Gino Rostan

spezzone video con Gino

spezzone video con Viola, sua moglie, ex staffetta partigiana

Nell’alta val Chisone, da Perosa Argentina al colle del Sestrieres, si formano le prime bande partigiane subito dopo l’8/9/1943. Alla confluenzaa della Val Chisone con la Val Germanasca nascono due piccoli nuclei, di studenti e di giovani operai guidati dai fratelli Gay e da Domenichini.Lo spirito valdese fa da trait d’union richiama Griglio e i fratelli Caffer di Pomaretto e i fratelli Long dell’Inverso di Pinasca. Nella zona di Pinasca attorno a Galliano, un ex militare comunista, nasce un piccolo gruppo molto efficiente. A Roreto c’è il gruppo comandato dal meccanico Fiore Toye e Eugenio Juvenal. A Sestrieres si costituisce un gruppo formato da contadini, boscaioli, maestri di ski, tutti militari reduci dai Balcani, diventa la più importante banda della valle quella di Maggiorino Marcellin Bluter.

 

"Sono passati oltre cinquanta anni da quel lontano periodo della lotta partigiana.

Ogni anno sono salito sui monti delle nostre valli, Chisone e Germanasca, con amici, con la moglie i figli i nipoti e da solo.

Ho ripercorso più volte viottoli, attraversato colli e mi sono fermato in località che mi rammentavano quei lontani giorni.

Rivedevo i compagni caduti Enrico, Dario, Renzo, Paolo, Gianni, Erminio…..

Ed inoltre i compagni scomparsi in questi anni, Dario, Umberto, Enzio, Guido, Isidoro….

Al ritorno da queste gite la sera prima del sonno, con il pensiero ripercorrevo l’itinerario della bella giornata trascorsa e mi tornavano alla mente fatti del periodo partigiano molto vivi che fino allora erano rimasti sopiti."

Tempi di guerra - diario di Gino Rostan

prima parte seconda seconda bis terza quarta