index

 

Libia- 2011 (dal 22 febbraio)

film 'Il leone del deserto' - Youtube

http://it.wikipedia.org/wiki/Il_leone_del_deserto

Risoluzione Onu sulla Libia -PDF

vai a archivio  prevalentemente da repubblica.it (sotto)



ALCUNE PACATE CONSIDERAZIONI SULLE VICENDE LIBICHE

(...)Di “efferatezze” Gheddafi ne avrà sicuramente compiute. Molte meno di quante un’imponente campagna mediatica glie ne abbia attribuite, e, pur tuttavia, quel che accade in Libia non ha nulla di simile a quanto accaduto in Tunisia ed Egitto. Diverse sono, anzitutto, le condizioni economico-sociali. La Libia è il paese africano con il più alto reddito pro-capite (oltre 14.000 dollari), quello in cui sono più contenute le diseguaglianze sociali e più distribuita d’ogni altro paese produttore di petrolio è la rendita petrolifera. La disoccupazione giovanile è elevata come nei paesi limitrofi, ma i disoccupati dispongono di sussidi statali che altrove si sognano. Vi sono ritardi nel soddisfare il fabbisogno di case, infrastrutture e servizi, ma vi è anche una massa di 1,5/2 milioni di lavoratori immigrati (su una popolazione di 6,5 milioni), cui è riservata la maggior parte dei lavori manuali. Risultati raggiunti grazie alla rivoluzione contro re Idris, creato dalle e asservite alle potenze europee, e alla nazionalizzazione del petrolio che ne conseguì. Altri e più ambiziosi obiettivi che la rivoluzione si era prefissi non sono stati raggiunti, per motivi che non approfondiamo qui, e in cui figurano responsabilità anche della sua leadership. In particolare non ha avuto successo il piano di trasformare la Libia in un paese di moderno capitalismo, con apparati industriali e relative classi di borghesi e proletari, lasciando, di conseguenza, sul terreno sociale una struttura a relativamente forte prevalenza tribale. Persa questa battaglia, Gheddafi ha cercato di amministrare lo stato con un compromesso tra le tribù per la spartizione di potere e rendite petrolifere, senza, però, abbandonare alcune caratteristiche –quanto a uso “sociale” della rendita petrolifera- profondamente diverse rispetto alle petro-monarchie.

Sul piano della politica internazionale, esauritasi nella sconfitta la spinta pan-araba e falliti i tentativi di più o meno improbabili alleanze con movimenti “rivoluzionari” sparsi per il mondo (Europa inclusa), la Libia ha cercato di conquistarsi una relativa tranquillità intrecciando accordi e affari con paesi occidentali, e soprattutto con l’ex-madrepatria coloniale, l’Italia. Il prezzo è stato di trasformare il paese nell’ante-murale della jihad islamista e in cane da guardia dei flussi migranti dall’Africa sub-sahariana.(...) LEGGI TUTTO IN

Alcune pacate considerazioni sulle vicende libiche  doc  22 MARZO


Sarebbe stato meglio perdere Bengasi combattendo che passare dal dominio di un padrone libico a quello di un padrone occidentale, assetato di petrolio.Ma questa è una questione che solo gli insorti possono risolvere. (continua> COMUNICATO ASLO)

22 marzo


 estratto /dalla'Teoria e pratica della non-violenza . M.Gandhi

(...)

La non-violenza del debole o resistenza passiva va a sua volta, secondo Gandhi, nettamente distinta da quella che egli chiama la non-violenza del codardo, cioè dall'atteggiamento di colui che si astiene dalla violenza per semplice vigliaccheria o per altri motivi puramente egoistici. A coloro che appartengono a questo gruppo Gandhi non ha che un consiglio da dare, quello cioè d'imbracciare le armi e riscattarsi piuttosto che sottomettersi o adeguarsi opportunisticamente al potere dello sfruttatore, del tiranno, del carnefice, in nome di una presunta non-violenza. Nella scala gandhiana dei valori la non-violenza del forte occupa dunque il primo posto, la cosiddetta non-violenza del codardo l'ultimo.

 Ε se vi può essere discussione circa la questione se Gandhi preferisse la non-violenza del debole alla violenza, non vi può essere dubbio alcuno che egli sempre preferì la violenza, ove naturalmente la causa fosse ritenuta giusta, alla codardia. ≪... Non ho mai considerato la violenza - egli ha scritto in una occasione - come una cosa permessa. Ho semplicemente distinto tra il coraggio e la codardia. L'unica cosa lecita [lawful] è la non-violenza... Tuttavia, sebbene la violenza non sia lecita, quando viene usata per autodifesa o a protezione degli indifesi essa e un atto di coraggio, di gran lunga migliore della codarda sottomissione≫[34].

