratiche e innovatrici di Michel de Bourges, di Lamennais e di Mazzini;

·        in Germania i sostenitori del libero protestantesimo e il movimento cattolico tedesco pongono radicalmente in discussione «il destino della donna»: il teorico cattolico Rupp realizza a Königsberg una costituzione comunale che garantisce il diritto di voto e di eleggibilità alle donne;

·        una legge dello Stato di N. Y. riconosce la piena capacità della moglie sui propri beni e sui guadagni derivanti dalla sua professione: essa esercita liberamente i propri diritti in un regime di separazione dei beni;

1842 G.B.: nel settore tessile i bambini sono il 20% della manodopera. Torna a crescere il tasso di mortalità (20 anni tra gli artigiani). La mortalità infantile è del 57% nei primi 5 anni

Cristina Trivulzio di Belgiojoso, ambasciatrice dell’unità nazionale, dà vita a istituzioni di tipo fourierista a favore delle donne: apre a Milano un asilo e una scuola di ispirazione fourierista;

nell’opera «Consuelo», George Sand, rappresenta una figura di donna che non cade nelle categorie artistiche convenzionali: essa spazia dalla diva alla compositrice, alla cantante girovaga;
1843

la religiosa francese Jeanne Jugan fonda la congregazione religiosa «Le petites soeurs des pauvres», divenuta negli anni ’80 la seconda congregazione per importanza di patrimonio immobiliare;

·        viene redatto, da parte della femminista Margaret Fuller, il primo manifesto femminista americano: «La donna nel XIX secolo»;

·        nasce Berta von Suttner, austriaca, che dedica la sua vita alla pace in Europa e nel mondo.

Organizza numerosi convegni pacifisti, cercando di convertire uomini politici e diplomatici;

1844 Germania: rivolta dei tessitori della Sassonia

Inizio del movimento cooperativo- cronologia1    cronologia2      cronologia3   cronologia4      cronologia5

1845

negli Usa Margaret Fuller viene assunta dalla redazione del New York Tribune come prima donna responsabile della critica letteraria;

Elisabeth Blackwell è la prima donna medico negli Usa;
1847 G.B.: legge sul lavoro infantile nel settore tessile (10 ore)

Caterina Franceschi Ferrucci, cattolica, pubblica «Della educazione morale della donna italiana», in cui insiste sulla necessità di individuare mo delli e percorsi educativi che spingano le donne verso una riforma di carattere razionale;

1848 Marx e Engels scrivono il Manifesto.
Rivoluzione in Francia (febbraio): prima identificazione di classe mediante l'adozione di un simbolo nazionale (bandiera rossa); proclamazione del diritto del lavoro e creazione degli ateliers nationaux per superare la crisi economica.
In Germania vengono create le Fratellanze generali dei lavoratori, prime associazioni sindacali, ancora di tipo corporativo

viene votato negli Usa il «Married Women’s Property Act» che conferisce alle donne sposate il diritto ad amministrare liberamente i propri beni;

·        la pittrice Rosa Bonheur (1882-1899), celebre per le sue raffigurazioni di animali, ottiene una medaglia d’oro alla mostra di pittura del «Salon» ufficiale;

·        in Francia con l’instaurazione del suffragio universale si assiste alle prime proteste femminili sui diritti politici;

·        in Francia, in Svizzera e in Germania sulla scia dell’ondata rivoluzionaria vengono pubblicati giornali femministi quali «La voix des femmes» e «L’Opinion des femmes», la «Frauenzeitung» di Louise Otto e il «Die Erzieherin» di Joséphine Stadlin, seguace di Pestalozzi;

·        in luglio negli Usa, a Seneca Falls, in occasione della Convenzione del diritto delle donne, nasce la «Dichiarazione dei sentimenti», vero e proprio monumento del femminismo americano;

1849 Italia: Società dei compositori Tipografi (primo sindacato), trasformazione in associazione di resistenza di una precedente società di mutuo soccorso

negli Usa viene pubblicato il primo giornale femminista, «The Lily» per iniziativa di Amelia Bloomer, propugnatrice tra l’altro di una riforma dell’abbigliamento;

·        in Germania Louise Otto-Peters fonda il primo «Journal des femmes pour les intérêts féminins supérieurs»;

·        la principessa Belgiojoso viene nominata da G. Mazzini organizzatrice dei servizi ospedalieri e di pronto soccorso di Roma;

·        in Inghilterra la borghese Elisabeth Jesse Reid fonda il «Ladie’s Bedford College» che si batte per l’istruzione superiore delle giovani, in un periodo in cui l’educazione viene considerata in rapporto alla funzione sociale delle donne;

·        Ernest Legouvè, contemporaneo di Stuart Mill, nella «Histoire morale des femmes» presenta la maternità quale argomento a sostegno della necessità di riforme educative e legislative;

1850 G.B.: Si afferma il new unionism: nascono grandi sindacati, risultato della fusione di più sindacati di mestiere affini, che cominciarono ad organizzare anche i lavoratori meno qualificati: Amalgamated Society of Engineers (1851).
Francia: creazione di organizzazioni sindacali dove si avvertono le influenze del tradeunionismosorgono forti organizzazioni sindacali (prima della Comune).
Italia: Società di Mutuo Soccorso

a partire da questa data gli storici americani notano un aumento degli articoli di giornale sul travestitismo femminile;

·        si riunisce a Worcester (Massachusetts) il primo «Congresso Internazionale delle donne»;

·        negli Usa il femminismo rientra nella strategia borghese riformista, mirante a ricostituire la vita istituzionale del paese secondo principi razionalisti egualitari;

·        in Inghilterra l’associazione femminile di Sheffield rivolge alla Camera dei Lords la prima petizione in merito al suffragio femminile;

1851

in Inghilterra il 40% delle lavoratrici è costituito da domestiche, le operaie sono solo il 22%;

·        nasce Jane Dieulafoy, una delle prime donne archeologhe che, con il marito, scopre in Persia il famoso fregio dei guerrieri assiri, oggi esposto al Louvre;

·        viene pubblicato il saggio di John Stuart-Mill, filosofo e economista inglese, sull’emancipazione delle donne;

1855 Il movimento sindacale australiano fissa il famoso slogan "otto ore di lavoro, otto ore di svago, otto ore di riposo"

il Parlamento britannico approva il «Criminal Law Amendment Act», una legge di riforma del diritto penale che, in materia di prostituzione, innalza a 16 anni l’età del consenso per le ragazze e autorizza interventi più diretti della polizia per reprimere il favoreggiamento;

1857 USA: l'8 marzo centinaia di operaie tessili di New York scioperano contro i bassi salari e le condizioni di lavoro. Da allora la data diventerà l'emblema della lotta per la liberazione delle donne

nei Paesi Anglosassoni il «Matrimonial Causes Act» riconosce alla donna separata legalmente, o abbandonata, la proprietà legale dei propri beni, attraverso un Protection Order;

·        viene emanato il Divorce Act che fa del divorzio un atto giuridico destinato ad avere un peso notevole nelle ex colonie;

1859

nasce ad opera di Ellen R. White la «London Bible Women and Nurses Mission», una delle numerose associazioni filantropiche europee del tempo che si occupa di educazione e protezione delle donne, organizzando dei «tea» o dei «mothers’ meetings» per dispensare nozioni di economia domestica e di puericultura;

·        in Inghilterra viene pubblicato il giornale «Englishwoman’s Journal» che, legato alle femministe che si riunivano a Langham Place, diventa sede di alcune tra le più importanti associazioni femminili inglesi quali la «Society for Promoting the Employment of Women». Una delle redattrici, Emily Davies utilizza il giornale come tribuna per battersi a favore di un miglioramento delle educazione delle giovani;

1860 Germania: prime organizzazioni sindacali.
Italia rafforzamento dei sindacati (mazziniani)

negli Usa l’Associazione medica americana attua una pesante campagna per l’abolizione dell’aborto lanciando appelli alle associazioni mediche e alle assemblee legislative dei singoli Stati, alle riviste professionali e alla stampa popolare con l’obiettivo di criminalizzare l’aborto;

·        Elizabeth Keckley (1840-1900), sarta e confidente di Mary Todd Lincoln, moglie di Abramo, mette il suo talento creativo al servizio della causa dei diritti civili, creando lavori come una splendida trapunta denominata Liberty, fatta con i ritagli di un vestito di Mary Todd;

·        in Cecoslovacchia sono i salotti delle signore borghesi (il salotto della scrittrice Karolina Svetlá e quello di Auguste Braunerová) a costituire il centro della Praga patriottica; il salotto letterario di Anna Lauermannová consente di scuotere il giogo della cultura austrotedesca e di cercare in direzione della Francia una possibile emancipazione intellettuale;

1861 Italia: Primo Congresso delle Società operaie

Il più grande esodo migratorio della storia moderna è stato quello degli Italiani.

A partire dal 1861 sono state registrate più di ventiquattro milioni di partenze. Nell'arco di poco più di un secolo un numero quasi equivalente all'ammontare della popolazione al momento dell'Unità d'Italia si avventurava verso l'ignoto.

Si trattò di un esodo che toccò tutte le regioni italiane. Tra il 1876 e il 1900 l'esodo interessò prevalentemente le regioni settentrionali con tre regioni che fornirono da sole il 47 per cento dell'intero contingente migratorio: il Veneto (17,9), il Friuli Venezia Giulia (16,1 per cento) e il Piemonte (12,5 per cento).

Nei due decenni successivi il primato migratorio passò alle regioni meridionali. Con quasi tre milioni di persone emigrate soltanto da Calabria, Campania e Sicilia, e quasi nove milioni da tutta Italia.

Gli italiani sono sempre al primo posto tra le popolazioni migranti comunitarie (1.185.700 di cui 563.000 in Germania, 252.800 in Francia e 216.000 in Belgio) seguiti da portoghesi, spagnoli e greci. Gli italiani all'estero secondo le stime del Ministero degli affari esteri erano nel 1986 5.115.747, di cui il 43 per cento nelle Americhe e il 42,9 in Europa. L'entità delle collettività di origine italiana ammonta invece a decine di milioni, comprendendo i discendenti degli immigrati nei vari paesi. Al primo posto troviamo l'Argentina con 15 milioni di persone, gli Stati Uniti con 12 milioni, il Brasile con 8 milioni, il Canada con un milione e l'Australia con 540.000 persone

dal primo censimento del Regno d’Italia emerge una femminilizzazione del clero: ben 42664 sono le religiose censite che vivono soprattutto al Sud, nelle province napoletane e in Sicilia;

1862 la protestante Elisa Lemonnier in Francia, colpita dall’ignoranza e dalla miseria delle mogli degli operai durante la Rivoluzione del’48, fonda una scuola per ragazze povere;
1863 Germania: Lassalle fonda la Allgemeinen Deutschen Arbeiterverein, prima organizzazione politica operaia legale (di tendenza riformista)
Londra, 22 luglio: prima riunione internazionale di sindacati dei lavoratori. Inglesi e francesi protestano con la repressione zarista in Polonia

in Francia si cerca di organizzare l’insegnamento secondario;

·        in Italia viene presentato alla Camera, da parte del deputato Peruzzi, un progetto di legge per l’elettorato femminile nei comuni e nelle province;

1864 Fondata a Londra, St.Martin's Hall, il 28 settembre l'Associazione internazionale dei lavoratori. (Prima Internazionale). Conflitti fra correnti fino al suo scioglimento (1876-1877).

