UN DURISSIMO COLPO ALLA RIFORMA PENSIONISTICA

IL FONDO PENSIONE COMIT RISCHIA IL COMMISSIORIAMENTO

 
LAVORATORI/CI DELLA SKF DI AIRASCA

 

 

 

 

Il fondo pensione COMIT rischia il possibile commissariamento perché presenta un disequilibrio tra quanto oggi il fondo paga ai pensionati della Banca Commerciale Italiana e quanto in previsione gli stessi potranno ricevere come pensione.

Manca la liquidità, il fondo è vicino al prosciugamento.

Per erogare le pensioni il fondo è stato costretto negli ultimi anni a vendere immobili. L’unico modo per tentare di fare cassa e assicurarsi liquidità.

 

E’ in procinto una vera catastrofe finanziaria.

Nell’esercizio 2003 il disavanzo di bilancio ha raggiunto la cifra di 28,5 milioni di euro.

Banca Intesa e gli amministratori del fondo hanno deciso di scindere le proprie responsabilità passando il cerino alla COVIP, ( commissione di vigilanza dei fondi pensione).

Le organizzazioni sindacali Falcri, Fiba-Cisl, Fisac-Cigil e Uilca-Uil vanzano come ipotesi di soluzione il trasferimento delle posizioni previdenziali degli iscritti al fondo COMIT al fondo pensioni di Banca Intesa e una offerta di una tantum agli attuali pensionati in sostituzione della rendita vitalizia.

Per arrivare alla delibera di scioglimento del fondo pensioni COMIT.

 

La vicenda per il momento è stata tenuta sotto silenzio, forse per evitare il panico che si potrebbe scatenare tra lavoratori chiamati a scegliere tra il mantenimento del TFR e il passaggio con la truffa del silenzio assenso ai fondi pensione.

Ma, al di là del tentativo di tenere sotto chiave la notizia di un possibile commissariamento del Fondo Pensioni presenti nello scarico sui fondi pensione della pensione pubblica.

 

I lavoratori della ex Banca Commerciale rischiano di assistere alla trasformazione in carta straccia della propria pensione.

 

Questa inquietante vicenda conferma ciò che economisti, e sindacati di base denunciano da tempo, il rischio della gestione di grandi capitali in mano ai sindacati confederali, troppo influenzabili dai poteri governativi e del mondo della finanza.

I lavoratori rischiano così di trovarsi alla fine della vita lavorativa una montagna di carta straccia, vedi le obbligazioni della Parmalat, le azioni, i fallimenti delle multinazionali della finanza.

 

COLLETTIVO ALP/CUB SKF AIRASCA                      cicli Via Bignone 89

                                                                                                                                                                            Pinerolo (To) tel 0121/ 321729