  Similmente, in altra occasione, scrisse che pur essendo convinto che ≪la non-violenza e infinitamente superiore alla violenza≫, tuttavia ≪nel caso in cui l'unica scelta possibile fosse quella tra la codardia e la violenza, io consiglierei la violenza[35].

  Scrisse anche di aver ≪notato che spesso le persone deboli invocano a giustificazione delle loro azioni la fede... nei principi da me predicati, quando, a causa della loro codardia, si rivelano incapaci di difendere il loro onore e quello di coloro che avrebbero dovuto proteggere≫[36]. Ε ricordando un episodio analogo, egli disse di aver pubblicamente denunciato tale condotta affermando che la sua non-violenza ≪giustificava pienamente la violenza usata da coloro che non credevano nella non-violenza e che erano chiamati a difendere l'onore delle loro donne e dei loro bambini≫. Ε aggiungeva: ≪La non-violenza non è una giustificazione per il codardo, ma e la suprema virtù del coraggioso. La pratica della non-violenza richiede molto più coraggio della pratica delle armi. La codardia e assolutamente incompatibile con la nonviolenza. 

Il passaggio dalla pratica delle armi alla non-violenza è possibile, e a volte perfino facile. La non-violenza dunque presuppone la capacita di colpire. Essa e un cosciente e volontario freno imposto alla propria volontà di vendetta. Ma la vendetta e sempre superiore alla passiva, imbelle e impotente sottomissione. Il perdono però e ancora superiore. Anche la vendetta è sintomo di debolezza≫[37]. 

 dalla premessa di Giuliano Pontara

(vedi testi dal libro 'Teoria e pratica della non-violenza . M.Gandhi)

 

 



per approfondire, in mancanza di notizie di alcuni giorni in questa rubrica:

 

new rainews24  tag LIBIA: http://www.rainews24.it/it/tag.php?id=1386

new blog sulla Libia   http://www.ilmondodiannibale.it/

altri articoli di manifesto e liberazione sulla Libia  sono archiviati in:

new   Onda araba- vedi articoli raccolta

"

alcune posizioni  contro l'intervento in Libia

le trasmissioni sulla Libia di 'Tuttalacittàneparla' di radio3rai

Se, come molti, ti senti combattuto tra l'orrore della guerra e la tragedia del popolo libico e pensi che gli eserciti stiano cercando di aiutare qualcuno, sappi che il pappone indigesto della guerra umanitaria e necessaria non è l'unico alimento disponibile in questi giorni> vedi:

http://it.peacereporter.net

http://www.emergency.it



archivio Libia

 

avviso- mi sto prendendo un po' di riposo ulteriore: questo e altri archivi devono essere rimpolpati con articoli mancanti di repubblica- Lo faro' nei prossimi giorni, non ho segnalazioni che qualcuno sia interessato e mi scriva ... dunque non  mi sento obbligato. (piero)

 



repubblica. it - 12 aprile-21.19

 

Libia, Londra e Parigi premono sulla Nato
I ribelli: "Fermate il massacro a Misurata"

Frattini: "Italia riluttante per passato coloniale"
Emergency nella città assediata: "Armano i bambini"

Il rappresentante di Bengasi a Roma: "Aiuti in soldi e armi". Drammatico appello: "Gheddafi pronto ad attacco finale". Francia e Gran Bretagna invocano uno sforzo maggiore degli alleati

 


 

repubblica. it - 11 aprile-21.58

Libia, stop dei ribelli: "Rais via o niente tregua"
Frattini: "Siamo contrari all'intervento di terra"

Il Cnt conferma la precondizione al sì al cessate il fuoco, dopo la disponibilità di Gheddafi ad accettare il piano dell'Unione africana (video): la mediazione "non rispetta i voleri del popolo"


repubblica.it 10 aprile- 21.06

Testimoni: "Gheddafi si ritira da Ajdabiya
Decine di cadaveri alle porte della città"

 

Prima l'avanzata dei lealisti, poi un intenso bombardamento Nato avrebbe rovesciato la situazione. Delegazione dell'Unione africana a Tripoli e Bengasi per una mediazione


 

repubblica.itMartedì 05 aprile 2011 – Aggiornato alle 21.24 

Libia, regime: "Negoziato, ma Gheddafi resta"
E i ribelli ora vendono il petrolio -
video

Foto Angelina tra i profughi, visita nei campi in Tunisia

 Tripoli sarebbe pronta a un negoziato per arrivare a una soluzione politica della crisi, ma senza le dimissioni del rais. Avanzata lealista a Brega, raid Nato sul terminal. Parte la prima petroliera del Cnt, greggio commercializzato dal Qatar  MAPPA

 


 

repubblica.it Lunedì 04 aprile 2011 Aggiornato alle 22.12 

 