Italia sciopero dei lanieri del biellese conclusosi con l'arbitrato di Pasquale Stanislao Mancini (primo esempio di contratto collettivo)

in Belgio, su iniziativa del senatore Bischoffsheim, viene fondata un’associazione per l’insegnamento professionale delle donne;

vengono emanati in Inghilterra i «Contagious Discorses Acts» che regolamentano la prostituzione;

 

1865

fa sensazione in Germania il raduno organizzato da Louise Otto nella regione industrializzata della Saxe, noto sotto il nome di «Frauenschlacht von Leipzig», in quanto le donne si arrogano il diritto, fino a quel momento riservato agli uomini, di parlare e di organizzarsi pubblicamente; sempre in Germania nascono due centri del movimento femminile, le associazioni liberali e l’organizzazione autonoma creata dalle donne stesse: a Berlino la «Lette-Verein», sostenuta dalla borghesia liberale protestante si ispira ad alcune esperienze londinesi e parigine sulla promozione del lavoro femminile e sulla formazione professionale delle giovani delle classi superiori;

·        nasce in Germania, ad opera di Louise Otto, l’organizzazione sindacale femminile «Allgemeiner Deutscher Frauenvereine»;

·        viene adottato in Italia il sistema dei «beni riservati» (salari, risparmi, risorse destinate prioritariamente ai bisogni della famiglia), di cui la moglie può disporne a meno che il marito non ricorra alla giustizia qualora pensi che essa non ne faccia un buon uso;

·        in Germania il movimento delle donne borghesi «Bund Deutscher Frauenvereine» rivendica il diritto al lavoro in stretta connessione con il diritto alla formazione professionale;

·        nel Codice Civile del Regno d’Italia la donna è soggetta alla autorizzazione maritale;

1866 lo stato dell'Illinois approva una legge che introduce la giornata lavorativa di otto ore, anche se con tali limitazioni da impedirne l'estesa ed effettiva applicazione. La legge sarebbe entrata in vigore il 1 maggio 1867
Riunione a Ginevra della Prima Internazionale che fissa l'obiettivo delle "otto ore" di lavoro quotidiane

in Francia il 22% delle lavoratrici è occupata nel lavoro domestico, il 10% nel tessile;

·        nasce, sotto la presidenza di Lydia Becker, in Inghilterra, la «National Society for Women’s suffrage», dopo il rifiuto da parte del primo ministro Gladstone della petizione, presentata da John Stuart Mill, per il diritto delle donne al suffragio;

·        nasce l’associazione «Wiener Frauen-Erwerbsverein» di ispirazione liberale, destinata a promuovere il lavoro femminile;

il Codice Pisanelli in Italia garantisce l’autonomia giuridica e patrimoniale della moglie, e stabilisce la parità tra figli e figlie in materia successoria;
1867 G.B.: E' approvato il Master and Servant ACT che abolisce la pena del carcere per motivi di sciopero

la legge Duruy in Francia obbliga i comuni con più di 500 abitanti ad aprire una scuola elementare per bambine;

·        in Italia la proposta di legge Morelli estende alle donne il diritto di voto e gli altri diritti civili e politici;

1868 G.B.: Fondazione del TRADE UNION CONGRESS associazione permanente che raggruppava la maggioranza dei sindacati inglesi.

viene organizzata a Berlino, ad opera della associazione femminista «Lette-Verein» la «Esposizione Industriale delle donne» per valorizzare il lavoro femminile;

·        in Francia argomento centrale dei primi raduni pubblici femministi di Vaux-Hall è il lavoro delle donne;

·        negli Usa dopo la bocciatura della proposta di revisione della Costituzione per garantire alle donne maggiori diritti, viene fondato da Susan Anthony e Elisabeth Stanton il giornale «Revolutione»;

·        Marie Goegg-Pouchoulin, redattrice a Ginevra del giornale «La Solidarité», prima tribuna internazionale per le femministe, lancia nel giornale «Les Etats Unis d’Europe» un appello per la nascita di una «Association Internationale des Femmes», tre anni dopo sarà vittima della repressione in seguito alla Comune di Parigi;

·        in Italia viene pubblicato, su iniziativa di Anna Maria Mozzoni, il giornale cosmopolita «La donna», diretto da Gualberta Adelaide Beccari, che porta come sottotitolo periodico morale ed istruttivo compilato da donne italiane , organo di lotta democratica, che si interessa anche di attualità femminile all’estero ;

nelle colonie inglesi viene concesso il voto municipale;
1869

le donne inglesi si guadagnano il diritto al voto municipale, il diritto di voto e l’eleggibilità nelle School Boards, nelle Boards of Guardian e nei County Councils;

·        il filosofo inglese John Stuart Mill scrive il saggio politico «The subjection of women», testo di riferimento fondamentale per la corrente egualitaria e liberale, che rivendica a favore delle donne quanto promesso dalla Dichiarazione di Indipendenza americana;

·        in Gran Bretagna una coalizione formata da riformatori dei costumi di estrazione borghese, femministe e lavoratori radicali chiede l’abolizione dei «Contagious Discorses Acts», che istituivano un sistema di controllo medico e di polizia sulle prostitute;

·        Octavia Hill, donna d’affari e membro di numerosi comitati, fonda l’associazione filantropica «Charity Organisation Society», in cui la filantropia viene concepita come una scienza destinata a dare impulso alle responsabilità individuali;

·        in Francia nasce il giornale femminista «Le droit des femmes» diretto da Léon Richer;

·        in Inghilterra la «Ladies National Association» scende in campo contro la prostituzione regolamentata con il giornale «The Shield»

1870

Josephine Butler in Inghilterra dà avvio alla lotta contro la prostituzione regolamentata dallo Stato: il problema della sessualità non viene affrontato solo sotto il profilo morale, ma anche sotto l’aspetto scientifico, politico e economico. Contro i rischi della sessualità viene imposta la continenza sessuale quale soluzione alla doppia morale;

·        è debole in Francia la propensione delle donne allo sciopero: tra il 1870 e il 1890 queste rappresentano il 4% degli scioperanti, pur costituendo il 30% della manodopera; le modalità degli scioperi sono l’improvvisazione, la scarsa organizzazione e la protesta contro i ritmi massacranti del lavoro;

·        inizia a delinearsi un consenso femminista sul problema del controllo delle nascite: negli Usa le «Moral Education Societies» propagandano il self-ownership e la razionalizzazione del desiderio sessuale;

·        il femminismo francese si configura, a partire da questa data, secondo l’indirizzo impressogli dal massone Léon Richer (1824-1911) e dalla libera pensatrice Marie Deraismes, e propugna il diritto al divorzio e l’accertamento della paternità;

·        in Inghilterra viene a instaurarsi un forte legame tra l’utilitarismo di J. Stuart Mill e il femminismo;

·        si va affermando negli Stati Uniti, dove le donne hanno conquistato in molti Stati i diritti politici, la figura della donna nubile felice, colta, viaggiatrice, che volta le spalle ai ruoli destinati alla donna borghese;

1871 Comune di Parigi (marzo-maggio).
G.Bretagna. sotto la guida della cosiddetta "Junta" che riuniva i più capaci dirigenti sindacali (William Allan, George Odger, Daniel Guile) la forza dei sindacati aumenta leggi: maggiori diritti, picchettaggio
1872 Italia: si forma l'Associazione fra gli operai tipografi (internazionalisti anarchici e marxisti

a Berlino fanno la loro comparsa i licei femminili;

in Islanda, dopo l’indipendenza, le donne fanno della loro isola una delle prime basi del femminismo: elettrici municipali nel 1882, eleggibili nel 1902, raggiungono la pienezza dei propri diritti nel 1915;
1873 la cantante e attrice olandese Mina Kruseman (1839-1922), nella sua prima novella «Een huwelijk in Indië» critica il matrimonio e la sottomissione della donna sostenendo l’opinione che le donne emancipate siano le donne nubili attive;
1874

in Francia la legge del 3 giugno esclude le donne e i bambini dai lavori sotterranei;

·        in Francia la legge Roussel organizza contro la mortalità infantile il controllo delle nutrici attraverso medici ispettori;

·        in Italia alle donne viene consentito l’accesso ai licei e alle università;

·        la berlinese Hedwig Dohm (1833-1919), appassionata teorica del femminismo, da sempre in lotta contro l’oppressione sessuale, materiale e psicologica delle donne, pubblica l’opera «Die Wisseuschaftliche Emantipation der Frau» in cui respinge le recenti teorie di anatomisti, fisiologi e medici sulla natura inferiore delle donne;

·        nasce l’organizzazione sindacale diretta da Emma Paterson «Women’s Trade Union Leaugue»;

1875 A Gotha si conclude l'unificazione dei partiti operai tedeschi nel Partito socialdemocratico (SPD)

a Ginevra Josephine Butler, con l’appoggio di esponenti dell’aristocrazia protestante, e del massone Aimé Humbert, fonda l’organizzazione internazionale «British Continental and general Federation of the Abolition of the State Regulation of Vice», che esiste ancora oggi sotto il nome di «International Abolitionist Federation»;

·        una normativa inglese stabilisce che le Università sono autorizzate a concedere i gradi accademici alle donne;

·        a New York la celebre medium Elena Blavatskij fonda la Società teosofica i cui obiettivi sono: la promozione di pari diritti tra uomini e donne, la fratellanza universale e lo studio delle religioni;

·        il deputato italiano Salvatore Morelli presenta alla Camera nuovi disegni di legge per la riforma del diritto di famiglia.

1876 G.B.: Con il Trade Union Act Amendement Act i sindacati britannici ottengono un soddisfacente status legale

muore Harriet Martineau, femminista dell’ epoca vittoriana, che «sviluppa nelle sue opere una approfondita tecnica di osservazione sociologica e politica»  I suoi scritti incoraggiano in Inghilterra la nascita di vari movimenti progressisti che si battono per il suffragio, per l’abolizione della prostituzione legalizzata e per l’educazione femminile;

la femminista italiana Luisa Tosco nel saggio «La causa delle donne», fa riferimento alla tesi del razionalismo illuminista non solo per quanto riguarda il suffragio femminile, ma anche nella polemica contro la doppia morale sessuale;
1877

viene approvata in Italia, su proposta di Salvatore Morelli, una legge che ammette le donne a testimoniare negli atti di stato civile;

·        viene pubblicata a Roma la petizione di Anna Maria Mozzoni in Parlamento per il voto politico alle donne;

·        Annie Besant, membro della Lega malthusiana inglese, che si batte per la diffusione dei sistemi contraccettivi, viene arrestata per aver pubblicato un libro sul controllo demografico, in un periodo in cui il problema della sessualità non viene solo affrontato sotto il profilo morale, ma anche sotto l’aspetto scientifico, politico e economico;

1878

nasce a San Francisco la danzatrice Isadora Duncan che, opponendosi alla danza accademica, crea un genere di danza naturale eseguita a piedi nudi;

·        in Inghilterra dopo la pubblicazione dell’articolo «Wife Torture in England», e dopo alcuni anni di propaganda della «English women’s review», un Act permette alle donne di chiedere la separazione legale per gravi sevizie subite;

·        si costituisce negli Usa la «Free Dress League» che si batte per la libertà del corpo femminile contro un abbigliamento che ne impaccia i movimenti;

·        il deputato Salvatore Morelli presenta il 13 maggio una proposta di legge in cui chiede tra le altre cose lo sviluppo della personalità della donna in relazione alla mutata coscienza sociale della società e l’ammissione del divorzio considerata un’urgenza d’ordine pubblico e di moralità sociale;

1879

al Congresso operaio di Marsiglia la femminista socialista Hubertine Auclert presenta una rivendicazione isolata sul salario delle casalinghe;

·        in Francia la legge dell’8 agosto crea 67 scuole normali femminili;

·        in «Casa di bambola» il commediografo norvegese Henrik Ibsen spinge Nora, la protagonista, a lasciare i suoi affetti (marito e figli) senza un motivo ragionevole, solo per costruirsi una identità autentica realizzantesi con l’allontanarsi da quella inculcata che definisce l’io femminista solo in rapporto all’altro, ai suoi desideri e ai suoi bisogni;

1880

Leone XIII con l’enciclica «Arcanum» risponde agli attacchi laici contro il matrimonio, ribadendo l’autorità maritale e rivendicando la dignità femminile nel matrimonio;

·        Anna Kuliscioff (1854-1925), nella «Rivista Internazionale del Socialismo» fa sì che socialismo e femminismo rappresentino inizialmente una sola e unica causa;

nel Servizio telegrafico francese uomini e donne lavorano in stanze diverse e con turni diversi per ridurre sia i contatti tra loro che il conseguente comportamento immorale;
1881

la legge C. Sée istituisce in Francia l’insegnamento secondario femminile, fondando un modello laico di educazione;

·        si tiene in Inghilterra il primo censimento che esclude l’attività domestica della donna dalla categoria del lavoro;

·        in Olanda la dott.ssa Alette Jacobs fonda la Lega neomalthusiana olandese dedicandosi all’assistenza medica gratuita e dando informazione sui metodi contraccettivi;

·        in Francia Léon Bertaux, scultrice e insegnante, fonda «l’Union des Femmes Peintres et Sculpteurs» che organizza una mostra annuale nel 1882 e pubblica (1890) un proprio giornale, attraverso cui porta avanti una campagna per l’ammissione delle donne all’Ecole des Beaux Arts, la più prestigiosa scuola europea;

·        tra il 1881 e il 1887 viene pubblicata ad opera delle femministe americane Elizabeth Stanton, Susan Antony e Matilda Gage l’History of Woman Suffrage in 6 volumi;

nasce in Italia, a Milano, la «Lega promotrice degli interessi femminili», unica organizzazione del movimento emancipazionista italiano paragonabile alle associazioni suffragiste inglesi, che si muove sia come forza politica che come organismo sindacale;
1882

in Inghilterra il «Married Women’s Property Act», votato negli Usa nel 1848, riconosce alle donne la piena capacità di disporre dei propri beni, e al contempo di stipulare un contratto;

in Prussia le domestiche costituiscono il 18% della forza lavoro, mentre le operaie il 22%,
1883 Germania: legislazione sociale (assicurazioni contro gli infortuni, malattie ed invalidità) per contrastare l'influenza socialista.
Creata nel Regno Unito la Fabian Society, culla del riformismo socialista
Viene sciolta la I internazionale

in Danimarca le donne votano alle elezioni municipali;

·        viene istituita in Francia la Scuola Normale Superiore di Sèvres,

·        la svizzera Emilie Kempin-Spyri, iscritta all’Università di Zurigo, è la prima donna al mondo a intraprendere gli studi giuridici;

1884 Francia: 21 marzo, abolizione della legge Le Chapelier con la Loi relative à la création des syndicats professionels (legge Waldeck-Rousseau).
Italia scioperi nel mantovano

in Francia la legge Naquet introduce il divorzio che era stato soppresso nel 1816;

·        negli Usa per la prima inseminazione artificiale con donatore, la scelta cade su uno studente prescelto per i suoi risultati in campo scolastico;

 

