Luciano Deangeli

 

Figlio di un alto ufficiale dell'esercito, è stato un piccolo imprenditore edile e poi taxista.

Conosciuto in valle per il suo impegno sociale - seguiva l'esperienza della Crumiere-,

per l'impegno politico (irrequieto di sinistra, vicino a Rifondazione Comunista e poi a Sel e ai centri sociali),

 e per la passione sportiva - era grande tifoso del Torino.


Ci ha lasciati un compagno, Luciano Deangeli.

Lo ricorderemo per il suo impegno, la sua intelligenza, la sua cultura.

Luciano seguiva da molto tempo i temi sociopolitici della Valle rifletteva sulla politica nazionale.

Questa era una sua particolare capacità: capire, analizzare, dialogare sulla società, mai arrendendosi all’indifferenza.

Vi era una sua inquietudine positiva nel non accettare le ingiustizie, il dominio del capitale, nel suo guardare all’umanità e sostenere le battaglie per il cambiamento.

Ci mancherai, compagno Luciano. Mancherai a tutti noi che rimaniamo, cercando di non abbandonarci allo sconforto di fronte a questo mondo ingiusto e spesso crudele.

Forse questo è l’impegno che ci pare il miglior modo di ricordarti ed accompagnarti.

Ciao Luciano.