Libia, l'Italia riconosce i ribelli
In Turchia si discute la tregua

 Frattini annuncia la svolta dopo l'incontro con il rappresentante del Consiglio di transizione: "E' l'unico interlocutore" (video). Ad Ankara l'inviato di Gheddafi, in arrivo quello di Bengasi. Gli insorti rifiutano la mediazione dei figli del rais / MAPPA


 

repubblica.it 3 aprile 22.21

Libia, trovati 68 migranti morti
Presto vertice Berlusconi-Sarkozy

LA DIRETTA. I corpi a largo di Tripoli. Ancora tensione a Lampedusa, minori appiccano il fuoco alla parrocchia (video)Nuovo esodo dalla tendopoli pugliese (foto) (video). Polemica con Tunisi, domani arriva il premier che "quanto prima" incontrerà il presidente francese.

Le forze di Gheddafi
attaccano i ribelli /
video

Il vice degli Esteri ad Atene
"Vogliamo la fine della guerra"

Ancora scontri a Misurata, assediata dai lealisti. Un morto e molti feriti nel crollo di una casa. Ritirata strategica degli insorti da Brega. Polemiche sul "fuoco amico": oltre 10 uccisi da raid Nato tra civili e rivoltosi / MAPPA


repubblica.it 1 aprile 21.36

Libia, "Vittime civili in raid aereo"
Ribelli pronti al cessate il fuoco

Fotoracconto I giorni della guerra

Battaglia per Brega. Fonti mediche: almeno 7 giovanissimi uccisi in un attacco a convoglio lealista. Gli insorti: "Tregua se il raìs si ferma". Voci di negoziati di Saif Gheddafi con Londra dopo le defezioni. Nuovo strappo della Germania di ANDREA TARQUINI


repubblica.it 29 marzo 21.49

Usa: "Gheddafi deve andarsene"
L'Italia preme per l'ipotesi esilio

Francia: "Pronti ad armare i ribelli"

CRONACA. Vertice a Londra, la Clinton: "Continua azione militare". Cameron: "Soluzione politica".  Insorti in ritirata. Da giovedì il comando dell'operazione alla Nato


repubblica.it 27 marzo- 21.37

Libia, l'esercito si ritira da Sirte
I ribelli: "Controlliamo il  petrolio"

Alla Nato il comando delle operazioni

LA DIRETTA. Frattini: "Lavoriamo ad un cessate il fuoco". Il Papa: "Fermare le armi, avviare il dialogo". Gli insorti prendono il centro petrolifero di Ras Lanuf. Nuovo attacco delle forze del raìs su Misurata ma i miliziani sono costretti ad abbandonare la città natale del raìs


repubblica.it 26 marzo 17.48

Libia, l'offensiva dei ribelli

Obama: evitato bagno di sangue video
Diario Tripoli: caccia ai cameramen - Tv

LA DIRETTA. Gli insorti liberano Ajdabiya e poi Brega, le forze di Gheddafi accerchiano e bombardano Misurata. Gelo Roma-Parigi. Il presidente Usa: "Missione sta avendo successo" dall' inviato VINCENZO NIGRO
La nazionale libica e la no-fly zone


Libia, la tragedia degli idrocarburi

Un despota che ha in mano tutta la ricchezza. Export al 90% da idrocarburi. Le potenze esterne, che acquistano gas e petrolio, e muovono il tiranno. Un copione già scritto, nelle storie delle "hydrocarbon societes"? Chiunque vinca, tornerà una dittatura del petrolio? Forse non è detto, stavolta
di Francesco Ciafaloni

repubblica.it 25 marzo 18.36

Libia, nuovo duello tra Italia e Francia

Frattini a Sarkozy: "Anche noi abbiamo idee"
Diario Tripoli: "Messinscena del regime" 
- Tv

DIRETTA. Accordo a Bruxelles, all'Alleanza guida dell'intera missione. Frattini: "Operativo da lunedì". Berlusconi soddisfatto (video). Parigi: Con Londra lavoriamo a soluzione politica. La secca risposta della Farnesina. Assedio a Misurata (video), i ribelli denunciano: "Massacro di civili" dall'inviato VINCENZO NIGRO


repubblica.it 24 marzo 18.34

Jet libico abbattuto: "Era in no-fly zone"
Misurata, gli insorti controllano il porto

Video Camera, Di Pietro a Frattini : "Conigli"
Diario - I danni - Helen, la donna pilota - Tv

LA DIRETTA Raid su bunker Gheddafi (video). Continuano gli scontri nella città ribelle (video): "Migliaia di stranieri bloccati". Riuniti Consiglio europeo e Consiglio atlantico. Camera, sì a risoluzione opposizione: quella della maggioranza approvata per soli 7 voti. Napolitano: "Siamo nella carta Onu" dall'inviato VINCENZO NIGRO