1885 Italia: scioperi nel mantovano (scioglimento delle organizzazioni sindacali, 200 braccianti arrestati)

Hubertine Auclert, la prima donna a usare il termine femminista e a battersi per il diritto di voto alle donne, presenta la propria candidatura alle elezioni parlamentari;

·        in luglio a Hide Park le associazioni filantropiche inglesi riuniscono il più grande raduno «morale» di tutti i tempi: 250.000 persone riunite in nome della Purity contro la tratta delle bianche;

1886 USA: American Federation of Labour: sindacalismo indipendente e corporativo (AFL) di Samuel Gompers, ispirata ai principi della esperienza britannica dei sindacati di mestiere composti da operai altamente qualificati, larga autonomia ai sindacati.
Francia primo congresso dei sindacati di categoria

in Inghilterra in caso di separazione il marito è condannato al pagamento di una pensione settimanale;

·        l’aristocratica svizzera Meta von Salis-Marschlins (1855-1929) in «Die Zukunft der Frau» «tratteggia l’utopia di una umanità-donna che sperimenterebbe la compagnia dello spirito e sfuggirebbe alla costrizione della macchina domestica»

·        in Italia la legge n. 3657 sul lavoro dei fanciulli non dà alcuna disposizione sul lavoro delle donne escluse da ogni protezione legale; solo in un o.d.g. della Camera dell’8 febbraio si afferma la necessità di disciplinare con legge anche il lavoro delle donne

1886
4 maggio
USA: eccidio di Chicago. Il quattro maggio 1886 due anarchici, immigrati tedeschi, Johann Most e August Spies, organizzarono ad Haymarket Square a Chicago per protestare contro la violenza della polizia contro gli scioperanti davanti ai cancelli della McCormik Harverest. Durante la manifestazione qualcuno lanciò una bomba che uccise un poliziotto. La polizia sparò ed uccise quattro persone. Furono accusati gli anarchici, sette condannati a morte (di cui quattro eseguite). Alla base della nascita della festa del 1° maggio.
1887 Francia: Bourses du Travail (Camere del lavoro), sorte originariamente come uffici di collocamento che si associano nella Confederation Generale du Travail (CGT)

la società femminista norvegese «Norsk Kvinnesakforening» pubblica il giornale «Nylaende» (Nuove Frontiere) in cui emerge la grande influenza del potere simbolico del femminismo americano;

·        in Gran Bretagna Octavia Hill fonda il primo Settlement femminile;

1888 Spagna: fondata la Union General de Trabajadores

Jeannie Louise Bethune è la prima donna architetto accolta presso l’«American Institute of Architects», la più importante associazione professionale di architettura americana; negli Usa Frances Willard, direttrice della «Lega della temperanza delle donne», nella sua opera «Woman in the Pulpit» tratta il problema, già emerso nella celebre Convenzione di Seneca Falls, riguardante la fine del monopolio maschile della predicazione dal pulpito;

·        nasce a Washington, negli Usa, l’organizzazione internazionale femminista «International Council of Women», in occasione del 40 anniversario della Seneca Falls Declaration;

·        C. Claudel con la scultura «L’abbandono» vuole affermare come le donne possano rappresentare soggetti erotici al pari degli uomini;

lo sciopero delle operaie fiammiferaie a Londra è il primo in cui le donne non passano attraverso le Trade–Unions degli uomini; a Edimburgo lo sciopero delle tipografe porterà alla affermazione, nel memorandum «We Women», del diritto a stampare in nome della propria uguaglianza e competenza;
1889 A Parigi (14-20 luglio) viene fondata la Seconda Internazionale (che nel 1896 espelle la minoranza anarchica). Viene decisa la data del primo di maggio per una manifestazione in tutta Europa. In Gran Bretagna, le Trade Unions impongono il passaggio della giornata lavorativa da due a tre turni. Lo sciopero dei portuali porta all'affermazione del New Unionism, che riunisce gli operai non qualificati. In Italia, con il nuovo codice Zanardelli, si abroga il divieto di coalizione: lo sciopero non viene più perseguito penalmente.

Parigi: Primo congresso internazionale dei tipografi e dei lavoratori del tabacco.

la femminista protestante Emilie de Morsier convoca a Parigi il «Congrés International des Oeuvres et Institutions Féminines» che, controbilanciando il femminismo politico e definendo il campo di azione femminista, orienta i suoi lavori sulla filantropia;

1890 Cominciano le manifestazioni del Primo Maggio per la riduzione della giornata lavorativa a otto ore.
G.B.: gli iscritti al sindacato sono 1.500.000
Germania leggi antisocialiste di Bismarck. I sindacati tedeschi si dividono in Freie Gewerkschaften (marxisti), cattolici e liberali. Le associazioni sono tutte fortemente centralizzate e ripetono lo schema organizzativo francese.

Manchester: viene fondata la Federazione Internazionale dei Minatori.

Elisabeth Cady Stanton, teorica e propagandista del femminismo inglese, pubblica l’opera «Women’s Bible», «insieme di commenti esegetici sui rapporti uomo-donna e sul posto della donna nella società»  ;

·        in Svezia viene modificata la legislazione sull’aborto per consentire l’interruzione di gravidanza sulla base di valide ragioni mediche;

·        è attivo a Bologna un comitato per il miglioramento delle condizioni della donna;

il servizio postale francese comincia ad assumere donne nei centri urbani e crea una categoria speciale le Dames employées, con salario d’ufficio e nessuna opportunità di avanzamento;
1891 Germania: L' SPD diventa il primo partito socialista di massaItalia: prime Camere del Lavoro (Piacenza, Milano, Torino) per opera di Osvaldo Gnocchi Viviani (Borse francesi)
1 maggio, a Roma, in piazza Santa Croce in Gerusalemme, scoppiano gravi incidenti.
Il Secondo Congresso dell'Internazionale, riunito a Bruxelles, decide di rendere permanente la festa del Primo maggio, che diventa "Festa dei lavoratori".

in Italia viene presentata alla Camera la proposta di legge Gianturco sulla condizione giuridica dei figli naturali;

1892 Germania: i Sindacati Liberi (associazioni professionali locali, socialiste) si danno una organizzazione centralizzata.
Francia: Fédération Nationale des Bourses de Travail.
Italia: nasce il Partito dei lavoratori italiani, poi 1895 Partito Socialista

viene emanata in Francia una legge che vieta alle donne di lavorare per più di 11 ore al giorno e che le tutela, insieme con i bambini, da stabilimenti insalubri e da lavori pericolosi;

·        in Germania Clara Zetkin fonda la «Gleichheit», organo del movimento delle donne socialiste tedesche e internazionaliste che si propone di dare una formazione politica femminista alle operaie;

·        Paul Lafargue, deputato del Parti Ouvrier Français propone una innovativa politica di congedi per maternità per le lavoratrici francesi, che avrebbe fornito loro uno stipendio giornaliero a partire dal quarto mese di gravidanza fino alla fine del primo anno dopo il parto;

1893 Italia: Federazione delle Camere del Lavoro (12)
Viene fondata a Zurigo la Federazione Internazionale dei Lavoratori Metalmeccanici (l'attuale IMF).
25 giugno: il governatore dell'Illinois riconosce che i 'Martiri di Chicago' erano innocenti.

in Inghilterra le donne ottengono il diritto di fare testamento;

nasce a Parigi «Droit humain», la prima massoneria mista, giunta in Italia nel 1899;

 

1895 Francia: I sindacati di categoria e la Federazione delle Borse si fondono nella Confederation Generale du Travail (CGT)

in Inghilterra le donne votano in diversi Parlamenti locali (colonie inglesi, Australia), e dal 1902 diventano elettrici e eleggibili al Parlamento Federale;

·        il Senato francese vota una proposta di legge contro chi avvia le donne alla prostituzione, neppure esaminata dai deputati;

1896

Maria Montessori, pedagogista, intellettuale e femminista consegue la laurea in Medicina;

·        la femminista svedese Ellen Key, pedagogista progressista, ne «L’uso errato del potere delle donne» critica l’egualitarismo delle donne della classe media che perseguono le stesse ambizioni degli uomini, e in «Psicologia delle donne e logica femminile» riabilita la specificità femminile;

si apre a Berlino il «Congresso femminista internazionale»;
1897

la Germania prende misure concrete contro la prostituzione, i trafficanti sono infatti passibili di reclusione e di ammende, e vengono anche firmati trattati di estradizione;

·        nasce a Roma l’«Associazione Nazionale per la Donna» che si batte per i diritti civili e politici;

·        il quotidiano francese «La Fronde», che apre anche un ufficio gratuito di collocamento, è un importante centro di cultura femminista: la redattrice Margherite Durand «apre una breccia a favore del giornalismo professionale», la sua collaboratrice, Caroline Rémy, nota sotto lo pseudonimo di Sévérine, è la prima donna giornalista a vivere del proprio lavoro;

1898 Italia: vengono sciolte 21 camere del lavoro su 25

Charlotte Perkins Gilman sviluppa una personale forma di socialismo femminista, nel suo libro «Women and Economics», afferma che l’eguaglianza politica delle donne non è sufficiente a dar loro una reale libertà, e sostiene che socialismo vuol dire socializzazione della produzione;

1899 La seconda internazionale rifiuta il revisionismo di Bernstein.
Francia: il socialista Millerand accetta di far parte del governo radical-borghese di Waldeck-Rousseau; crisi del socialismo francese, diviso tra sinistra di Julies Guesde e "ministerialisti" di Jean Jaurés.
Si firma in Danimarca, nel mese di settembre, dopo un apro conflitto conosciuto come la "guerra dei cento giorni", un accordo fra la confederazione sindacale LO e l'associazione degli imprenditori, che fissa le regole di fondo per le relazioni industriali. Accordo che, dopo qualche revisione negli ultimi trent'anni, è tutt'oggi in vigore.

si tiene all’Aia, su iniziativa di Margarethe Selenka e di Bertha von Suttner, la prima manifestazione pacifista internazionale delle donne, in cui viene affermata la coincidenza tra la questione femminile e il problema della pace;

·        Sibilla Aleramo dirige a Milano la rivista femminile «L’Italia femminile»;

·        Isabella Stewart Gardner realizza a Boston una delle case-museo più importanti del mondo, un’istituzione pubblica modellata su una casa privata;

viene fondato a Milano l’«Ufficio Indicazioni e Assistenza dell’Unione Femminile», significativo esempio delle dinamiche instauratesi tra organizzazioni delle donne, amministrazioni locali e Stato, punto di riferimento per anziani, malati, disoccupati e soprattutto donne
1900 USA: 790.000 iscritti alla AFL.
Italia nasce la Federazione degli edili
Germania: sciopero dei lavoratori comunali a Kiel
Viene fondata la Federazione Internazionale dei Trasporti (ITF)
G.B. La Camera dei Lords conferma la sentenza per lo sciopero nella ferrovia Taff-Vale, nel Galles meridionale, che riteneva responsabili civilmente i sindacati per i danni causati da uno sciopero.

si tiene a Parigi il «Congresso Internazionale sulle Condizioni e i Diritti delle Donne» che istituisce una Cassa pubblica per la maternità in tutti i paesi evoluti;

·        in Germania le donne possono accedere all’Università e al baccalaureato;

·        in Norvegia l’avvocatessa Katti Anker Møller reclama l’assistenza statale per le madri non sposate;

·        alle Olimpiadi di Parigi gareggiano per la prima volta anche le donne;

·        in Italia risultano iscritte all’Università 250 donne;

·        in Francia la disposizione del 29 dicembre detta «legge delle seggiole» obbliga i padroni di tenere delle sedie a disposizione delle dipendenti;

Italia.Le iscritte nei licei sono 287 (erano 44 nel 1897). Nelle industrie tessili lavorano 250.000 donne su 380.000 operai.

Sono già at tive in Italia molte aggregazioni femminili. Le più recenti sono il Movimento femminile socialista (1897) e l’ Unione Femminile (1899).

Nel corso del XVII Congresso cattolico mons. Radini Tedeschi sostiene l’urgenza della nascita di una organizzazione femminile cattolica. La proposta resterà irrisolta nel quadro della crisi dell’Opera dei Congressi e dell’indebolimento della Democrazia cristiana.
1901 Italia: esistono 58 Camere del lavoro; nasce la Federazione dei metalmeccanici (FIOM)

Prima riunione internazionale delle Confederazioni nazionali con scandinavi, tedeschi e britannici. Assenti i francesi (Copenaghen, 21 agosto).

in Francia la legge del 21 dicembre in materia di aborto estende la repressione «trascinando i colpevoli davanti ai giudici togati e non più davanti ai giurati»;

·        viene realizzato, sotto la direzione di Helene Lange e di Gertrude Bäumer, il manuale «Handbuch der Frauenbewegung», risultato di una collaborazione tra femministe europee e americane, tratta le associazioni e le battaglie condotte;

·        viene fondato il «Consiglio nazionale delle donne francesi» che si batte per il congedo di maternità pagato e per il riconoscimento della maternità come servizio sociale;

·        in Germania la femminista socialista Lily Braun, è la prima a difendere pubblicamente la causa di un’assicurazione autonoma per la maternità ritenendola una funzione sociale;

·        si verificano in Francia alcune singolari forme provocatorie di protesta che danno dimostrazione della capacità inventiva delle femministe: in aprile viene messo in circolazione un francobollo commemorativo della Dichiarazione dei diritti dell’uomo, Jeanne Oddo Teflon ne propone una replica invertita, un francobollo in cui è un uomo a recare in mano la tavola dei diritti della donna;

Italia. 

