Giuseppe Milana

Ho conosciuto il compagno Giuseppe Milana durante la vertenza della
INDESIT in una stagione molto difficile per il movimento operaio,infatti
oltre alla INDESIT era in atto la vertenza FIAT con l'annuncio di
licenziamento di trentacinquemila tra operai ed impiegati.

L'INDESIT aveva una sua specificitā nel panorama di allora il ritiro
della proprietā da qualunque impegno, una vertenza senza controparte era
la prospettiva a meno che non si presentasse un nuovo acquirente.

La conclusione fu che una piccola parte di lavoratori fu reinserita nel
posto di lavoro e la stragrande maggioranza fu messa in cassa
integrazione a zero ore.

In quel arco di tempo"1980 -- 1995", successe di tutto; la rottura
dell'unitā sindacale e di conseguenza la fine della FLM il commissario
straordinario per la INDESIT la legge che riordinava la cassa
integrazione con l'introduzione della mobilitā.

Si pose allora per il sindacato Pinerolese di dar vita ad un
coordinamento unitario dei lavoratori in cassa integrazione prima ed in
mobilitā poi con l'obiettivo di garantire il reddito e promuovere
iniziative di reinserimento nel circuito lavorativo.

Su tutta questa vicenda Milana e stato un protagonista , ha contribuito
attivamente a tenere insieme a trasmettere informazioni a promuovere
assemblee in tutto il territorio ed organizzare manifestazioni

anche a livello nazionale per tenere viva la vicenda di 2500 lavoratori
INDESIT.

Tutta questa attivitā ha distinto il compagno Milana per il grande
spirito unitario con cui ha gestito il coordinamento e il tesseramento
unitario dei cassintegrati in assenza di unita sindacale, ma soprattutto
ha saputo tenere insieme una massa enorme di lavoratori con la ricerca
continua di obiettivi ed iniziative per garantire il reddito, anche se
minimo, utilizzando le opportunitā che le leggi gli permettevano.

In tutto quel periodo l'impegno di Milana in CGIL e stato totale e
volontario, resta un grosso rammarico la sua scomparsa, quello che a me
resterā sempre presente e la sua grande umanitā e la disponibilitā verso
gli altri. Compagni come Milana sono e saranno sempre preziosi per il
sindacato ma soprattutto per le persone che al sindacato si rivolgono
per rivendicare i propri diritti.

Vittorio Federico