----------------

repubblica.it 24 marzo 9.36

Libia, ancora bombe su Tripoli
La Francia: "Avanti con i raid"

Reportage Le adunate e le crepe del regime
Diario - I danni - Conduttore armato - Tv

LA DIRETTA Bombe su bunker Gheddafi (video). Assedio dei lealisti a Misurata (video). Scontro su comando Nato, nuova riunione Consiglio atlantico. Senato, niente voto unitario. Sì a documento di maggioranza integrato da proposte Pd e anche uno dell'opposizione (scheda) dall'inviato VINCENZO NIGRO

 


repubblica.it 23 marzo 21.32

Tripoli, attacco al bunker di Gheddafi
Su mozione scontro in Senato - diretta tv
Frattini: "Comando a Nato", ma non c'è accordo
Diario Tripoli - Conduttore armato - Tornado - Tv

LA DIRETTA All'Italia il comando marittimo per l'embargo sulle armi. Misurata, la città sotto assedio (video). I lealisti colpiscono l'ospedale. Gheddafi (video): "Rido dei missili". Gli inglesi: "Aviazione libica non esiste più". Insorti formano governo ad interim. Dibattito in Senato, assente Berlusconi. Pd: "Danni all'Italia" (scheda)dall'inviato V. NIGRO
Mappa DIRETTA REPUBBLICA TV Foto navigabili


repubblica.it 22 marzo 20.54

Battaglia nei cieli, contraerea a Tripoli - Video

Il rimorchiatore - Bombe sul portoJet caduto - foto - Tv
Diario da Tripoli - Valli da Bengasi - D'Alema - Mappa  

LA DIRETTA. Nuovi raid (video). Attacco lealista a  Misurata e ad Ajdabiya. Precipita jet Usa, nei soccorsi feriti sei civili. Obama, Cameron e Sarkozy trovano l'intesa sul comando dell'Alleanza. La Germania si ritira dalle operazioni nel Mediterraneo. Ora il dibattito in Parlamento dal nostro inviato VINCENZO NIGRO
Armiamoci e pentiamoci di M.BRACCONI - BLOG Cento anni fa di E.FRANCESCHINI - Emergency
D'Alema a Repubblica Tv: "Intervento tardivo e disorganizzato, ma era necessario muoversi"

----------------

repubblica.it 22 marzo 8.48

Italia-Francia, scontro su Nato. Notte di bombe
Berlusconi: "Sono addolorato per Gheddafi"

Il regime spera: "Il peggio è passato" - foto - video - Tv
Diario da Tripoli - I voltiMurales - Scudi umani - Mappa  

LA DIRETTA. Ancora raid sulla Libia, esplosioni presso la residenza del raìs (video). Frattini a Repubblica Tv: "Le basi italiane non possono essere dirette da Parigi" (video). Gelo francese. Ma Obama apre: "L'Alleanza avrà un ruolo". Giallo sul ruolo dei Tornado italiani. Il premier: "Non sparano"(video). Voci sulla morte di un figlio del Colonnello. Ansia per il rimorchiatore italiano dal nostro inviato VINCENZO NIGRO


repubblica.it 21 marzo 15.03

Libia, Frattini: 'No alla guerra, rispetto dell'Onu'
Voci su morte del figlio di Gheddafi -
foto video

Pilota italiano: "Non abbiamo sganciato bombe" - Tv
Diario da TripoliI voltiMurales - Scudi umani - Mappa  

   Libia, Frattini   : 'No alla guerra, rispetto dell'Onu'   Voci su morte del figlio di  Gheddafi  -   foto    video

LA DIRETTA Terzo giorno di operazioni (video). Il ministro degli Esteri: "Occorre coordinamento Nato". Ban Ki-moon aggredito al Cairo da manifestanti filo-Gheddafi. Ieri in azione Tornado italiani. Missile centra la residenza del rais. Sarebbe rimasto ucciso il figlio Khamis. I ribelli: "Ottomila morti". Mistero su rimorchiatore italiano sequestrato. Governo italiano diviso, Berlusconi a Bossi: "Non c'era alternativa"


21/3/2011

COMUNICATO STAMPA
EMERGENCY CONDANNA LA GUERRA IN LIBIA

Ancora una volta i governanti hanno scelto la guerra. Oggi la guerra è “contro Gheddafi”: ci viene presentata, ancora una volta, come umanitaria, inevitabile, necessaria.

 Nessuna guerra può essere umanitaria. La guerra è sempre stata distruzione di pezzi di umanità, uccisione di nostri simili. “La guerra umanitaria” è la più disgustosa menzogna per giustificare la guerra: ogni guerra è un crimine contro l’umanità.