Il tasso di attività femminile è del 31 %. Nell’industria del cotone lavorano 82.932 donne, 17.528 fanciulli, 34.750 uomini.

Ci sono già 3.000 telegrafiste, 170.000 commesse.

Su 1.100.055 parti muoiono ancora 3.034 donne.

Nasce a Milano il Fascio femminile democratico cristiano e la Lega cattolica femminile.

1902 Italia: nasce la federazione dei braccianti.
Francia: nasce ufficialmente la Conféderation General du Travail (CGT)
Primi contatti internazionali tra i sindacati dei lavoratori statali e comunali (tedeschi, danesi, inclesi, austriaci)

Seconda riunione internazionale delle Confederazioni nazionali (Stoccarda, 17-18 agosto). Si forma l'Ufficio Centrale internazionale delle Centrali sindacali nazionali.

viene fondata in Gran Bretagna, ad opera di Emmeline Pankhurst, la «Women’s Social and Political Union» che si batte per il diritto al suffragio;

·        si apre a Parigi l’«Esposizione internazionale delle arti e dei mestieri femminili»;

·   Italia.Il Parlamento approva la legge 242  Carcano sul lavoro delle donne e dei fanciulli, sostenuta dal Partito socialista e da Anna Kuliscioff, che entrerà in vigore il 1 luglio del 1903.Unifica il lavoro femminile e dei fanciulli in una tutela di tipo igienico-sanitario, e vieta il lavoro notturno alle minorenni;

1903 Viene creata a Dublino (7-8 luglio) la Segreteria sindacale internazionale delle Confederazioni nazionali con sede a Berlino e segretario il tedesco Carl Legien.

Rottura tra riformisti e rivoluzionari all'interno dei movimenti socialisti russo e bulgaro, ed in seguito anche olandese e tedesco

in Inghilterra, negli anni precedenti il 1º conflitto mondiale, la questione femminile passa al primo posto nel dibattito pubblico. La «Women’s Social and Political Union» riesce a fare del voto un problema fondamentale;

·        viene convocato il primo «Consiglio Nazionale delle Donne Italiane», aderente al Consiglio Internazionale Femminile e articolato in vari settori sui diritti sociali, economici, civili e politici;

·        il Parlamento francese vota il 3 aprile una legge che condanna il commercio delle donne vendute con violenza, frode o minaccia, punendo coloro che potrebbero costringere una donna a prostituirsi;

Italia. 

Vengono fondate in Italia le sezioni italiane di due organismi internazionali, il Consiglio nazionale delle donne italiane, aderente all’International Council of Women e la più radicale Alleanza per il suffragio.

Maria Curie è Premio Nobel per la fisica.
1904 G.B.: vari gruppi parlamentari eletti con l'appoggio del sindacato confluiscono nel Labour Party; le Trade Unions si affiliano in massa. Italia sciopero generale

Nasce in Inghilterra l’ Unione politica e sociale delle donne di E. Pankhurst.  Con lo scioglimento dell’Opera dei Congressi cattolici viene bloccato anche il disegno di una associazione autonoma di donne cattoliche.

1905 L'Internazionale riesce ad unificare i due partiti del socialismo francese nella Section Française de l'Internationale Ouvrière (SFIO).
USA: nasce l'organizzazione degli Industrial Workers of the World, di orientamento sindacal-rivoluzionario.
Prima rivoluzione russa

usa.

Il sindacato degli Industrial Workers of the World (IWW) fu la più combattiva associazione sindacale negli Stati Uniti. La massima intensità della sua azione si svolge dai primi anni del XX secolo alla metà degli anni '20.
Il preambolo delle statuto del 1905 si apriva con questa affermazione: "la classe operaia e la classe capitalistica non hanno niente in comune". Questa linea di azione di classe fu perseguita con coerenza e l'IWW evitò compromessi e "concertazioni" con il padronato e i governi che lo sostenevano. Ideologicamente l'orientamento fu di tipo anarco-sindacalista e spontaneista, e ciò determinò scontri anche aspri con il movimento comunista americano producendo ripetute scissioni interne. L'azione sindacale coinvolse lavoratori di tutti i settori puntando su istanze radicalmente antirazziste, su una propaganda aggressiva ed efficace, sulla pratica antagonista dello sciopero e del boicottaggio, su metodi di lotta spesso non tradizionali volti ad attuare un effettivo contropotere sui luoghi di lavoro. I wobblies (così erano detti i militanti dell'IWW) dopo aver conseguito notevoli successi rivendicativi furono stroncati dalla repressione. Durante la guerra molti finirono in galera con l'accusa di boicottaggio dello sforzo bellico nazionale e le condanne per alcuni dirigenti raggiunsero i vent'anni di carcere. L'antagonismo di classe e di massa negli USA entrava così, dopo questa parabola di straordinaria intensità, in una fase di penombra da cui non sembra essere ancora uscito. I sindacati americani, pur con alcune eccezioni, intrapresero la strada del collaborazionismo o delle lotte rivendicative di tipo corporativo. L'IWW è sopravvissuto alla sua crisi. Oggi si ripresenta come un sindacato internazionale e internazionalista, ben calibrato ideologicamente, ma di scarso peso effettivo nelle lotte del lavoro, purtroppo ancora radicate in realtà a carattere prevalentemente nazionale.

in Svizzera Margarethe Faas-Hardegger, che si ispira al sindacalismo rivoluzionario francese, nella propria lotta sindacale si batte sia per i diritti sociali e politici delle donne che per la contraccezione e l’aborto;

·        a Boston Jane Addams fonda la «New Women’s Trade Union League» uno dei numerosi sindacati femminili che vede nell’unione e nella mutualità sia uno strumento di autoeducazione che di rivendicazione;

Inizia in Inghilterra la tattica spettacolare delle suffragette, che durerà fin al 1917.

L’Unione femminile, nata a Milano nel 1899 diviene Unione Femminile Nazionale.

Con regio decreto nell’agosto 1905 le donne sono ammesse all’insegnamento nelle scuole medie.

Sorge a Milano per iniziativa di Fany Norsa Pisa la prima Cassa di maternità
1906 Francia: Charte di Amiens- rifondazione della CGT, di orientamento sindacal-rivoluzionario (Fernand d'Amiens) ribadisce l'indipendenza dai partiti ed assume come compito dei sindacati l'attuazione del socialismo.
G.B.: le Trade Unions ottengono il riconoscimento legale.
Italia: nasce la Confederazione Generale del Lavoro (CGL) con Rinaldo Rigola per segretario scissione dei sindacalisti rivoluzionari o anarco sindacalisti (Centro per la resistenza - > unione sindacale italiana)
1 giugno: risoluzione al Congresso della Federazione Tedesca dei lavoratori comunali e statali di Mainz per la creazione di una organizzazione internazionale dei lavoratori comunali

Torino/Villar Perosa nasce la RIV

la pittrice Paula Modersohn-Becker (1876-1907) dipinge il nudo «Autoritratto con collana d’ambra», in cui raffigura la propria sensualità come un fatto concreto, trasgredendo così i tabù che impedivano alle donne di rappresentare il corpo nudo;

Nella battaglia per il suffragio universale si apre anche quella per il suffragio femminile: una petizione di Anna Maria Mozzoni, Maria Montessori e altre al Parlamento; alcune donne si iscrivono ad Ancona alle liste elettorali.

Viene tenuto un Congresso femminile socialista. Sibilla Aleramo pubblica Una donna.

1907 Prima Conferenza Internazionale dei lavoratori comunali, statali e delle aziende di elettricità, acqua e gas (Stoccarda, 25-27 agosto): partecipano Germania, Danimarca, Paesi Bassi, Ungheria, Svezia e Svizzera in rappresentanza di 44.500 iscritti. Viene eletto come Segretario Internazionale il Presidente del Sindacato Tedesco, Albin Mos. Sede del Segretariato è Berlino.

Danimarca: il 95% dei lavoratori dell'azienda del gas fa parte dell'Associazione Danese dei Lavoratori

Segreteria internazionale delle donne socialiste

Pinerolo- Nascita della Talco&Grafite

in Inghilterra «La lega delle donne laburiste» chiede l’assistenza finanziaria per le madri bisognose;

·        in Italia il Convegno femminile nazionale inserisce la rivendicazione dell’amministrazione dei beni da parte della donna nel proprio programma femminista;

·        Ernestina Prola è la prima donna italiana a conseguire la patente;

·        in Inghilterra le donne ottengono il diritto di voto e l’eleggibilità in alcune scuole e Consigli;

·        la legge n. 416 sul lavoro delle donne e dei fanciulli vieta in Italia il lavoro notturno alle donne di qualsiasi età;

in Francia la legge del 13 luglio prevede un sistema di «beni riservati» (salari, risparmi e impiego di redditi). Si tratta di risorse destinate ai bisogni della famiglia di cui la moglie può disporre, fatto salvo il diritto del marito di ricorrere alla giustizia se pensa non ne faccia buon uso;

Le donne finlandesi ottengono prime in Europa il voto.

Le donne inglesi della Women’s social and political Union marciano sul Parlamento inglese.

Saranno ammesse a votare nelle elezioni municipali.

Italia. Nasce il Comitato nazionale pro suffragio femminile presieduto dalla Martini Marescotti.  Si svolge a Milano il primo Convegno nazionale femminile indetto dalle femministe cristiane della Federazione femminile, aperto anche alle laiche e alle socialiste.
1908 Nasce il Segretariato Internazionale Cristiano

negli Usa Gertrude Jekyll è una delle prime progettiste di giardini;

·        si tiene a Roma il primo «Congresso nazionale delle donne italiane» che vede la partecipazione di oltre 1.400 donne; temi affrontati: istruzione, educazione, lavoro, violenza sessuale, voto, ricerca della paternità;

·        in Francia la legge del 6 giugno autorizza la conversione della separazione legale in divorzio, se sia durata almeno tre anni;

·        viene fondata in Italia l’UDACI (Unione Donne di Azione Cattolica), che nel suo primo anno di vita costituisce più di 100 comitati con 15.000 iscritte;

·        a Milano, in occasione di un congresso sul problema del lavoro, organizzato dall’Unione Nazionale Femminile, partecipano 600 donne;

·        Emma Strada è la prima donna italiana a laurearsi in ingegneria;

Il Consiglio nazionale delle donne italiane promuove il primo Congresso nazionale delle donne italianei che si apre a Roma con la presenza della Regina.

Maria Montessori a Roma nel quartiere San Lorenzo apre la prima Casa dei bambini, un asilo arredato e condotto secondo il suo metodo.

Nasce il Corpo delle infermiere volontarie della Croce rossa.

Le donne ottengono il voto amministrativo in Danimarca.

1909 Italia: Segretariato Generale delle Unioni Professionali (cattolici)

Svezia: sciopero generale finanziato dalla Segreteria sindacale internazionale delle Confederazioni nazionali. Il movimento sindacale svedese, sconfitto, accetta il principio del sindacato industriale (dai sindacati di mestiere ai sindacati di categoria). Inizia un periodo di grande conflittualità che durerà fino agli anni Trenta.

Ellen Key (1849-1926), pedagogista progressista svedese, pubblica «Il movimento delle donne» in cui viene analizzata l’influenza del femminismo su donne e uomini di differenti età e condizioni sociali;

·        in Francia la legge Engerand garantisce la conservazione del posto di lavoro alle donne che si assentano per un massimo di 8 settimane prima e dopo il parto;

·        in Svezia le donne diventano eleggibili;

Come reazione alle conclusioni del primo Congresso nazionale delle donne italiane, (voto contro l’insegnamento religioso nelle scuole) nasce la prima unione fra le donne cattoliche.

1910 Seconda Conferenza Internazionale dei Lavoratori dei Servizi Pubblici (Copenagher, 4-6 settembre): 30 delegati di 8 paesi in rappresentanza di 48.200 iscritti.

nasce in Italia la Cassa di maternità, primo provvedimento di welfare state, basato sul modello dell’assicurazione;

·        viene istituito in Norvegia il suffragio universale che permette alle donne di beneficiare di tutti i loro diritti di cittadine;

·        in Russia un congresso di ginecologi votò affinché l’aborto non fosse considerato reato se praticato sotto controllo medico;

viene istituito in Norvegia il suffragio universale e le donne beneficiano dei diritti di cittadinanza; a partire dal 1912 diventano eleggibili a tutte le funzioni dello Stato;

Le maestre e le professoresse sono 62.000, contro 35.000 uomini.  A. Kuliscioff svolge al Congresso socialista una relazione su “Proletariato femminile e Partito socialista”.

Giuseppina Novi Scanni fonda le Unioni professionali femminili.

Tutti i gruppi femministi stilano un Manifesto comune per il voto alle donne.

Lo Stato di Washington ammette le donne al voto
1911 Spagna: fondata la Confederaciòn Nacional de Trabajo; a partire dal 1920 sarà la maggiore organizzazione anarco-sindacalista

USA: un incendio uccide, il 25 marzo, a New York 146 lavoratrici in una fabbrica tessile. Le donne muoiono perchè i padroni le hanno chiuse all'interno. La strage sarà da allora alla base della Giornata internazionale della Donna (otto marzo).

viene istituita negli Usa (Illinois) la prima pensione di maternità;La rivoluzione democratica cinese sancisce l’accesso delle donne alle scuole, la libertà di matrimonio, la partecipazione delle donne alla politica e sociale.  E’ fondata in Francia l’Alliance Jeanne D’ Arc, associazione di femministe cattoliche.

1912

viene istituito negli Usa il Mother’s day: celebrazione della madre e esaltazione della casalinga, promossa a «regina della casa»;

·        nasce in Francia il primo giornale in difesa dei diritti politici delle donne, «Le mouvement féministe», creato da Emilie Gourd;

·        Anna Kuliscioff, in occasione della concessione del suffragio universale, fonda la rivista «La difesa delle lavoratrici», che si pone in prima linea per l’estensione del voto alle donne;

·        in un manuale di sessuologia del medico tedesco A. von Moll, l’emancipazione femminile è vista quale causa di mascolinizzazione implicante una degenerazione della fecondità e una perversione della sessualità;

Due sindacaliste, Argentina Altobelli e Carlotta Clerici entrano a far parte del Consiglio del lavoro presso il Ministero dell’Agricoltura, industria e commercio.  Le donne ottengono il voto in Arizona,Kansas e Oregon.

1913 Terza Conferenza Internazionale dei Lavoratori dei Servizi Pubblici (Zurigo, 23-25 settembre): 29 delegati di 10 paesi in rappresentanza di 102.900 iscritti. Entrano i sindacati belgi, inglesi e francesi. Da uno studio risulta che per i lavoratori comunali la settimana lavorativa era di 6 giorni con 10 ore di lavoro giornaliere (60 ore).

Germania: accordi collettivi per i lavoratori del gas- cronologia sindacale tedesca  altro pdf

Zurigo (16-18 settembre); la Segreteria sindacale internazionale delle Confederazioni nazionali si trasforma nella Confederazione Internazionale dei Sindacati con sede a Berlino e Carl Legien come presidente.19 le organizzazioni aderenti.

Alexandra Kollontai nel saggio «The new woman» esalta la figura della donna che non sacrifica più la propria vita all’amore e alla passione, ma di una donna nuova, nubile, orgogliosa della propria forza interiore;

·        in Francia le leggi del 17 giugno e del 30 luglio autorizzano le madri, alle soglie del parto, a cessare la loro attività, obbligandole a non riprendere il lavoro per le quattro settimane successive anche se si tratta di lavoranti a domicilio;

Le donne ottengono il voto in Norvegia

1914 Germania: i socialisti tedeschi scendono a patti con il Reich.
Si scioglie la Seconda Internazionale.
G.B.: gli iscritti al sindacato arrivano a 4.000.000.
Usa 2.600.000 iscritti alla AFL.
Italia: CGL (327.000) cattolici (114.000) rivoluzionari (101.000)

in Gran Bretagna si assiste dal 1914 al 1918 a una rilevante femminilizzazione della manodopera che passa dal 24% al 38%;

·        l’Union française pour le suffrage des femmes promuove una petizione nazionale a favore della proposta Dussaussoy-Buisson, che consentirebbe alle donne francesi di partecipare alle elezioni municipali del 1916;

·        la femminista inglese Yevonde Cumbers (1893-1975) apre all’età di 15 anni uno studio fotografico a Londra, in cui utilizza per la prima volta la tecnologia fotografica del colore {HYPERLINK \l “_ftn13”};

la perorazione dell’americana Margaret Sauger a favore della limitazione delle nascite, pubblicata nel primo numero di «The women rebel», portò al suo arresto, a dimostrazione di come la stampa femminista fosse colpita dalle leggi repressive contro le associazioni politiche;

Le donne ottengono il voto in Islanda.

1915

nasce al meeting femminile per la pace di Washington, convocato dalla celebre riformatrice Jane Addams, il «Woman’s Peace Party», la prima organizzazione pacifista femminile, che si è occupata soprattutto di una unione delle donne contro la guerra;

·        Katherine Anthony negli Usa si batte per il riconoscimento del pagamento del lavoro delle madri;

in Norvegia la legge per l’assistenza all’infanzia concede alle madri indigenti un sussidio a carico del fisco

Si tiene a L’Aja il Congresso internazionale delle donne indetto dal Còmite des femmes pour la paix permanente. il Congresso dell’Aja, svoltosi dal 28 aprile al 1° maggio, ha affrontato temi quali l’educazione pacifista dei bambini, il suffragio femminile, il rispetto delle nazionalità, l’arbitrato obbligatorio, e ha portato alla formazione di un «Comitato internazionale delle donne per la pace permanente» che, dal 1919 prenderà il nome di «Lega internazionale delle donne per la pace e la libertà»;

1917 Rivoluzione russa

si apre a Mosca il Primo Congresso Musulmano Panrusso in cui viene proclamata l’uguaglianza giuridica tra uomini e donne musulmane;

·        nasce in Gran Bretagna un corpo ausiliario dell’esercito, il «Women’s Army Auxiliary», che inquadra 40.000 donne, 8.500 delle quali all’estero;

·        il Governo Provvisorio Sovietico stabilisce, prima che in Inghilterra (1918) e negli Stati Uniti (1920), che la donna è elettrice ed eleggibile;

·        viene abolito in Urss il matrimonio religioso, e i figli legittimi e naturali hanno gli stessi diritti;

·        Julia Lathrop, capo ufficio per l’infanzia degli Usa, si dedica a un’inchiesta internazionale sui sistemi di sussidio statale alla maternità;

le femministe francesi intendono fare dell’esperienza della guerra un trampolino verso l’uguaglianza professionale o verso l’accesso ai mestieri e alle qualificazioni delle lavoratrici;

In Inghilterra viene concesso il voto ad alcune categorie di donne

1918 G.B.: movimento degli shop-stewards (delegati sindacali di base che avanzarono l'esigenza del controllo operaio) a presenza comunista.
Federazione Sindacale Internazionale e Internazionale dei Sindacati Rossi (Mosca)

Nasce in Italia l’Unione Italiana del Lavoro sindacato fascista.
 

nasce in Urss il Codice di famiglia che sopprime la potestà maritale e stabilisce un’assoluta eguaglianza tra i coniugi e nei confronti dei figli, garantisce inoltre il congedo per maternità e la protezione sul lavoro;

·        muore a 32 anni una delle prime femministe egiziane, Malak Hifni Nassef;

·        negli Usa, sotto la pressione delle organizzazioni femminili, nascono alcune agenzie federali per facilitare l’impiego delle donne nelle industrie. Dirette da riformatrici quali Mary van Kleeck o da sindacaliste come Mary Anderson, tentano di promuovere una nuova politica fatta di taylorismo e di istanze sociali, ma si scontrano con il rifiuto dei datori di lavoro a migliorare le condizioni lavorative e a versare alle operaie una paga uguale a quella delle operaie;

·        viene adottato in Inghilterra, a tutela della madre e del bambino, il «Maternal and child welfare act», che mette a disposizione centri di assistenza medica per le madri bisognose;

negli Usa il National War Labor Board si impegna sui due principi del «salario uguale per uguale lavoro», e del minimo salariale, ma non riesce a sottrarsi al duplice condizionamento della legge e della tradizione che negano l’uguaglianza dei sessi sul lavoro;

Il Congresso americano vota l’emendamento Anthony che riconosce il voto alle donne. Il Senato voterà nel 1920.

Nasce a Milano la Gioventù femminile di Azione cattolica.
1919 Terza Internazionale: "scisma" del movimento socialista e formazione dei partiti comunisti

viene creato in Urss il Ženotdel, la sezione femminile del Comitato centrale che realizza opere a favore dell’alfabetizzazione e della lotta contro la prostituzione;

·        viene emanato in Francia il Ddl Dussaussoy sull’elettorato e l’eleggibilità municip ale;

·        in Italia con la legge Sacchi le donne sono riconosciute idonee alla maggior parte degli impieghi statali;

Il Parlamento italiano approva la legge sulla estensione del voto alle donne.  E’ approvata anche la legge 1176 sulla emancipazione femminile che abolisce l’autorizzazone maritale e ammette le donne a esercitare tutte le professioni.

Si tiene a Zurigo un Congresso internazionale delle donne indetto dalla Ligue international des femmes pour la paix et la liberte, (filiazione diretta del Congresso de L’ Aja del 1915) per contribuire alla nascita della Società delle Nazioni.

Il voto delle donne entra formalmente per la prima volta nel programma di un partito politico con la nascita del Partito Popolare Italiano.

·        in Spagna Margarita Nelken conduce una seria analisi della situazione del lavoro femminile, denunciando il parto in fabbrica, la schiavitù del lavoro a domicilio, il diritto di voto alle donne;

·        si assiste in Francia a un più egualitario accesso agli studi secondari con la creazione di scuole tecniche e commerciali e di un baccalaureato femminile che dà accesso all’Università; in Gran Bretagna il «Sex disqualification removal act» del 23 dicembre apre alle donne professioni, soprattutto giuridiche, riservate fino a quel omento agli uomini;

·        nasce la convenzione di Washington ad opera dell’International Labour Office, che prevede per tute le donne lavoratrici un congedo di maternità prima e dopo il parto;

1920 Israele: nasce la Histadrut, la Confederazione generale dei lacvoratori in terra d'Israele
Italia: occupazione delle fabbriche.
Svezia: si sviluppa il socialismo "scandinavo".
Italia CGL (2.320.000) Confederazione Italiana del Lavoro di Achille Grandi (1.000.000 iscritti). Si firma il contratto collettivo per i lavoratori del gas. E' forse il primo esempio in Italia di un contratto collettivo per una intera categoria nazionale.
Nasce la Confederazione Internazionale dei Sindacati Cristiani (CISC), futura Federazione Mondiale del Lavoro (F.M.L.)
Germania: sciopero generale contro il tentato colpo di Stato di Wolfgang Knapp, sostenuto da settori della Reichswher (brigata Ehrhardt). Lo sciopero salva la repubblica di Weimar

 

Il 20 febbraio 1919 si raggiunge un accordo con l’Associazione industriali di categoria che prevede la riduzione di orario a 8 ore giornaliere e 48 settimanali, il riconoscimento delle Commissioni interne e la loro istituzione in ogni fabbrica; la nomina di una Commissione per il miglioramento della legislazione sociale e di un’altra per studiare la riforma delle paghe e del carovita. Ma l’ala più oltranzista del padronato comincia a cercare la prova di forza contro gli operai e il sindacato. La trova nell’agosto del 1920 quando la trattativa per il miglioramento delle condizioni di vita dei metallurgici viene interrotta e cominciano le serrate. La risposta operaia si concretizza nell’occupazione delle fabbriche che coinvolge più di 400.000 metallurgici in tutta Italia e altri 100.000 di altre categorie. Momenti di tensione,  alcuni dei quali sfociano in autentiche battaglie in cui si contano morti e feriti, precedono l’accordo del 19 settembre 1920. «Il Metallurgico» intitola a piena pagina: La vittoria del proletariato metallurgico. L’organizzazione padronale debellata. I risultati parlano chiaro: il riconoscimento del controllo operaio nelle fabbriche, aumenti salariali, 6 giorni di ferie pagate, miglioramenti per gli straordinari e il lavoro notturno. Le fabbriche tornano alla normalità nei giorni seguenti ma al biennio rosso (1919-1920) segue l’avvento al potere del fascismo che porta rapidamente a un restringimento delle libertà, prima collettive e poi individuali, e poi alla messa fuorilegge dei sindacati e di ogni associazione.

viene autorizzato in Russia l’aborto senza restrizioni;

·        in Svezia le donne godono di ogni diritto politico;

in Francia le leggi del 1920 e del 1923 vietano qualsiasi propaganda anticoncezionale e fanno dell’aborto un reato passibile di misure correzionali;
1921 Francia ripetute scissioni portano, dopo la prima guerra mondiale, a tre distinte organizzazioni:
CGT; Force Ouvriere; CFTC, Confederation Francaise des Travailleurs Chretiens
Nasce la Internazionale Sindacale Rossa (ISR) che raduna i sindacati comunisti, in particolare la CGT francese

in Italia l’analfabetismo femminile è del 30,4% contro il 24,4% degli uomini;

viene emanata negli Usa la legge Sheppard-Towner sulla maternità e l’infanzia che sarà poi abolita nel 1928, che accorda sussidi federali per i servizi sanitari di prevenzione a favore delle madri;
1922 Italia: il fascismo cancella la festa del primo maggio, sostituendola con il 21 aprile

barricate di Parma

Si tiene a Roma il primo Convegno delle donne aderenti al Partito comunista d’Italia.

1923 I partiti socialisti europei si riunificano nell'Internazionale Operaia Socialista

Si tiene a Roma il IX Congresso dell’ Alleanza internazionale pro suffragio. Interviene anche Mussolini a favore del voto alle donne.

1924 G.B.: MacDonald è premier del primo governo laburista

Gli antifascisti vengono inviati al confino             Secchia

1925

E’ approvata la legge sulla protezione e assistenza alla maternità e infanzia.