 Nessuna guerra è inevitabile. Le guerre appaiono alla fine inevitabili solo quando non si è fatto nulla per prevenirle. Se i governanti si impegnassero a costruire rapporti di rispetto, di equità, di solidarietà reciproca tra i popoli e gli Stati, se perseguissero politiche di disarmo e di dialogo, le situazioni di crisi potrebbero essere risolte escludendo il ricorso alla forza. Non è stato questo il caso della Libia: i nostri governanti, gli stessi che ora indicano la guerra come necessità, fino a poche settimane fa hanno finanziato, armato e sostenuto il dittatore Gheddafi e le sue continue violazioni dei diritti umani dei propri cittadini e dei migranti che attraversano il Paese.

Nessuna guerra è necessaria. La guerra è sempre una scelta, non una necessità. È la scelta disumana, criminosa e assurda di uccidere, che esalta la violenza, la diffonde, la amplifica. È la scelta dei peggiori tra gli esseri umani.

 Ai governanti che vedono la guerra come unica risposta ai problemi del mondo, rivolgiamo di nuovo l’appello del 1955 di Bertrand Russell e Albert Einstein nel loro Manifesto:

 «Questo dunque è il problema che vi presentiamo, netto, terribile ed inevitabile: dobbiamo porre fine alla razza umana oppure l'umanità dovrà rinunciare alla guerra?»

 Come ha scritto il grande storico statunitense Howard Zinn: «Ricordo Einstein che in risposta ai tentativi di “umanizzare” le regole della guerra disse: “la guerra non si può umanizzare, si può solo abolire”. Questa profonda verità va ribadita continuamente: che queste parole si imprimano nelle nostre menti, che si diffondano ad altri, fino a diventare un mantra ripetuto in tutto il mondo, che il loro suono si faccia assordante e infine sommerga il rumore dei fucili, dei razzi e degli aerei».

 Emergency è contro la guerra, contro tutte le guerre. Ce lo impongono la nostra esperienza, la nostra etica e la nostra cultura, la nostra umanità prima ancora che la nostra Costituzione.

 Chiediamo che tacciano le armi e che si riprenda il dialogo, anche attraverso l’invio degli ispettori delle Nazioni Unite e di osservatori della comunità internazionale; chiediamo l’apertura immediata di un corridoio umanitario per portare assistenza alla popolazione libica.

Ufficio Stampa e comunicazione

 EMERGENCY

 


Foad Aodi: «Libia, quell'Occidente sempre in ritardo» 20 marzo  www.ilfuturista.it


repubblica.it 20 marzo 22.19

Governo libico proclama "cessate il fuoco", dubbi Usa
Colonna di fumo su casa Gheddafi. Tornado in azione

Rimorchiatore italiano sequestrato da uomini armati: va verso Tripoli
Diario da Tripoli - Il fotoracconto - Convoglio centrato - Mappa - tv

DIRETTA NON-STOP 24 ORE. Prosegue l'operazione "Odyssey Dawn" (video). La contraerea difende il Rais (video). La Lega Araba: "Le bombe non aiutano la no-fly zone". Condanna di Mosca. Gheddafi minaccia l'Occidente (audio): "Stiamo armando un milione di persone.  Italia ha tradito". Poi in serata l'annuncio del governo (video). Napolitano: "Non siamo in guerra, è operazione Onu". Sei aerei italiani in missione nell'area, sono decollati da Trapani. Il Papa: "Tutelare la popolazione" (videodal nostro inviato a Tripoli VINCENZO NIGRO

-------------------------------

repubblica.it 20 marzo 11.31

Gheddafi: "Inferno per l'Occidente, l'Italia ci ha tradito"
Usa, Francia e Gb, attacco alla Libia. Tripoli brucia -video

Diario da Tripoli - Reportage da Bengasi : tra festa e paura / Foto - Tv
"Fuoco giorno e notte" . Precipita caccia libico: video - foto

  Gheddafi:  "Inferno per l'Occidente, l'Italia ci ha tradito"   Usa, Francia e Gb, attacco alla Libia.  Tripoli brucia   -  video

DIRETTA NON-STOP 24 ORE. Bloccata nave italiana. In svolgimento l'operazione "Odissey Dawn". Il Pentagono: "Lanciati 110 cruise" (video). Raid sulla capitale libica. Scudi umani intorno al raìs. Ora raid sospesi. Le forze del Colonnello attaccano Bengasi (audio). Condanna russa. Il raìs chiede riunione Onu e minaccia l'Occidente. L'ira di Bossi: "Silvio sbaglia, l'Italia rischia". Napolitano: "Faremo quel che è necessario" dall'inviato a Tripoli V. NIGRO, di B. VALLI da Tobruk e di C. BONINI

 


repubblica.it 19 marzo 19.30

Via ai raid: caccia francesi distruggono quattro tank libici
Sarkozy: colpa del rais. Condanna russa video - diretta tv