La legge Acerbo prevede il voto amministrativo alle donne: le elezioni amministrative saranno abolite l’anno seguente.  a ad essa, esclude le donne dalle cattedre di lettere italiane e latine, latine e greche, storia e filosofia, storia e economia politica nei licei.

Grazia Deledda riceve il Premio Nobel per la letteratura.
1926 Italia: dopo il patto di Palazzo Vidoni (ottobre 1925) che poneva fine alle libertà sindacali, riconoscendo solo le organizzazioni fasciste, è soppresso il diritto di sciopero. La CGL si scioglie
G.Bretagna. 4 maggio, ha inizio lo 'sciopero generale' di solidarietà con i minatori, e in risposta alla serrata delle miniere. Il 12 maggio lo sciopero è revocato, in seguito all'accettazione di una proposta di mediazione.

Le donne inglesi ottengono la piena uguaglianza di voto politico.  1927Virginia Woolf pubblica Una stanza tutta per sè. Le donne ottengono il voto in Ecuador e in Mongolia

1927 Italia: i sindacati vengono sciolti
G.Bretagna.: in seguito allo sciopero generale dell'anno prima il parlamento approva il Trade Dispute Act, che renderà illegali le azioni di solidarietà

Italia.Un Regio decreto esclude le laureate dalle cattedre di materie letterarie nei licei.

1930 Le donne ottengono il voto in Brasile.
1931 Le donne ottengono il voto nella Spagna repubblicana e in Uruguay.  1932 Jane Addams (USA) presidente della Lega internazionale delle donne per la pace è insignita del Premio Nobel per la pace.
1933 Germania: dopo la salita al potere di Hitler, e dopo l'eliminazione dei sindacati indipendenti, viene creata la DAF con compiti di integrazione delle masse operaie nella Volksgemeinshaft nazista

italia. Un decreto legge autorizza le amministrazioni statali a escludere o stabilire limiti per l’ammissione delle donne.

1934 Spagna: nella regione delle Asturie sciopero generale e movimento insurrezionale

Cile: le donne ottengono il voto. Cuba: le donne ottengono il voto.

1935 USA: sotto la presidenza di Franklin D.Roosevelt si approva il Wagner Act (National Labor Relations Act) capostipite degli interventi di promozione dei diritti e delle prerogative dei sindacati
In Norvegia si firma il secondo (dopo quello danese) dei grandi accordi fomdamentali di regolazione delle relazioni industriali.

Margaret Mead pubblica Sesso e temperamento.

Il Nobel è assegnato a Irene Joliot Curie e a suo marito Frederic Joliot.

Le donne ottengono il voto in India.
1936 Spagna-18 luglio 1936 i comitati direttivi della Cnt avevano lanciato l'appello allo sciopero generale,

Filippine: le donne ottengono il voto.

1937 USA: scioperi alla General Motors che impongono il riconoscimento del sindacato. Nasce la UAW, il sindacato di categoria dei lavoratori delle auto

Un decreto legge stabilisce che l’assunzione delle donne negli uffici pubblici sia limitata al 10% degli organici o meno.

1938 USA: sindacalismo tra gli operai non specializzati; esigenza di costituire sindacati che unissero tutti i lavoratori della stessa industria. Fondato un Comitato per l'Organizzazione Industriale che diede vita al Congress of Industrial Organization (CIO) con alla testa John L. Lewis
Svezia: si firmano tra il sindacato LO e l'associazione degli industraili gli accordi di Saltsjo-Baden: il più importante fra gli accordi di regolazione del modello scandinavo

Vengono emanate le leggi sulla difesa della razza che fra l’altro vietano i matrimoni con appartenenti a razze non ariane.

1939 L’Unione Femminile Nazionale viene sciolta d’autorità dal regime fascista.
1940 Le donne costituiscono nell’industria bellica italiana il 30% della mano d’opera.
1942

Viene approvato il nuovo Codice civile che riproduce le norme del 1865 sulla condizione delle donne.

Le donne ottengono il voto nella Repubblica Dominicana.

1943 "Gli scioperi del marzo 43 furono il primo atto di sfiducia di massa nei confronti del regime"
Da Torino a Milano a Genova gli operai dimostrarono che era possibile opporsi al fascismo e alla guerra. Sotto la spita delle condizioni materiali i lavoratori riscoprirono la propria soggettività di classe e riemerse la cultura del conflitto. Fu un colpo terribile per la credibilità di Mussolini, un vero e proprio preludio al crollo del 25 luglio. Gli scioperanti si politicizzarono in fretta; più tardi molti di loro entrarono a far parte della resistenza armata, altri prepararono l'insurrezione del 25 aprile 45.

Resistenza nel Pinerolese

Vengono fondati a Milano da donne aderenti a vari partiti del CLN (Comitato di liberazione nazionale) i Gruppi di difesa della donna.

1944

RSI: la Carta di Verona      DECRETO LEGGE SULLA SOCIALIZZAZIONE DELLE IMPRESE (1944)

Italia: Confederazione Italiana Generale del lavoro (C.G.I.L.)

Segretario Di Vittorio

Gisella Floreanini è ministro nella Repubblica dell’Ossola.

Nascono l’Unione delle Donne Italiane (UDI), il centro Italiano femminile (federazione di associazioni femminili cattoliche) e l’ANDE (Associazione nazionale donne elettrici).

A Roma, in clandestinità, nasce la prima squadriglia di girl scout italiane. Lo scoutismo maschile era stato proibito e sciolto dal fascismo.

In Francia le donne ottengono il voto.
1945 G.B.: i laburisti promuovono il Welfare State ed avviano le nazionalizzazioni.
Nasce, a Parigi, la FSM Federazione sindacale mondiale

A partire dal secondo dopoguerra, in Italia il rapporto fra governo, organizzazioni degli imprenditori e dei lavoratori è mutato più volte; in particolare i sindacati confederali hanno modificato talmente il proprio ruolo e le proprie strategie d'azione che si stenta a riconoscere nelle organizzazioni di oggi le eredi dirette di quelle di ieri. Possiamo distinguere cinque periodi che caratterizzano i rapporti tra i vari attori:

1.isolamento politico dei sindacati (1945-68); 2.mobilitazione conflittuale (1968-1975);3. scambio politico nazionale (1975-84);4. Micro-concertazione locale e nascita dei sindacati autonomi di base (1984-1990); 5. rinascita della macro-concertazione nazionale (1990-2000).

consigli di gestione

Prosegue per vari anni la repressione delle lotte operaie           rilanciata poi negli anni Settanta           

Il decreto legge luogotenenziale n. 23 del 1° febbraio 1945 riconosce alle donne il diritto di voto.  Alcune donne sono nominate nella Consulta nazionale. Le donne votano in un primo turno di amministrative.

Fra il primo e il secondo turno delle amministrative (1946) saranno elette le prime donne sindaco e consigliere comunale.

Emily Green, pacifista, (USA) presidente della Lega internazionale delle donne per la libertà, è insignita del premio Nobel per la pace.

immagine evento

1946 Argentina: sale alla presidenza Juan Peron con un regime corporativo fondato su forti sindacati.
Francia: nel preambolo della Costituzione (IV repubblica) si sancisce il principio della libertà sindacale e si riconosce il diritto di sciopero.

Il 2 giugno si vota per la Repubblica e l’Assemblea Costituente. Le donne votano per la prima volta alle politiche. All’Assemblea sono elette 21 donne.

Le donne ottengono il voto in Albania, Cina, Giappone, Yugoslavia, Panama, Romania, S.Salvador.

1947 Italia: eccidio del Primo maggio a Portella della Ginestra ad opera del bandito Salvatore Giuliano.   Placido Rizzotto

Le donne ottengono il voto in Argentina, Birmania, Bulgaria, Venezuela.

1948 USA: la legge Taft-Hartley ridimensiona sensibilmente le prerogative sindacali sancite dal Wagner Act.

Nasce la Cisl - cronologia   sito cisl

Il 1° gennaio entra in vigore la Costituzione repubblicana italiana, che sancisce l’uguaglianza dei diritti fra i sessi. Il 18 aprile è eletto il primo Parlamento repubblicano: sono elette 45 donne alla Camera e 4 al Senato.

Appena aperta la legislatura vengono presentati due progetti di legge per la tutela fisica e economica delle lavoratrici madri: il primo, di iniziativa parlamentare, da Teresa Noce, il secondo da Fanfani ministro del Lavoro.

Le donne ottengono il voto in Costa Rica e Israele

 

 1949 Londra: nasce la CISL internazionale

Lina Merlin presenta il progetto di legge per l’abrogazione della regolamentazione della prostituzione.

Simone de Beauvoir pubblica Le deuxième sexe.
1950 nasce la UIl

24 Marzo, Membri del MSI fondano l'organizzazione sindacale fascista CISNAL

storia della fim cisl di Torino

Viene approvata, dopo un lungo dibattito in Parlamento e nel Paese, la legge 860 sulla tutela fisica ed economica della lavoratrice madre, relatrice Maria Federici. E’ approvata anche la legge n.986 che proibisce il licenziamento delle lavoratrici madri, gestanti e puerpere.

L’Onu approva la Convenzione per la repressione della tratta degli esseri umani e dello sfruttamento della prostituzione.
1951

Angela Cingolani Guidi è la prima donna sottosegretario all’Industria e commercio nel Governo De Gasperi.

La XXXIV sessione dell ‘Organizzazione internazionale del lavoro approva la Convenzione n.100 sulla parità di retribuzione a parità di lavoro.

Le donne ottengono il voto in Nepal e in Pakistan.

Le religiose italiane si riuniscono in federazioni: la FIRE (religiose educatrici), la FIRO (religiose ospedaliere), la FIRR (religiose rieducatrici, che lavorano negli istituti di rieducazione e nell’assistenza).

Alba de Cespedes pubblica Il quaderno proibito.

Le donne ottengono il voto in Bolivia, Grecia, Libano

1952

Nelle elezioni della seconda legislatura le donne diminuiscono: 33 alla Camera e solo 1 al Senato.

Le donne ottengono il voto in Messico e in Siria.

 

1953

Maria Jervolino De Unterrichter è sottosegretario alla Pubblica Istruzione.

Rinasce il Consiglio nazionale delle donne italiane.

Le donne ottengono il voto in Colombia.

 

1955 USA: riunificazione, con l'accordo di Miami, tra AFL e CIO

Segretario nazionale Fiom Vittorio Foa

Le donne ottengono il voto in Etiopia, Ghana, Honduras, Nicaragua, Peru, Singapore.

1956

E’ approvata la legge n. 1441, che ammette le donne nelle giurie popolari delle Corti d’ Assise e come componenti dei Tribunali per minorenni.

Con sentenza del 22 febbraio la Corte di cassazione, modificando la giurisprudenza tradizionale, stabilisce che al marito non spetta il potere correttivo nei confronti della moglie.  La Repubblica federale tedesca riconosce il voto alle donne. Le donne ottengono il voto anche nell’Alto Volta, Cambogia, Ciad, Congo Brazzaville, Costa d’ Avorio, Gabon, Guinea, Laos, Madagascarr Mali, Mauritania, Niger, Repubblica Centrafricana, Senegal, Vietnam del Sud, Togo.

 

1957  segretario cgil Agostino Novella

Nel trattato che fonda il Mercato Comune Europeo un articolo impegna gli Stati a garantire la parità di salario alle donne.

Per iniziativa di un Comitato composto da più associazioni e sotto il Patrocinio della Società umanitaria si svolge a Torino Il Convegno “Retribuzione uguale per lavoro uguale” .

1958 Pinerolo- Nasce la Beloit

Nella terza legislatura la flessione femminile si accentua: 25 donne alla Camera, 3 al Senato.

Angela Gotelli è sottosegretaria alla Sanità.

Viene approvata la legge n. 75, legge Merlin che abolisce la regolamentazione della prostituzione.

E’ approvata anche la legge di tutela del lavoro a domicilio.

Si costituisce il Comitato di Associazioni femminili per la parità di retribuzione, per l’applicazione della Convenzione O.I.L. n. 100.

Le donne ottengono il voto in Algeria e Somalia.

La Chiesa luterana svedese decide per l’ ammissione delle donne al pastorato. Precedentemente era avvenuto solo nelle chiese libere americane.
1959 E’ approvatala legge che costituisce il Corpo di polizia femminile.
1960 Lotte del Valsusa

Accordo salariale sulla parità di salario nell’industria.

Dalle federazioni delle religiose nasce, come direzione unitaria, l’Unione delle Superiori maggiori d’Italia, USMI.
1962 Assalto della sede Uil di Piazza Statuto a Torino

Segretario CGIL Luciano Lama

1963

Nella quarta legislatura sono elette 29 donne alla camera e 6 al Senato. Marisa Cinciari Rodano è eletta vicepresidente della Camera. Maria Badaloni è sottosegretario alla Pubblica istruzione.  Maria Vittoria Mezza è sottosegretario alla Industria e Commercio.  Vengono approvate la legge n. 66 che ammette le donne a tutti i pubblici uffici e a tutte le professioni, la legge che vieta il licenziamento per matrimonio n. 7 e la legge di modifica a quella sulla tutela delle lavoratrici madri.

Valentina Tereskova è la prima donna astronauta.

Betty Friedan pubblica The feminine mistique.

Le donne ottengono il voto in Iran, Kenia, Libia, Malesia.