Berlusconi: "Pronti, ma non credo servirà" / Fotoracconto Inizia la guerra

 Via ai raid : caccia francesi distruggono quattro tank libici  Sarkozy: colpa del rais. Condanna russa    video   -   diretta tv

DIRETTA NON-STOP 24 ORE. Dopo il vertice con Ue, Usa e Paesi arabi, Parigi inizia le operazioni. Obama: "Pronti ad agire con la coalizione" (video). Aerei italiani schierati in Sicilia. Le forze del raìs attaccano Bengasi (audio), bombardato campo Croce rossa. Dal regime libico scudi umani e minacce (video). Abbattuto un aereo (video). Napolitano: "L'Italia farà quel che è necessario" dall'inviato VINCENZO NIGRO

--------------------------------------------------------------------------

repubblica.it 19 marzo 11.22

La battaglia di Bengasi, vittime - tv
Frattini: Italia pronta a raid, basi, aerei
Il raìs a Francia e GB: "Ve ne pentirete "

DIRETTA I tank delle truppe lealiste nella roccaforte dei ribelli. Almeno 8 morti. Abbattuto un aereo (video). Civili in fuga. Ultimatum al colonnello: "Stop ostilità". La replica: "Offensiva fermata. Risoluzione Onu è colonialismo". Oggi vertice a Parigi. E potrebbe scattare l'azione militare
Il commento di Zucconi
Le forze in campo Mappa no fly zone
Meglio di Obama? di E. FRANCESCHINI Nichi, anche no di M.BRACCONI
AquaroSCHEDAMisurataTwitterMAPPADossier Limes

 


repubblica.it 18 marzo 10.33

 

Gheddafi sfida l'Onu e bombarda Misurata

I francesi: "Attacchi nelle prossime ore".  Bengasi esulta

DIRETTA. Il Consiglio di sicurezza Onu ha approvato la risoluzione (video) che prevede anche "tutte le misure necessarie a proteggere i civili". Bengasi festeggia (video). Parigi preme per un'azione immediata, l'Italia dovrebbe concedere basi. Il Rais (audio) ventila ritorsioni nel Mediterraneo. Il figlio: "Non abbiamo paura, arriveremo a Bengasi". Un vice ministro parla di disponibilità al cessate il fuoco purché concordato.


repubblica.it 16 marzo 19.25

Libia, la Croce Rossa si ritira da Bengasi
Scomparsi 4 giornalisti del New York Times

Said Gheddafi: "Questione di ore". Insorti contro l'Occidente

 Il figlio del rais: forze regolari vicine a Bengasi (video). Bombe su Misurata. Il ministro francese Juppè: "Non è troppo tardi" per un'azione militare. Frattini: "Il colonnello non può essere cacciato". Da oltre un giorno perse le tracce dei reporter, tra loro Shadid e Farrell

 


repubblica.it 15 marzo 12.13

I ribelli all'Occidente: "Eliminate Gheddafi"
Le forze del rais alle porte di Ajadabiya

 

 Il Consiglio nazionale di transizione chiede aiuti concreti alla comunità internazionale. Clinton: sostegno politico ed economico, ma non militare. Le truppe del colonnello avanzano verso Bengasi. Nessun accordo tra i ministri degli G8 riuniti a Parigi


repubblica.it 13 marzo 21.36

Libia, i ribelli ormai in fuga
Tripoli: "Ora a Bengasi"

Bahrein, polizia contro ribelli

Le truppe lealiste continuano l'avanzata verso est, gli insorti in ritirata dalle loro roccaforti. Presa Brega. Bandiere lealiste a Tobruk. Al Jazeera: nostro cameraman ucciso in imboscata


repubblica.it 12 marzo 2011- 18.04

Tripoli riprende Ras Lanuf
Lega Araba per no-fly zone

Berlusconi e il baciamano 
"Sono un guascone..."
Video

LA DIRETTA Le truppe leali a Gheddafi continuano l'avanzata verso est nelle zone controllate dai ribelli. Ora puntanto a Misurata. Al vertice al Cairo il segretario Mussa favorevole a chiedere all'Onu lo spazio aereo controllato per fermare bombardamenti
dall'inviato VINCENZO NIGRO

---------------------

repubblica 10 marzo 21.06

Libia, Sarkozy: raid aerei mirati
Per la Nato serve risoluzione Onu
Gheddafi jr: "Né resa né negoziati"

LA DIRETTA. Le forze del regime riprendono Zawiya. Bombe su Ras Lanuf. Il figlio del colonnello: "Non ci arrenderemo nemmeno in caso di intervento internazionale". La pressione di Parigi sulla Ue e l'Alleanza. L'Eni: presto sarà bloccata la produzione di petrolio di RICCARDO STAGLIANO'
Diario da Tripoli dall'inviato VINCENZO NIGRO
Reporter Bbc in mano alla polizia di Gheddafi