Nella Enciclica Pacem in Terris Giovanni XXIII indica nella promozione femminile un segno dei tempi.
1964

Si svolge a Roma il settimo Congresso dell’ UDI preparato da tesi che affrontano in termini nuovi l’autonomia della questione femminile.

Le donne ottengono il voto in Afghanistan, Iraq, Malawi, Malta e Zambia.  Dietro la pressione della Alleanza Internazionale Giovanna d’ Arco, ai lavori della terza sessione del Concilio Vaticano Secondo vengono ammesse le donne: 9 religiose e 7 laiche.

1965 Nasce a Milano il primo collettivo femminista DEMAU (demistificazione autoritarismo)
1966 La Cina è espulsa dalla FSM (dicembre)

Italia. I Consigli di Fabbrica (CdF) nascono dalle rivendicazioni operaie della seconda metà degli anni '60 e

« … sono organismi di rappresentanza più diretta e capillare dei lavoratori rispetto alle Commissioni Interne, in quanto vengono costituiti da delegati eletti dai singoli gruppi, linee, reparti o officine, quali rappresentanti di “gruppi omogenei” di lavoratori, cioè da coloro che assolvono le stesse mansioni oppure operano nella stessa sezione dell'impresa. Le Commissioni Interne, al contrario, vengono elette su liste globali distintamente per operai e impiegati per l'insieme dell'azienda o dello stabilimento.
Inoltre, pur partecipando alle votazioni per le Commissioni Interne e per i Consigli di Fabbrica tutti i dipendenti iscritti e non iscritti al sindacato, le candidature per le CIvenivano presentate da ciascun sindacato con propria lista, mentre nel caso dei Consigli di Fabbrica le candidature sono presentate unitariamente dai tre sindacati più rappresentativi (CGIL, CISL, UIL), senza distinzione di lista»

La nascita dei Consigli di Fabbrica è stata spontanea e priva di una volontà istituzionalizzatrice poiché all'inizio i delegati di reparto si pongono come una possibile alternativa alle Commissioni interne e come una soluzione al bisogno dei lavoratori di una maggiore democratizzazione sindacale.

La normativa (L. 300/1970) era, tuttavia, già stata varata e, in via di diritto, solo i membri delle Rappresentanze sindacali aziendali (Rsa) godevano dei diritti sindacali e dei poteri di contrattazione in azienda, anche se queste, però, rappresentavano solamente gli iscritti al sindacato. Quindi, la soluzione fu quella di superare i conflitti attraverso la sintesi unendo le caratteristiche della vecchia Ci, senza alcun potere formalizzato ma rappresentante di tutti i lavoratori, e della nuova Rsa per cucire un abito al CdF con il quale potersi sedere al tavolo delle trattative e delle rivendicazioni aziendali.

Il CdF risente più di tutti gli altri organismi di rappresentanza dei lavoratori della fine dell'unità sindacale perché esso nasce come forma di rappresentanza unitaria dei lavoratori e in un certo senso è l'artefice di quel periodo.

«Da allora delegati e Consigli diventarono il punto più critico dell'organizzazione sindacale. Lo si constatò con le contestazioni che le tre centrali subirono anche in fabbrica ove le strutture di base avevano avuto un ruolo importante. [...] Ciononostante, in varie situazioni i delegati e i loro Consigli mantennero una vitalità insperata e un buon seguito, ma soltanto tra gli operai».

 vedi la rivista del manifesto

Indira Ghandi è primo ministro dell’ India.

Le donne ottengono il voto in Beciuania, Guyana, Lesotho.

In conseguenza dell’ apertura alle donne delle facoltà teologiche cattoliche, le prime donne si iscrivono agli studi regolari nelle facoltà di teologia.
1967 Nasce in America l’Organizzazione nazionale delle donne NOW.
1968 Elette solo 18 donne alla Camera, 11 al Senato. Emanuela Savio è sottosegretario all’Industria e commercio, Elena Caporaso alla Pubblica istruzione, Maria Pia Dal Canton alla Sanità.  La Corte costituzionale dichiara incostituzionale la disuguaglianza dei sessi nella punizione dell’adulterio. Nel quadro della contestazione nascono i primi gruppi femministi.  Karl Elisabeth Borresen pubblica “Natura e ruolo della donna in Agostino e Tommaso d’ Aquino” ; Mary Daly pubblica “La chiesa e il secondo sesso” che aprono la via alla teologia femminista e alla critica alla antropologia teologica androcentrica.
1969 Il 68-69 anni di lotte studentesche ed operaie    alle origini della rivoluzione sessuale

le stragi di stato

cronologia anni di piombo

Golda Meir è primo ministro d’Israele.

La Corte costituzionale dichiara incostituzionali le norme sul concubinato.

Kate Millett pubblica Sexual politics.

1970

E’ approvata la legge n. 898 sullo scioglimento del matrimonio.

Primo Congresso del Movimento di Liberazione della Donna.

1971 Legge 1044 per l’assistenza all’infanzia che prevede l’istituzione di asili nido pubblici. E’ approvata anche la legge 1204 di riforma della legge sulle lavoratrici madri.  Le donne svizzere ottengono il voto.
1972 Le organizzazioni sindacali europee aderenti alla CISL ed alla CMT costituiscono la CES (Confederazione europea dei sindacati), aperta anche all'adesione di organizzazioni marxiste
Germania: si approva il Betriebsverfassunggesetz che fonda le regole basilari delle relazioni fra lavoratori ed imprese. Il principale organo di rappresentanza diviene il consiglio di impresa (Betriebsrat).

Entrano nella V legislatura 25 deputate e 6 senatrici. Nel corso della legislatura subentreranno altre 3 deputate.

Come effetto della introduzione della scuola media Unica si registrano ormai significativi aumenti nella scolarità femminile superiore dove le donne passano dal 37,4% del 1948-49 al 42,4% del 1972-73 e in quella universitaria (dal 25% al 37,5%). In numeri assoluti le iscritte all’Università sono 285.000 (contro le 69.000 del 1962) con una crescita del 244% contro una crescita maschile del 147%.

1973 Nasce la CES Confederazione Europea dei Sindacati

Golpe in Cile

Viene approvata la nuova legge 877 sulla tutela del lavoro a domicilio.  Un Congresso dell’UDI stabilisce la posizione dell’organizzazione nei confronti del nuovo femminismo.

Negli Usa la Corte suprema stabilisce che la decisione di abortire è di competenza della donna e del suo medico.

1973 storia della scuola - decreti delegati
1974 Europa: primo programma di azione in materia sociale ("politica sociale comunitaria"

12 maggio 1974 referendum su divorzio

Nel referendum abrogativo del divorzio il 58% vota per il mantenimento della legge.

Francia e Repubblica Federale Tedesca autorizzano l’aborto.

Secondo dati delle Nazioni Unite le donne rappresentano nel mondo il 34% della forza lavoro.

1975

E’ approvata la legge n.151 di riforma del diritto di famiglia che sanziona la parità dei coniugi.

E’ approvata la legge n. 405 che istituisce i consultori familiari.

Si tiene a Città del Messico la Conferenza mondiale dell’ONU per l’Anno internazionale della donna.

L’Onu proclama il Decennio 1975-1985, Decennio della donna..

1976 Spagna: nascono le Comisiones Obreras (CC.OO.)

Cinquantatre donne sono elette alla Camera e undici al Senato: c’è un aumento.

Tina Anselmi è nominata Ministro del Lavoro.

Si svolge una grande manifestazione di donne a Roma a favore dell’aborto.  Nel Congresso di Lotta continua,a Rimini le donne si scontrano duramente con una politica che considerano ancora maschile, tentata dalla lotta armata. Lo scontro preparerà lo scioglimento.  Mairead Corrigan e Betty Williams, (Irlanda) fondatrici del movimento delle donne per la pace ricevono il Premio Nobel per la pace.
1977 ONU: con una risoluzione (16 dicembre) le Nazioni Unite indicono la Giornata Internazionale della Donna

E’ approvata le legge n. 903 sulla parità di trattamento fra uomini e donne in materia di lavoro.

1978

E’ approvata la legge n. 898 sulla tutela sociale della maternità e sull’interruzione volontaria di gravidanza.

Margaret Thatcher è il nuovo premier inglese.
1978-83 Brasile: lotte operaie (metalmeccanici) nella cintura industriale di San Paolo, con ripetuti scioperi. 'Novo sindacalismo': nasce, 28 agosto 1983, la CUT
1979 Licenziamento dei 61 della Fiat

Nelle elezioni politiche sono elette 55 donne alla Camera, 13 al Senato.

E’ eletta Presidente della Camera dei Deputati Nilde Iotti.

Nel primo Parlamento europeo eletto direttamente ci sono 61 donne, di cui dieci italiane.  Madre Teresa di Calcutta (Albania), fondatrice delle Missionarie della carità riceve il Premio Nobel per la pace.
1980 1980: i 37 giorni della FIAT. Cronologia della mitica lotta che da settembre a ottobre 1980 oppose i lavoratori FIAT alla direzione aziendale. Quella sconfitta, avvenuta con la complicità determinante delle direzioni sindacali CGIL, CISL e UIL, segnò l'inizio in Italia del lungo periodo di riflusso operaio nel quale tuttora ci ritroviamo                      Ricostruzione di Marco Revelli da Lavorare in Fiat 1980-pdf

Si tiene a Copenaghen la seconda grande Assembea generale dell’ONU del Decennio della donna.

1981

E’ approvata la legge n.442, che abroga la rilevanza penale della causa d’onore come attenuante nei delitti.

Gli opposti referendum abrogativi sulla interruzione I volontaria di gravidanza, uno radicale, gli altri proposti dal Movimento per la vita vengono respinti nella consultazione popolare.  Il parlamento europeo approva una ampia risoluzione sui diritti delle donne. Betty Friedan pubblica The second stage.
1982 Alva Myrdal (Svezia) ministra per il disarmo riceve il premio-Nobel per la pace.
1983

Alla Camera sono elette 49 donne, al Senato 15.

E’ istituito il Comitato nazionale per l’ attuazione dei principi di parità di trattamento e di uguaglianza di opportunità fra lavoratori e lavoratrici presso il Ministero del Lavoro.
1984 G.B.: Trade Union Act che rende illegittimo il ricorso allo sciopero senza un previo ballottaggio segreto (Pre-strike Ballots)

Accordo sulla fine scala mobile- referendum

E’ istituita la Commissione nazionale per la realizzazione della parità e delle pari opportunità fra uomo e donna presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, presieduta da Elena Marinucci.  La Cee approva la Raccomandazione sulle azioni positive a favore delle donne.

La Corte costituzionale approva l’estensione al padre del congedo di maternità.

Nelle elezioni per il Parlamento europeo sono elette 84 donne.

1985 Europa: "Dialogo sociale" di Val Duchesse (31 gennaio) "pareri comuni" tra le parti sociali europee

Italia- riforma delle pensioni grandi contestazioni operaie

Si tiene a Nairobi l’Assemblea generale dell’ONU, conclusiva del Decennio delle donne.

1986 segretario cgil Antonio Pizzinato

La scienziata italiana Rita Levi Montalcini ottiene il Nobel.

1987 Europa: Atto Unico Europeo "coesione economica e sociale"

Le donne del PCI lanciano la Carta delle donne, riaprendo un dialogo serrato fra le donne comuniste e quelle della galassia femminista.

Sono elette 81 donne alla Camera dei deputati (di cui 53 nelle liste del PCI) e 21 al Senato (di cui 10 nelle liste del PCI).

Il gruppo parlamentare dei Verdi ha una presenza pari di uomini e donne e si dà un direttivo femminile.

E’ approvata la legge n. 74 che introduce nuove norme nella disciplina dei casi di scioglimento del matrimonio.
1988 segretario cgil Bruno Trentin

La legge sull’ordinamento della PresidenZa del consiglio conferma la Commissione nazionale parità, come struttura di supporto della Presidenza sulle questioni femminili.  Giovanni Paolo II pubblica la lettera Mulieris dignitatem.

1989 Europa: accordo sul Gruppo di pilotaggio (12 gennaio) tra la Commissione, la CES, l'UNICE e il CEEP per dare impulso al dialogo sociale.
Europa: Carta sociale del Consiglio Europeo di Strasburgo (9 dicembre)

Nelle elezioni al Parlamento europeo sono elette 11 donne; la media italiana è ancora largamente inferiore a quella europea (19,3%) e a quella massima della Danimarca (37,5%).  Tina Anselmi è la nuova presidente della Commissione nazionale parità.

1990 Nascita del sindacato padano

Con 7.238.000 donne occupate e 1.577.000 donne in cerca di occupazione la forza lavoro femminile è del 37%. Crescono contemporaneamente occupazione e disoccupazione femminile.

1991 Europa: Accordo ripreso nel Protocollo sociale allegato al Trattato di Maastricht

E’ approvata la legge 125 sulle azioni positive per la realizzazione delle pari opportunità nel campo del lavoro.

Aung San Suu Kyi (Birmania) leader dell’opposizione non violenta, riceve il Premio Nobel per la pace.