-------------------------

 repubblica.it 9 marzo 2011 -

Ultimatum degli insorti a Gheddafi
"Via entro 72 ore, senza processo"

Blocco Ue, Unicredit pronta a congelare i voti

DIRETTA. Attesa vana per la dichiarazione del colonnello nell'hotel dei giornalisti. Bombe su Ras Lanouf e Zawiya. Obama e Cameron d'accordo su no fly zone.  Il Consiglio dei ribelli crea sito web. Sanzioni europee su fondo sovrano Lia e banca centrale libica. Sbarchi a Lampedusa. Bossi smentisce il Colonnello: "Le armi noi le fabbrichiamo". Nuova impennata della benzina dall'inviato VINCENZO NIGRO

--------------------

repubblica.it 8 marzo 2011 - 22.04

Ultimatum degli insorti a Gheddafi
"Via entro 72 ore, senza processo"

Blocco Ue, Unicredit pronta a congelare i voti

DIRETTA. Attesa vana per la dichiarazione del colonnello nell'hotel dei giornalisti. Bombe su Ras Lanouf e Zawiya. Obama e Cameron d'accordo su no fly zone.  Il Consiglio dei ribelli crea sito web. Sanzioni europee su fondo sovrano Lia e banca centrale libica. Sbarchi a Lampedusa. Bossi smentisce il Colonnello: "Le armi noi le fabbrichiamo". Nuova impennata della benzina dall'inviato VINCENZO NIGRO

----------------------

repubblica 7 marzo 2011 18.10

Obama avverte Gheddafi
"La Nato studia opzione militare"
Foto I ribelli si difendono dai raid aerei

LA DIRETTA Continua la controffensiva del regime nell'est . Ban Ki-moon: "Stop attacchi a civili". L'Alleanza atlantica: "Se continuano stragi interveniamo". A Bengasi la nave di aiuti e Frattini dialoga con l'opposizione. Maroni: "Intervento armato sarebbe un grave errore" BLOG Lavoro dignitoso di V. LONGHI / Chi arma il raìs di R. STAGLIANO'

repubblica 7 marzo 2011- 8.11

Gheddafi al contrattacco nell'est
Ora gli Usa temono il caro petrolio
Quella "festa" a Tripoli - audio

 LA CRONACA Battaglie negli avamposti ribelli. Gli insorti: "Tutta la Libia orientale è libera. Il mondo ci riconosca". Il colonnello: "Se cado, Europa sarà invasa". Maroni: "Gli americani si diano una calmata". Obama: "Pronti a usare le riserve di greggio" di VINCENZO NIGRO e FEDERICO RAMPINI

---------------------------------

repubblica 5 marzo 2011- 20.45

Libia, i tank di Gheddafi a Zawiya - Foto
"Sparano sulla folla, oltre 200 morti"

Diretta tv - Video I ribelli: "Attacco respinto"
LA DIRETTA Nella città non lontana da Tripoli si continua a combattere. I ribelli: "Senza aiuto dall'estero non ce la faremo". Con le forze del regime ci sarebbero mercenari. Governo all'Onu: "No sanzioni". I profughi alla frontiera: "Ci hanno presi in ostaggio" dagli inviati GIAMPAOLO CADALANU e VINCENZO NIGRO

------------------------------

repubblica.it 4 marzo 2011 - 15.26

Bombe ad est. Scontri a Tripoli
Napolitano: 'Gheddafi fermi i militari'
Diario libico: "Braccio di ferro con il rais"
Libia, la controffensiva su Brega e Ajdabya. Centinaia di oppositori nella capitale. Reportage da Bengasi. Obama: "Pronti a usare la forza". Il capo dello Stato: "Basta violenze contro il popolo". Maroni: "Modesto il sostegno Ue". La missione umanitaria parte stasera da Catania. Parigi: "Tunisini restino in Italia" di P. DEL RE e V. NIGRO
I rifugiati al confine tra Libia e Tunisia visti da Google Earth /FOTO
Lo scenario. Nel vento della rivolta il seme dell'Iran di BERNARDO VALLI

---------

- 4 marzo 2011

Tunisia, Egitto, Libia. Domande di un lettore di annuari

Economia, demografia, sviluppo. Qualche riflessione sulle rivoluzioni in corso a partire dalla lettura dei numeri di un annuario
di Francesco Ciafaloni

Le imprese italiane, l’Europa, la Libia

Anche gli inglesi e i francesi hanno avuto i loro business con Gheddafi. Ma gli italiani hanno fatto di più. Ecco la situazione
di Vincenzo Comito

-------

Libia, il Pentagono riposiziona tutte le forze navali

«Gli Stati uniti stanno muovendo forze navali e aeree nella regione» per preparare «l'intera gamma di opzioni» nei confronti della Libia: lo ha annunciato ieri il portavoce del Pentagono, il colonnello dei marines Dave Lapan. Ha quindi detto che «è stato il presidente Obama a chiedere ai militari di preparare tali opzioni», poiché la situazione in Libia sta peggiorando. I militari hanno quindi iniziato «la fase di pianificazione e preparazione» per un intervento in Libia. Gli strateghi del Pentagono stanno lavorando a vari piani specifici, in funzione dei quali è iniziato il «riposizionamento di forze»..... (il manifesto2mar2011)

-------------

Appello: "Fermiamo il massacro in Libia"

---------------

repubblica.it 3 marzo 2011 - 12.37

Libia, bombe sul centro petrolifero
Ue congela i beni di Gheddafi

Italia, sì a missioni in Tunisia e Cirenaica

Gli aerei del Raìs colpiscono ancora Brega e Ajdabya. La minaccia: "Migliaia di morti" in caso di intervento internazionale (Video). No fly-zone, dubbi Usa. Maroni: "Piano B se c'è esodo di massa" dall'inviato V. NIGRO e dal corrispondente F. RAMPINI

---------------

repubblica.it 2 marzo 2011 - 20.48

L'offensiva di Gheddafi / video
Usa: no fly-zone richiede attacco
Napolitano: "Intesa Ue sugli immigrati"

Interventi militari ordinati dal Raìs. Bombardamenti a Brega (audio). Ong: "Finora 6.000 morti". A Lampedusa dieci barconi in 24 ore.  Maroni: "Rischio infiltrazioni terroristiche" /

repubblica.it 1marzo 2011 - 22.41

Lampedusa, indagati i 6.000 tunisini
il reato è "immigrazione clandestina"
   

La procura di Agrigento sommersa dalla burocrazia: "Per legge siamo costretti a farlo. Dobbiamo aprire fascicoli per la mancata presentazione dei documenti". Il sindaco dell'isola sotto inchiesta: "Ha istigato all'odio razziale" di F. RUSSELLO

Libia, allarme profughi al confine con la Tunisia
L'Italia pronta a lanciare missione umanitaria
  Audio Alla frontiera è una calca infernale

 Boldrini (Unhcr) in Senato: "Da noi pressione non superiore ad altri Paesi, abbassare i toni". Il governo vara operazione per assistere 10.000 rifugiati. Vertice Ue l'11 marzo. Si lavora a ipotesi embargo. La Russa: "Forse necessarie nostre navi"

----------------

'l'infedele'- ITALIA, LIBIA, LA LIBERTA' CI FA PAURA?video 28 febbraio 2011

repubblica.it 28feb2011 - 20.29

Gheddafi: "Tradito da Usa, il popolo mi ama"
Ue, sì alle sanzioni. Per il Raìs ipotesi esilio

Diario da Tripoli Fra i sostenitori del regime
Del Re "Così bombardano la Cirenaica"

 DIRETTA Bruxelles: il colonnello non controlla più il petrolio. Tentativo di controffensiva a Zawaija. Forze americane nell'area. Clinton: "Ma nessuna azione con nostri mezzi". II reportage da Zawaiya e dalla Cirenaica  dagli inviati V. NIGRO e P. DEL RE

   repubblica.it 27feb2011

Onu, approvate le sanzioni 
Embargo armi e blocco dei beni

L'inviato: "La contraerea sulla folla" / Twitter
Il dossier: così l'Italia ha armato il Raìs
LA DIRETTA.  Nella notte il sì del Consiglio di sicurezza. Non escluso "un intervento "internazionale". Calma nella capitale dopo l'arringa del Colonnello (video). Obama: "Raìs vada via". La Russa: "Finito trattato d'amicizia" (video). Le prime verità sul massacro: contraerea in azione di V. NIGRO e C.BONINI
L'AMBIGUO PATTO VIDEO Limes
La Libia, Obama e le giravolte del premier di E. SCALFARI

--------------------

new rainews24  tag LIBIA: http://www.rainews24.it/it/tag.php?id=1386

new blog sulla Libia   http://www.ilmondodiannibale.it/

-----------

 

 

 audio Tra le righe – 25 febbraio 2011 radio beckwith

Anche tra le righe si occupa della situazione nordafricana di questo periodo caldo. In particolare la situazione libica, con attenzione ai particolari rapporti tra Governo italiano e Gheddafi.

----------------

 

Alex Zanotelli: appello Libia- 24 febbraio 2011

http://www.improntalaquila.org/2011/03/23/articolo18461/

--------------------------------

libia_presidio_montecitorio_ore16_24feb2011-commenti_situazione_libia_rainews24

audio Rai News 24 - 24 feb 2011-ore 16.10

-----------------

Libia_radiopopolare_22feb2011_ore20-30

audio