1992 La CUB nasce nella primavera dei '92 per iniziativa di numerosi lavoratori fortemente critici nei confronti di cgil-cisl-uil. Come lavoratori ci siamo resi conto da tempo di non avere più un sindacato, cioè un’organizzazione che difenda i nostri interessi. Viviamo in un paese in cui i sindacati sono cinghia di trasmissione dei partiti e dei governo, mentre clientelismo e corruzione contraddistinguono)no un certo modo di fare sindacato. Tutti l'abbiamo vissuto sulla nostra pelle nei diversi posti di lavoro.  Anche la stessa parola "sindacato" è diventata quasi una parolaccia.

Eppure c'è un bisogno enorme di sindacato, di tutela

La Confederazione Unitaria di Base (CUB) è il più importante sindacato di base operante nel nostro paese è presente nel CNEL (Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro i cui componenti sono designati dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri prendendo a base la rappresentatività).

La CUB organizza oltre 706.802 tra lavoratoridell’industria, dei servizi, del pubblico impiego, gli inquilini e i pensionati, ed è composta dai seguenti sindacati di base: FLMUniti (metalmeccanici, telefonici, energia); FLAICA (commercio, industria alimentare, igiene urbana, pulizie, servizi), ALLCA (chimici, energia, farmaceutici, plastica, gomma), CUB-Edili, CUB-Scuola, CUB-Informazione, CUB-Pensionati, CUB-Sanità, CUB-Tessili, CUB-Trasporti Aereoportuali, Cobas_pt-CUB, Fiap, FLTUniti (trasporto); RdB (pubblico impiego, energia, Lsu, servizi); SALLCA-CUB (Credito e Assicurazioni), Unione Inquilini (casa e territorio).

Sono elette alla Camera 51 donne, al Senato 30; la diminuzione alla Camera e l’aumento al Senato sono probabilmente dovute agli effetti della preferenza unica.  A circa 30 anni dalla legge di accesso a tutte le carriere le donne sono 1.916 (su 7,869 uomini) di cui 129 magistrati di Cassazione; in diplomazia ci sono 53 donne contro 863 uomini: per ragioni di anzianità di carriera nessuna donna è ancora ancora arrivata oltre la carica di ministro plenipotenziario di 2° classe.

E’ approvata la legge 215 sulle Azioni positive in favore della imprenditoria femminile.

1993 I Sindacati russi escono dalla FSM
Europa: Libro bianco su 'Crescita, competitività ed occupazione', del 5 dicembre, presentato dal Presidente della Commissione, Jacques Delors

accordi di luglio in Italia

1994 Europa: Direttiva (94/45/CE) del 22 settembre riguardante l'istituzione di un comitato aziendale europeo o di una procedura per l'informazione e la consultazione dei lavoratori nelle imprese e nei gruppi di imprese di dimensioni comunitarie

Cofferati segretario CGIL

La nuova legge elettorale per la Camera basata su collegi uninominali maggioritari e una quota proporzionale statuisce l’alternanza fra uomini e donne nelle liste proporzionali.  Sono elette alla Camera 91 donne, al Senato 29. Irene Pivetti è eletta Presidente della Camera dei Deputati.

Rosa Russo Jervolino già Presidente del PPI assume, dopo le dimissioni del segretario, tali funzioni.

Emma Bonino è la prima donna italiana alla Commissione europea. Letizia Moratti è presidente della RAI.

Tina Lagostèna Bassi è presidente della Commissione nazionale parità.

Nelle elezioni per il Parlamento europeo sono elette 11 donne.

Al terzo Sinodo della Chiesa cattolica sulla vita consacrata, fra i delegati non Vescovi o non Cardinali, le religiose donne sono più numerose dei religiosi maschi. Una inchiesta svolta per l’ occasione quantifica così le religiose in Italia: 119.000 suore, 8.000 monache, 14.000 donne consacrate; fra esse 8.000 sono missionarie all’ estero; le comunità religiose sono circa 12.000.

1995 La CGT francese esce dalla FSM

Nasce Alp a Pinerolo

L’Italia ha un Ministro degli Esteri donna, Susanna Agnelli.

Si svolge a Pechino la quarta Conferenza mondiale sulle donne dell’ONU, che approva una Dichiarazione e un Programma di azione.

Fernanda Contri è là prima donna nominata alla Corte costituzionale.

Livia Turco è presidente della Commissione nazionale parità.

Emma Marcegaglia è eletta presidente dei Giovani industriali.
1996 Europa: Direttiva (96/34/CE) del 3 giugno concernente il primo accordo a livello comunitario (14 dicembre 1995) tra CES-UNICE-CEEP sui congedi parentali

E’ approvata la legge contro la violenza sessuale.

Alla Camera sono elette 69 donne, al Senato 22

Il nuovo Governo Prodi, in cui sono tre le donne ministro e sette le sottosegretarie, nomina un Ministro per le Pari opportunità, Anna Finocchiaro.

Silvia Costa è presidente della Commissione nazionale parità.

Le donne morte per parto in Italia sono ora 20 su 530.289.

1997 CES: Manifestazione europea per la lotta alla disoccupazione (20 novembre) in occasione del Vertice Europeo Straordinario sull'Occupazione di Lussemburgo (20-21 novembre)
Europa: Direttiva (97/81/CE) del 15 dicembre concernente il secondo accordo a livello comunitario (6 giugno 1997) tra CES-UNICE-CEEP sul lavoro a tempo parziale

Jody Williams riceve il Premio Nobel per la pace per la campagna contro le mine antiuomo.

1998 CES: Carta dei servizi pubblici (16 dicembre)
Nascono i Precari Nati

Nel 1998 la legge Turco-Napolitano (legge 40/98), all’articolo 12, istituisce la nascita dei Centri di Permanenza Temporanea e Assistenza. Non sono i Cpt, si chiamano infatti Cpta. La "A" per l’appunto, scomparsa nel linguaggio di sempre, indica il carattere fondamentalmente umanitario e di accoglienza che queste strutture avrebbero dovuto avere per essere distinte da istituti carcerari.

Nel Governo D’ Alema ci sono sei donne ministro; per la prima volta una donna è Ministro dell’Interno.

Una donna, Paola Bignardi, diventa presidente nazionale dell’Azione cattolica
1999 La CGT francese entra nella CES (16 marzo)
Europa: Accordo quadro CES-UNICE-CEEP sul tempo determinato (18 marzo)
Entra in vigore il Trattato di Amsterdam (1 maggio)
Proposta di direttiva del Consiglio relativa all'accordo quadro sul lavoro a tempo determinato concluso tra l'UNICE, il CEEP e la CES (1 maggio)
8 giugno - Manifesto politico "Third Way - Neue Mitte" di Blair e Schroeder
Nono Congresso della CES ad Helsinki. Intervento del Presidente della Commissione Romano Prodi . Emilio Gabaglio è riconfermato Segretario Generale (28 giugno - 2 luglio)

Nelle elezioni per il Parlamento europeo sono elette 10 donne.

Grazia Francescato è eletta portavoce dei Verdi.

2000 referendum art. 18

anni di deregulation portano la precarietà a milioni di persone - indagine Eurispes link pdf

 continua a crescere l'immigrazione  

                                                           vedi  storia pdf  

                                                               Dal 1970 ad oggi si è passati da meno di 100 persone a quasi tre milioni, con un aumento                                                                  di ben trenta volte. Prima questa presenza era marginale nella società italiana,                                                                      ora ne è diventata uno dei fenomeni più rilevanti.

                                                                       .articoli del manifesto sul tema

 cresce l'importanza del sindacalismo  asiatico  

indice siti sindacati nel mondo

E’ approvata la nuova legge sui congedi parentali e i tempi delle città.  

Associazioni delle donne link

2001 Genova social forum contro G8

Il movimento No Global è sorto e si è sviluppato da Seattle a Genova nel segno della trasversalità sociale. 

A Genova è sceso in piazza l'intero mondo dell'opposizione politica, dell'antagonismo sociale, della rabbia giovanile, dell'eversione idealistica e di frange proletarie. Un mondo spinto e compresso dalle devastanti conseguenze di un capitalismo che, pur di perseguire i propri interessi di sopravvivenza, dimostra di essere disposto a fare scempio della natura, dei livelli di vita dei paesi arretrati, delle classi lavoratrici in un vortice di attacchi al proletariato mondiale, di guerre e di violenze.

Sia pur con diverse sensibilità politiche e livelli di tensione in "piazza" c'erano tutti. Cattolici, Verdi, Ecologisti, cittadini sdegnati, disoccupati e proletari, giovani studenti e lavoratori precari. Negli scontri viene ucciso Carlo Giuliani.

Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, recante " Disciplina dell' adozione e dell' affidamento dei minori ", nonche' al titolo VIII del libro primo del codice civile l.149(01

Misure contro la violenza nelle relazioni familiari l.154)01

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 24 aprile 2001, n. 150, recante disposizioni urgenti in materia di adozione e di procedimenti civili davanti al tribunale per i minorenni

2002 Epifani è il settimo segretario generale della Cgil. Prima di lui: Giuseppe Di Vittorio (1944-1957); Agostino Novella (1957-1970); Luciano Lama (1970-1986); Antonio Pizzinato (1986-1988); Bruno Trentin (1988-1994); Sergio Cofferati (1994-2002).
2003 2 aprile sciopero generale dei sindacati di base contro la guerra

15 e 16 giugno 2003 
Referendum
sulla Reintegrazione dei lavoratori illegittimamente licenziati: Abrogazione delle norme che stabiliscono limiti numerici ed esenzioni per l'applicazione dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori. 
Non è stato raggiunto il quorum: affluenza al 25,7%. I SI sono stati 10.245.809: l'87,4% del totale)

BARCELLONA 3/4/5 Ottobre 2003 - III INCONTRO DEL SINDACALISMO EUROPEO ALTERNATIVO

2004 Lotta degli operai di Melfi   dossier     articoli sul sindacato sulla rivista del manifesto dal 1999

L'Italia occupa il penultimo posto in Europa per il tasso di occupazione delle donne (41%) grave perché collegato alla riduzione della spesa sociale.

160 deputati presentano una proposta di legge per la parità di diritti per le coppie di fatto 

2005 L'Associazione Ghinà Domus International presenta 1° Convegno "CULTURA SI! MUTILAZIONI GENITALI FEMMINILI NO!"Sabato 5 novembre 2005 (BO)
2006

Lotta in Val Susa contro la TAV link

Tumulti nelle banlieues francesi pdf

Lotta contro il precariato studenti francesi pdf

Mayday parade dal 2001 appuntamento a Milano link  sanprecario

Cronache delle lotte italiane dieci anni

Dossier Diritto di sciopero: USA   sindacato USA pdf

Dossier Diritto di sciopero: Svizzera

Dossier Diritto di sciopero: Italia

Dossier Diritto di sciopero: Brasile

Dossier Diritto di sciopero: Francia

 

Tutti gli articoli del Dossier Diritto di sciopero sono stati tratti e tradotti da

la Questione sociale n.1 - Primavera-Estate 2004

 

La CGIL ha oltre 5,5 milioni di iscritti

 

dal Programma dell'Unione per le politiche 2006

Proponiamo di rafforzare le possibilità per ambedue i genitori di usufruire dei congedi remunerati di maternità e paternità; innalzare la quota dello stipendio assicurata ai genitori che fruiscono dei congedi parentali e rafforzare la possibilità di integrare la quota mancante con un anticipo del trattamento di fine rapporto (TFR).

La difesa della "legge 194" rappresenta un punto fermo nell'azione di governodell'Unione.

Investire sul futuro: una dote per ogni bambino, un capitale per ogni giovane.

Rientrano in questo obiettivo due misure del nostro programma volte ad accompagnare ogni bambino che nasce e a sostenere l’autonomia dei giovani: la prima riconosce il valore sociale della maternità e della paternità dotando ogni bambino di un reddito che aiuta la famiglia fino al raggiungimento della maggiore età; la seconda predispone dalla nascita una dotazione di capitale che il giovane può utilizzare al compimento del diciottesimo anno.

In particolare:

- Un "Assegno per il sostegno delle responsabilità familiari".Proponiamo l'unificazione degli attuali strumenti monetaridi sostegno alle famiglie – assegni al nucleo familiare e deduzioni Irpef per figli a carico – in una dote di reddito per il bambino che prende il nome di "Assegno perLavoro, diritti e crescita camminano insieme il sostegno delle responsabilità familiari" e fornisce,indipendentemente dalla condizione lavorativa dei genitori,una integrazione di reddito più consistente dell’attuale e crescente in funzione della numerosità del nucleo familiare. Il sostegno avrà carattere di selettività, rivolgendosi essenzialmente alle famiglie con redditi bassi e medi.

- Una " Dotazione di capitale per i giovani". La nostra idea è che al momento della nascita lo Stato apra un conto individuale vincolato a favore del neonato e lo alimenti con specifici contributi annui (integrabili anche con donativi dei familiari) fino al diciottesimo anno di età. Al compimento dei 18 anni, il giovane potrà utilizzare la dotazione accumulata per finanziare periodi di studio o di formazione professionale, avviamento di attività imprenditoriali. La dotazione verrà successivamente restituita a tasso zero in un arco temporale sufficientemente lungo (ovviamente gli eventuali donativi dei familiari non vanno restituiti). Analoghi conti individuali verranno istituiti per quanti al momento del varo della legge siano in età compresa tra 0 e 17 anni.